Montecarlo: pole a Webber, quarto Massa. Alonso sbatte

Lo spagnolo perde il controllo e sfascia la vettura: nonostante lo sforzo dei meccanici deve rinunciare alle prove ufficiali. E Mark Webber su Red Bull fa segnare il miglior tempo: dietro di lui partiranno, Kubica e Vettel. Quarto Massa mentre Alonso prenderà il via per ultimo dalla pit-lane

Montecarlo: pole a Webber, quarto Massa. Alonso sbatte

Principato di Monaco - Mark Webber su Red Bull partirà dalla pole position nel gran premio di Monaco di Formula 1, in programma domenica. Quarta la Ferrari di Felipe Massa. Il suo compagno di scuderia invece era stato il più veloce in entrambe le sessioni libere di venerdi col miglior tempo di 1'14"904, nonché terzo assoluto nei tre test. Poco prima delle prove ufficiali però la Ferrari di Fernando Alonso è andata a sbattere all’uscita della curva del Casinò durante la terza sessione.

Il botto Le immagini diffuse mostrato solo la parte finale dell’episodio: secondo una ricostruzione la F10 sarebbe arrivata lunga alla curva all’uscita dal Casinò, quando il pilota aveva il secondo tempo provvisorio (1'16"266) sarebbe entrata in collisione con i guardrail un paio di volte, danneggiando gravemente l’avantreno e una fiancata. Dai dati della telemetria, ha fatto sapere il box, non sono state segnalate anomalie. Le prove del pilota spagnolo della Ferrari sono quindi durate solo 21 minuti.

Al via dalla pit lane I meccanici cercano di riparare in tempo la monoposto ma purtroppo il box della Ferrari non riesce a rimettere in pista la F10 di Fernando Alonso: lo spagnolo perciò non farà le qualifiche. Il danno infatti è troppo grande e da regolamento non è possibile usare macchine di riserva. Dunque il due volte campione del mondo dovrà utilizzare per forza la Ferrari con cui ha girato stamani. Che sarà pronta solo domenicamattina. In definitiva Alonso partirà per la gara direttamente dalla pit lane.

Alonso: "Colpa mia" "Il danno al telaio è tale che non può essere riparato qui ai box. Bisogna cambiare l’intero telaio ed è un’operazione che richiede almeno cinque ore", ha spiegato il portavoce della scuderia, Luca Colajanni. "È un peccato, perché Felipe Massa ha dimostrato di andare molto forte e dunque è un grande rammarico perchè oggi si sarebbe potuto fare molto bene, invece abbiamo un potenziale ridotto al 50%". Alonso ai giornalisti ha detto che è stata colpa sua: "Ho sbagliato io, ho perso la macchina".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti