Mou perde Cambiasso per un mese

Mentre l’Inter (che ieri ha vinto in amichevole contro il Bahrein 1-0, gol di Mancini) cerca un trequartista, si fa male il playmaker davanti alla difesa. L’infortunio che Esteban Cambiasso ha rimediato nella minipartita contro la Juventus durante il trofeo Tim è più grave del previsto anche se non drammatico. Lesione del menisco esterno del ginocchio destro: Cambiasso sarà operato nei prossimi giorni e dovrà stare fermo tra le quattro e le cinque settimane. Nessun ritorno sul mercato però: la buona prova di Stankovic al trofeo Tim, l’eventuale spostamento di Thiago Motta in mezzo e un Vieira ritrovato fanno stare tranquillo Mourinho. Inoltre la serie A si fermerà dopo la seconda giornata per le nazionali: Cambiasso perderà al massimo cinque partite (Champions compresa).
Sul fronte mercato oggi, o al massimo domani, Branca e Oriali incontreranno i dirigenti del Real Madrid per Wesley Sneijder. L’offerta dell’Inter prevede un prestito oneroso da 8.5 milioni e riscatto nel prossimo giugno fissato per circa 10.5 milioni: i numeri giusti per accontentare Perez. In secondo piano Gourcuff, Menez e Van Der Vaart. Ma sabato Sneijder in amichevole ha segnato un gran gol su punizione non esultando: che stia già pensando all’avventura milanese?
Chi invece potrebbe lasciare Milano è Marco Materazzi. Il suo agente Claudio Vigorelli ha precisato: «Nell’Inter attualmente è una seconda scelta, spetterà a lui decidere del suo futuro, lo farà in tempi brevi». La Lazio, perso Lugano che ha rinnovato col Fenerbahce, è interessata al giocatore: proprio quella Lazio che il 5 maggio 2002 gli fece vivere la giornata più dura nella carriera interista. Gli strani casi del destino...
Un altro difensore in partenza è Nicolas Burdisso, richiesto da Luciano Spalletti per la Roma. Ma i dirigenti giallorossi stanno lavorando anche a un’affascinante ipotesi. Affiancare Luca Toni a Francesco Totti: pensate, la coppia del mondiale 2006 di nuovo insieme sotto il Colosseo. La Roma smentisce ma il procuratore di Toni accelera: «È una situazione che si può concludere felicemente all’80 per cento, il giocatore ha voglia di tornare in Italia». Toni inoltre si ridurrebbe l’ingaggio: dai 5,5 milioni l’anno percepiti al Bayern fino a 2,5. I tedeschi chiedono 5 milioni per il cartellino: a queste cifre l’affare si può fare.

Commenti

Spiacenti, i commenti sono temporaneamente disabilitati.