Il vecchio leone ci riprova: Sanders si candida alle presidenziali 2020

Bernie Sanders, che sfidò Hillary Clinton alle primarie del Partito Democratico americao per le presidenziali 2016, ci vuole riprovare. Secondo il sito Politico, ha già preparato il video di presentazione della sua nuova discesa in campo

Il vecchio leone ci riprova: Sanders si candida alle presidenziali 2020

Nel 2020 compirà 79 anni, un'età che spaventa Bernie Sanders. Il senatore del Vermont, eletto più volte al Congresso Usa come indipendente nelle fila del Partito Democratico e in Senato dal 2007, ha intenzione di riprovarci. Dopo avere sfiorato nel 2016 il successo alle primarie dell'Asinello arrendendosi solo all'ultimo allo strapotere economico e mediatico di Hillary Clinton (poi battuta da Donald Trump), Sanders sta preparando la sua seconda discesa in campo. L'obiettivo? Arrivare alla Casa Bianca. Secondo il sito Politico, che ha lanciato ieri la notizia, Sanders avrebbe già registrato un video dove annuncia la sua prossima candidatura alle primarie democratiche. In vista della campagna elettorale, lo staff di Sanders è al lavoro per rimpolpare il team che dovrà aiutare il senatore a vincere le primarie per la candidatura a presidente.

Al momento, però, non c'è ancora niente di ufficiale. Sarah Ford, una delle sue portavoce, ha preferito non commentare l'indiscrezione. Ma l'avventura è già iniziata. Tim Tagaris e Robin Curran, che avevano aiutato Sanders nella raccolta fondi per la campagna elettorale del 2016, si sono messi a disposizione. Lo staff di Sanders ha avviato contatti con Means of Production, la casa di produzione video che ha contribuito al successo di Alexandria Ocasio-Cortez durante le elezioni di midterm. E Our Revolution - questo il nome del team che supporta il senatore del Vermont - tramite il suo direttore politico David Duhalde ha fatto partire le prime mail ai supporter invitandoli ad attivarsi subito, in ogni modo possibile, nella raccolta fondi che servirà a coprire gli ingenti costi della campagna elettorale che sarà.

Il "vecchio leone" Bernie Sanders è da sempre a sinistra del Partito Democratico. Unico politico Usa di rilievo a definirsi socialista, termine che per gran parte dell'opinione pubblica americana equivale a comunista, non ha mai fatto mistero delle sue idee in contrapposizione con il modello liberal statunitense: sistema sanitario pubblico e universalistico, sistema universitario pubblico e gratuito da finanziarsi con le operazioni di borsa, salario minimo di 15 dollari l'ora, tutela dei diritti civili delle minoranze, legalizzazione dell'aborto e della cannabis, restrizioni alla vendita di armi da fuoco, separazione tra banche di investimento e banche di deposito. Un programma avversato non solo dai Repubblicani, ma anche da gran parte del Partito Democratico.

Commenti