Svizzera, bimbe musulmane obbligate a nuotare coi maschi

La Corte europea dei diritti umani ha approvato la decisione della Svizzera di sanzionare i genitori musulmani che impedivano alle figlie di fare lezioni di nuoto con i coetanei maschi

Svizzera, bimbe musulmane obbligate a nuotare coi maschi

In Svizzera le ragazzine musulmane dovranno nuotare nella stessa piscina dei propri coetanei maschi, a prescindere dalle convizioni religiose della famiglia di appartenenza.

Lo ha deciso una sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'uomo, con cui non si è condannata la decisione delle autorità della città svizzera di Basilea di punire con una multa di 1400 franchi una coppia di genitori islamici che avevano costretto le loro figlie a non partecipare alle lezioni di nuoto - obbligatorie per la scuola elementare frequentate dalle bimbe - perché i corsi sportivi erano impartiti insieme a maschi e femmine.

I giudici della Corte, nelle motivazioni della sentenza, spiegano che la decisione delle autorità elvetiche rappresenta sì un'interferenza nella libertà religiosa ed educativa della famiglia, ma non ne costituisce una violazione. Pertanto la sanzione elevata contro i genitori delle bambine è da considerarsi legittima. Il ricorso presentato dalla coppia di Basilea è stato quindi respinto.

Non si tratta dell'unico caso del genere registrato in Svizzera. A luglio dello scorso anno a due ragazzine islamiche di 12 e 14 anni era stata negata la nazionalità elvetica dopo che si erano rifiutate di prender parte alle lezioni di nuoto a scuola. Le due si erano inoltre rifiutate di stringere la mano al professore che doveva accompagnarle: comportamenti che hanno comportato la severa punizione dei giudici.

Commenti