Soldati fucilano donne e bimbi: l'orrore nella lotta a Boko Haram

Un video agghiacciante mostra l'esecuzione da parte di soldati camerunensi di donne e bimbi accusati di far parte del gruppo jihadista di Boko Haram

Soldati fucilano donne e bimbi: l'orrore nella lotta a Boko Haram

Dal Sahel continuano ad arrivare notizie riguardanti le azioni di Boko Haram. La setta islamista, branca africana del Califfato di Al Bagdadi, dal 2014 ha allargato le frontiere della sua guerra del terrore, e partendo dal nord est della Nigeria, negli anni, è arrivata a infettare l'intera regione del bacino del Lago Ciad esportando la guerriglia in altri tre stati: Niger, Camerun e Ciad.

Ed è in quest'ultimo paese che si è verificata l'ultima strage da parte dei miliziani di Shekau. Sabato 21 luglio infatti un commando islamista ha assaltato un villaggio ciadiano vicino alla frontiera nigerina e qui diciotto persone sono state assassinate e 10 donne sono state rapite. Stando a quanto dichiarato all'emittente Al Jazeera dal governatore Mohammed Aba Salah, due persone sono state sgozzate , le altre sedici fucilate e adesso l'intero villaggio come misura precauzionale è stato fatto evacuare.

Ma in queste ore le attenzioni globali non sono rivolte solo ai terroristi ma anche a chi dovrebbe combatterli, le forze regolari dei paesi in guerra, che si sono macchiate anch'esse di crimini altrettanto atroci ed efferati.

Da pochi giorni un video agghiacciante (guarda), orrorifico è divenuto virale: alcuni soldati camerunensi trascinano due donne al di fuori di un villaggio. Un militare schiaffeggia una delle due, la insulta, dice alla donna che sta per essere ammazzata e l'accusa di essere un membro di Boko Haram.

Una donna tiene per mano una bambina, l'altra ha legato sulla schiena un neonato. Tutti e quattro vengono condotti su un terrapieno. Due militari aprono il corteo armati di kalashnikov, altri soldati e alcuni civili li seguono bastoni alla mano. Alle donne vengono coperti gli occhi con una benda, alla bambina le viene coperto il volto con la maglia di calcio che indossa e poi il boato assoluto, atroce delle raffiche dei fucili mitragliatori. Vengono tutti fucilati, il neonato, le due donne e la bambina che però è ancora viva e un militare le si avvicina e sfoga sul piccolo corpo l'ultima raffica di Ak47.

È un video insostenibile. Un'esecuzione sommaria, barbara, inumana e subito è divenuto virale in rete. Come prevedibile ha shockato il mondo del web ed è stato anche preso in esame dalle organizzazioni che si occupano di diritti umani. La Rete dei difensori dei diritti umani nell'Africa centrale (Redhac), dopo aver riferito d’averlo autenticato, ha accusato di esecuzioni sommarie le forze di sicurezza del Camerun. ''Tutto questo è inaccettabile in uno stato di diritto. Anche se siamo in guerra con Boko Haram, non è giustificabile un simile comportamento da parte delle forze di sicurezza. Queste azioni devono essere fermate senza condizioni e i responsabili devono pagare secondo la legge'', ha dichiarato l’attivista Maximilian Ngo Mbe. Ed eco hanno fatto le parole di Ilaria Allegrozzi, ricercatrice di Amnesty International che, sulle pagine del quotidiano francese Liberation ha aggiunto: ''È un video molto choccante, per quel che ne so è la prima volta che viene filmata l'esecuzione di donne e bambini in Camerun. E soprattutto da così vicino. Si distingue bene il viso del bebè e ci si immagina la paura della bambina che deve aver compreso che cosa stesse succedendo''. E poi ha continuato spiegando: ''In Camerun i militari filmano spesso le loro azioni. Loro se le condividono su dei gruppi privati di WhatsApp fino al giorno in cui alcuni di questi video fuggono all'esterno''.

Il fatto che dei militari filmino le atrocità che commettono fa comprendere bene come siano protetti da un'impunità totale. Al momento infatti della divulgazione del filmato in rete, la prima reazione dell'esecutivo di Paul Biya, attraverso il portavoce di governo Issa Tchiroma Bakary è stata quella di bollare come falso il contenuto del girato: ''fake news''. A pochi giorni però dalla dichiarazione le autorità camerunensi hanno fatto marcia indietro e stando a quanto riporta l'agenzia Reuters un ufficiale dell'esercito avrebbe reso noto che i colpevoli sono stati identificati e arrestati: «Quattro soldati sono stati arrestati domenica. Sono sospettati di essere gli autori delle esecuzioni nel video» e una seconda fonte militare ha confermato la notizia, aggiungendo che tre di loro sono stati trasferiti nella capitale Yaounde, mentre il quarto è ancora detenuto a Maroua, la capitale del Far-North. Sull'autenticità del filmato non sembrano esserci dubbi, ancora incerto invece il dove e il quando è stato realizzato: si suppone che sia stato girato nel nord del Camerun, vicino al confine con la Nigeria dove imperversa la guerra con Boko Haram, tra il 2014 e il 2016.

Un video che fa nascere moltissime domande e alcune più inquietanti delle altre: quanti altri casi di esecuzioni sommarie si sono verificati in nome della guerra contro Boko Haram e non si conoscono? Quante violazione dei diritti umani sono state commesse in nome della lotta alla setta jihadista ? Quante volte l'orrore è stato utilizzato come antidoto al terrore?

Commenti