La scelta del parlamento britannico: "Il tesoro di Gheddafi andrà ai familiari delle vittime dell'Ira"

Il patrimonio riconducibile a Gheddafi attualmente custodito in Gran Bretagna ammonterebbe a oltre “12 miliardi di dollari”

Il parlamento britannico ha deciso di destinare ai familiari delle vittime del terrorismo nordirlandese il tesoro di Gheddaficustodito entro i confini del Regno Unito.

Tale iniziativa, promossa da un fronte partitico trasversale, è maturata in seguito alla pubblicazione di un dossier, da parte della commissione Finanze di Westminster, secondo cui il governo di Londra, negli ultimi tre anni, avrebbe ricavato dal patrimonio dell’ex Raìs libico, tra tasse, dividendi e interessi, oltre “17 milioni di sterline”.

Il “tesoro” in questione, consistente in denaro depositato su conti correnti aperti presso istituti di credito inglesi nonché in partecipazioni azionarie nel capitale di aziende del Regno Unito, era stato sequestrato alla famiglia Gheddafi dalle autorità di Londra nel 2011, in concomitanza con l’inizio dell’operazione militare anglo-franco-americana contro l’allora leader di Tripoli.

A detta del dossier parlamentare, il valore complessivo dei beni riconducibili all’ex dittatore nordafricano presenti in Gran Bretagna supererebbe la soglia dei 12 miliardi di dollari. Westminster ha quindi ultimamente deciso di destinare questa cifra così elevata ai familiari dei cittadini uccisi dal gruppo terroristico Ira tra la fine degli anni Settanta e la fine degli anni Novanta.

La scelta di impiegare il patrimonio dell’ex Raìs per mitigare le sofferenze di chi ha vissuto sulla propria pelle la brutalità della follia eversiva ha infatti costituito l’oggetto di una recente risoluzione della Camera dei comuni, approvata sia con il voto della maggioranza di governo sia con il contributo delle opposizioni. Il primo firmatario di tale atto parlamentare è stato il deputato Nigel Dodds, vice-segretario del partito nordirlandese Democratic Unionist Party (Dup).

Costui ha quindi commentato con queste parole, rilasciate ai cronisti del quotidiano The Daily Telegraph, la presa di posizione ufficiale dell’assemblea legislativa britannica in merito al “tesoro di Gheddafi”: “Il deposto dittatore libico ha contribuito a esasperare la violenza terroristica dell’Ira. Egli ha infatti fornito agli eversori ingenti quantità di esplosivo Semtex e di armi da guerra, mentre ammassava in continuazione miliardi di dollari su conti correnti aperti presso banche inglesi. Le famiglie delle vittime della ferocia indipendentista, che finora non hanno visto neanche un penny di indennizzi governativi, dovrebbero quindi essere risarcite utilizzando proprio il denaro di chi ha foraggiato i carnefici dei loro cari. Il nostro esecutivo ha un preciso obbligo morale di dare immediato conforto a dei cittadini che hanno sofferto così tanto”.

Il concetto contenuto nelle dichiarazioni di Dodds è stato subito ribadito da Simon Hoare, esponente tory nonché presidente della commissione per gli Affari nordirlandesi presso la Camera dei comuni:“Le autorità nazionali hanno il dovere ineludibile di finirla con l’incassare proventi dai beni di un dittatore e di iniziare a impiegare le risorse in questione per aiutare chi finora, pur avendo perso un proprio familiare per colpa dei terroristi, non ha visto neanche l’ombra di un soldo”.

Nessun commento sul contenuto della risoluzione approvata ultimamente da Westminster è stato rilasciato dal dimissionario esecutivo di Theresa May, che adesso dovrà definire la procedura di corresponsione dei risarcimenti ai parenti delle vittime dell’Ira, stabilendo i requisiti che costoro dovranno possedere per presentare istanza di indennizzo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Lun, 01/07/2019 - 09:42

Gl'Inglesi, ovvero i soliti furbetti loschi. quel denaro è del popolo libico. dovrebbe essere restituito ai libici o servire per costruire ospedali od opere pubbliche in Libia. I soliti ladri inglesi. Per secoli hanno sfruttato l'Africa e non mancano mai di confermare quello che sono: i più grandi ladri che il pianeta terra abbia mai conosciuto

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 01/07/2019 - 09:45

CADUTA UN'ALTRA MASCHERA BUONISTA..

dagoleo

Lun, 01/07/2019 - 10:04

dateli alla Merkel Maga Magò, così mette a posto i buchi, le voragini, uscite dai giochetti finanziari allegri della Deutsch Bank.

marcovenezia

Lun, 01/07/2019 - 10:26

Così si comporta un paese attento all'interesse dei propri cittadini,non degli stranieri,italia caso sempre più isolato a livello mondiale!