Motori

Zhou si inginocchia in pista e piange a dirotto: cosa è successo dopo la fine del Gp di Cina

Il pilota di casa ha ricevuto un'ovazione dagli spalti: un'emozione fortissima per lui, che per la prima volta correva nel circuito di Shanghai

Zhou si inginocchia in pista e piange a dirotto: cosa è successo dopo la fine del Gp di Cina

Ascolta ora: "Zhou si inginocchia in pista e piange a dirotto: cosa è successo dopo la fine del Gp di Cina"

Zhou si inginocchia in pista e piange a dirotto: cosa è successo dopo la fine del Gp di Cina

00:00 / 00:00
100 %

Il Gran premio di Cina, quinta gara del campionato mondiale di Formula 1 2024, non rimarrà di certo negli annali per essere stato particolarmente combattuto o per essersi concluso in modo sorprendente, ma la storia che dopo la bandiera a scacchi ha visto come protagonista il pilota di casa Zhou Guanyu è una di quelle che scalda il cuore e riconcilia col vero significato e l'essenza dello sport.

Come ci si attendeva già alla vigilia dell'evento, la vittoria è andata al campione del mondo in carica Max Verstappen, che sul traguardo del circuito di Shanghai ha preceduto di 13 secondi la McLaren di Lando Norris e di 19 secondi la seconda Red Bull guidata dal compagno di scuderia dell'olandese Sergio Pérez. Male le Ferrari di Charles Leclerc, finito quarto, e di Carlos Sainz, quinto, i quali dopo la conclusione della gara hanno rimarcato l'enorme divario esistente con le Red Bull e la necessità di disporre il prima possibile del pacchetto di aggiornamenti che potrebbe consentire alle Rosse di Maranello di ridurre il distacco dai primi della classe.

Nel complesso la gara, nonostante le due Safety Car, non è stata granché emozionante, ma dopo la sua conclusione ciò che è accaduto a Zhou Guanyu ha catalizzato l'attenzione del pubblico sugli spalti e di quello da casa, suscitando una grande commozione. Il pilota della Sauber, nato proprio a Shanghai, prendeva parte per la prima volta nella sua carriera al Gran premio di Cina, la cui ultima edizione si era corsa nel 2019, prima del lunghissimo stop di quattro anni a causa del Covid.

Per questa circostanza eccezionale, quindi, l'organizzazione della corsa ha quest'oggi concesso a Zhou l'onore di potersi accodare sul rettilineo alle tre monoposto giunte sul podio della gara e di ricevere l'abbraccio della sua gente. Al volante della sua Sauber nero-verde, quindi, il pilota di casa ha raggiunto la piazzola a lui riservata, con tanto di cartello recante il suo nome, si è sfilato il casco e i guanti ed ha quindi potuto toccare con mano il grande affetto del pubblico di Shanghai. Nonostante la grande delusione per il 14esimo posto finale, il 24enne ha ricevuto una vera e propria ovazione dalle numerose persone presenti sugli spalti, che gli hanno tributato una standing ovation e un lunghissimo e fragoroso applauso.

Vinto dall'enorme emozione, Zhou è

scoppiato in lacrime e si è inginocchiato in pista portandosi le mani al volto e ringraziando con grande commozione il caloroso pubblico di Shanghai. Un'immagine bellissima che ha commosso annche gli altri piloti ed i cronisti.

Commenti