La strage di Berlino? Un "incidente stradale". E per Fabrizia niente risaricimento

La denuncia dei genitori della ragazza uccisa da Amri: "Per i tedeschi è stato un incidente stradale e non ci risarciscono"

La strage di Berlino? Un "incidente stradale". E per Fabrizia niente risaricimento

La strage di Berlino in cui Anis Amri ha ucciso 12 persone lanciandosi con un camion contro chi passeggiava ai mercatini natalizi, fu solo un "incidente stradale".

Lo raccontano al Corriere i genitori di Fabrizia Di Lorenzo, la 31enne di Sulmona (Pescara) tra le vittime dell'attentato. "Sono insensibili, assenti, disorganizzati, incapaci", si sfogano, dopo aver saputo che una legge del 1985 esclude risarcimenti per i danni causati alle vittime di crimini violenti commessi "con un veicolo a motore o un rimorchio". Proprio come è accatudo lo scorso 19 dicembre.

"Era solare, brillante, amante della vita, impegnata. Voleva un mondo migliore", raccontano ora i familiari di Fabrizia, "Era per l’integrazione, è stata ammazzata da chi non si è integrato". Che ringraziano l'Italia e l'ambasciata italiana: "Disponibili per qualunque cosa, con gli amici di Fabrizia ci hanno assistito continuamente, anche perché non parliamo il tedesco. Abbiamo sentito lo Stato con noi". Al contrario del governo tedesco: "Assente, se si esclude la poliziotta che mi ha prelevato il dna senza dire un parola. Non ci hanno mai contattati, non ci hanno dato un interprete, ci hanno lasciati soli. Abbiamo dovuto chiedere sempre, insistere. Hanno fatto lo stesso con le altre famiglie, anche tedesche", racconta la mamma di Fabrizia, ricordando che il primo contatto dopo la strage da parte delle autorità tedesche è stato il 17 febbraio, quando Joachim Gauck li ha ricevuti a Berlino. E il presidente della Repubblica tedesca è stato costretto a scusarsi con i familiari delle vittime che denunciavano una Germania "inefficiente e incapace, a dispetto della sua immagine internazionale".

Fino allo smacco di oggi: Fabrizia e le altre dieci persone investite da Amri non avranno risarcimento. Per loro ci sarà il fondo tedesco (che conta un totale di 7,5 milioni da dividere con le altre vittime della strada), mentre saranno risarciti i parenti dell'autista polacco ucciso da Amri con una pistola. "Come si può equiparare quello che è accaduto a un normale incidente stradale?", si sfoga la mamma di Fabrizia, "Ci sentiamo presi in giro da chi non vuole riconoscere di aver sbagliato e non vuole evitare che quello che è accaduto si ripeta in futuro".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti