Guerra in Ucraina

"È una spia". E Mosca fa scattare l'arresto del diplomatico

Il console giapponese a Vladivostok, Motoki Tatsunori, è stato arrestato dall'Fsb per spionaggio. Il funzionario sarebbe stato colto in flagranza di reato mentre raccoglieva informazioni classificate

"È una spia". E Mosca fa scattare l'arresto del console giapponese a Vladivostok

I servizi russi hanno arrestato il console giapponese a Vladivostok per spionaggio. Il Servizio di sicurezza federale russo (Fsb) ha fatto sapere che Motoki Tatsunori è stato fermato e messo sotto custodia per aver acquisito documenti con informazioni classificate sugli effetti delle sanzioni sull'economia dell'estremo oriente russo. Nelle ultime ore, Tokyo aveva annunciato la decisione di introdurre nuove sanzioni all'indirizzo della Russia, bloccando l'esportazione di prodotti usabili nella produzione di armi chimiche.

L'arresto del console giapponese in Russia

L'episodio è ancora avvolto nella nabbia. Il funzionario diplomatico giapponese, come detto, sarebbe stato colto in flagranza di reato mentre raccoglieva informazioni sull'impatto delle sanzioni occidentali e, per questo, sarebbe stato dichiarato persona non grata. "Il Servizio di sicurezza federale russo nella regione dell'Estremo oriente ha impedito un'azione di spionaggio da parte di Motoki Tatsunori, console presso il Consolato generale giapponese a Vladivostok", si legge in una nota diffusa dall'Fsb.

Il diplomatico giapponese è stato arrestato mentre riceveva, dietro compenso monetario, informazioni a diffusione limitata sugli aspetti attuali della cooperazione della Russia con uno dei Paesi della regione dell'Asia-Pacifico e sull'impatto delle sanzioni occidentali sulla situazione economica nella regione dell'Estremo oriente, hanno aggiunto i servizi di Mosca.

"Una protesta è stata espressa alla parte giapponese attraverso i canali diplomatici. Motoki Tatsunori è stato dichiarato persona non grata in relazione ad attività incompatibili con lo status di diplomatico", conclude il comunicato russo.

Il video e la presunta ammissione

L'Fsb ha pubblicato un breve filmato, presumibilmente girato all'interno di un suo ufficio. Tatsunori, ripreso in primo piano, ammette di aver violato la legge della Russia. "Hai capito di aver violato la legislazione della Federazione Russa", gli chiede un agente. "Adesso ho capito", risponde il diplomatico giapponese.

La stessa voce pone poi un'altra domanda retorica al console: "Hai capito di aver raccolto informazioni da cittadini russi riguardanti la situazione politica ed economica del Paese, in Russia, in cambio di soldi?". "Adesso ho capito", ha ripetuto Tatsunori, sguardo basso e cupo in volto.

A proposito delle nuove sanzioni contro la Russia varate dal Giappone, il ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria giapponese ha annunciato che "per contribuire agli sforzi internazionali, il Consiglio dei ministri ha approvato il divieto di esportazione verso 21 organizzazioni designate e il divieto di esportare armi chimiche e altri beni nella Federazione Russa".

Tra le organizzazioni russe incluse nell'elenco delle sanzioni ci sono l'Istituto centrale di ricerca del Ministero della Difesa della Federazione Russa, OJSC Moselectronproekt, NPO Etalon, JSC VO Mashpriborintorg, JSC Energia. Compare inoltre l'Istituto di fisica teorica e sperimentale AI Alikhanov del Centro nazionale di ricerca "Kurchatov Institute", LLC "Sistema di offerte automatizzate dell'ordine di difesa dello Stato", PJSC "Impresa di ricerca e produzione Arzamas" "Temp-Avia".

Commenti