La rivoluzione di Trump partirà dal commercio:

Appena insediatosi Donald Trump inizierà il processo di modifica dei trattati commerciali. Saranno negoziati nuovi accordi commerciali: rigettati decenni di "politiche commerciali concilianti"

La rivoluzione di Trump partirà dal commercio:

Come cambierà l'America con Donald Trump alla Casa Bianca? Ancora presto per dirlo. Intanto, però, si intravedono le prime mosse sullo scacchiere. Appena insediatosi Trump inserirà la quarta per modificare i trattati commerciali. Lo aveva promesso e dovrebbe farlo dal primo giorno della sua amministrazione. A rivelarlo è una bozza di documento, ottenuta dalla Cnn, riservata al team che si occupa dell'insediamento del presidente neo eletto.

Nel piano è delineata l'ossatura delle politiche commerciali americane per i primi 200 giorni di presidenza. Si precisa però, nel documento, che si tratta solo di linee elencate "a solo scopo di discussione". Insomma, ancora non ci sono decisioni certe. Una cosa è certa: il "transitional team" di Trump, la squadra che sta lavorando in vista dell'insediamento, ha sviluppato un programma per la nuova amministrazione basato sul lavoro pre-elettorale e sulle promesse della campagna. "Il piano commerciale di Trump - si legge nella bozza - rompe con le ali globaliste sia dei repubblicani, sia dei democratici".

La rivoluzione commerciale

"L'amministrazione Trump - si legge - ribalterà decenni di politiche commerciali conciliatorie. Nuovi accordi commerciali saranno negoziati nell'interesse prima dei lavoratori e delle compagnie statunitensi". Essenzialmente sono cinque i punti su cui si basa il piano: rinegoziare o revocare l'accordo nordamericano per il libero scambio Nafta; fermare l'accordo Trans Pacific Partnership (Ttp); bloccare "le importazioni scorrette"; porre fine alle "pratiche commerciali sleali"; negoziare in modo bilaterale i nuovi accordi commerciali.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento