Se la Danimarca paga la pensione ai foreign fighters di Isis

Scandalo a Copenhagen: negli ultimi tre anni sarebbero decine i foreigh fighter che sono andati a combattere in Siria dopo aver ricevuto pensioni e benefit di Stato

Prima si facevano assegnare la pensione d'invalidità perché malati o inabili al lavoro. Poi se ne andavano in Siria a combattere nelle file dello Stato Islamico. La storia che arriva dalla Danimarca mostra le conseguenze della concessione a pioggia di benefit e privilegi del welfare state senza un opportuno controllo. Conseguenze che finiscono per versare i soldi dei contribuenti direttamente nelle tasche dei terroristi.

La vicenda è stata smascherata da un'inchiesta del quotidiano danese Berlingske, che ha avuto accesso a documenti esclusivi dei servizi segreti di Copenhagen contenenti una verità esplosiva: dal 2014 al 2017 sarebbero stati almeno 36 i cittadini danesi beneficiari di sussidi di disoccupazione o pensioni che si sono recati in Siria per combattere fra le file dei jihadisti.

Le rivelazioni del quotidiano scandinavo hanno provocato anche la reazione del governo, con il ministro del Lavoro Troels Lund Poulsen che ha parlato di "un enorme scandalo": "Permanere in una zona di guerra e prendere parte, direttamente o indirettamente, ad azioni militari non è in alcun modo compatibile con il conferimento di pensioni di invalidità", ha spiegato.

Ma l'aspetto più paradossale di tutta la vicenda è un altro: mentre il parlamento di Copenhagen studia nuove misure per tagliare i benefit di Stato ai foreign fighter, l'agenzia che si occupa di erogare le pensioni a chi risiede al di fuori della Danimarca ha comunicato che secondo le leggi vigenti non le è possibile sospendere l'erogazione dei benefit anche in presenza di una segnalazione dei servizi segreti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

gon73

Lun, 20/02/2017 - 14:19

La civiltà occidentale merita di scomparire!!

agosvac

Lun, 20/02/2017 - 14:22

Sembra che i paesi scandinavi in generale, non solo la Danimarca, siano diventati "schiavi" dei terroristi islamici.La Svezia, a breve , sarà più islamica che cristiana. Forse si salva un po' la Norvegia, ma non è sicuro. Certo che, vista dall'esterno, la cosa fa un po' ridere!!! Le donne svedesi erano per tutto l'occidente un modello di libertà ed indipendenza dall'uomo. Oggi sembra propendano per la schiavitù della donna nei confronti dell'uomo, ovviamente dell'uomo islamico.

claudioarmc

Lun, 20/02/2017 - 17:03

Razze nordiche troppo anemiche, linee evolutive senza avvenire

baronemanfredri...

Lun, 20/02/2017 - 18:33

QUANDO DICO CHE I POPOLI DEL NORD SONO IMBELLI E TRADITORI. VOGLIONO DROGA, BIRRA, MANGIARE, DIVERTIMENTI, CORNA DELLE MOGLI E MUSSULMANI ESSERI SCHIFOSI E VILI. VEDIAMO SE LO PUBBLICATE.

ziobeppe1951

Lun, 20/02/2017 - 19:34

A quanto pare la Danimarca ci sta copiando

lambi65

Lun, 20/02/2017 - 20:26

ormai Svezia e Danimarca sono andate, sono già state colonizzate, usciamo dalla EU forse facciamo ancora in tempo.

lorenzovan

Lun, 20/02/2017 - 22:41

bananine...ma lo sapete quanti italiani con pensione di invalidita danese e svedese se la godono in italia'?ilproblema e' che nei paesi del nord non sono abituati agli imbroglini del maditerraneo e le loro leggi non li proteggono dai furbetti

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 21/02/2017 - 00:59

lorenzovan - ti pare normale la cosa? Probabilmente gli italiani prendono quella pensione dopo aver lavorato parecchi anni, i clandestini mai.

MOSTARDELLIS

Mar, 21/02/2017 - 03:03

D'altra parte che volete aspettarvi da barbari che pensano di essere i più civili di Europa?

Pensobene

Mar, 21/02/2017 - 07:24

Sono diversamente abili.... Sì, ma nel l'imbrogliare.

giusto1910

Mar, 21/02/2017 - 09:00

E in Italia quanti sono? Più precisamente: quanti milioni sono in Europa i "nuovi cittadini", soprattutto di origine arabo-musulmana, che vivono di aiuti sociali? E quanti miliardi di euro costano tutti gli aiuti sociali diretti e indiretti di cui godono e si appropriano i "nuovi cittadini"?