Mourinho fuori un turno Niente multa al Cagliari

Il tecnico interista non sarà in panchina mercoledì sera contro il Napoli, per lui anche 15mila euro di ammenda. Nessuna sanzione alla tifoseria sarda dopo i cori razzisti contro Eto'o e Balotelli. Roma: 15mila euro per le bombe carta

Mourinho fuori un turno 
Niente multa al Cagliari

Milano - Mourinho fermo un giro. Il tecnico dell’Inter, Josè Mourinho, è stato squalificato per una giornata e multato di 15mila euro. È quanto deciso dal giudice sportivo in merito all’espulsione rimediata ieri dal tecnico nerazzurro nella gara di Cagliari per "avere, al 13' del secondo tempo, contestato platealmente una decisione arbitrale e indirizzato reiteratamente pesanti insulti al direttore di gara". Mourinho non andrà in panchina nella sfida di mercoledì a San Siro contro il Napoli. Mourinho aveva protestato per la mancata ammonizione ad Astori per un intervento falloso su Balotelli. È la terza espulsione del portoghese da quando allena in Italia, la seconda con Orsato, ed è la seconda volta che il portoghese viene squalificato per una giornata.

Roma multata Il giudice sportivo ha inflitto una multa di 15mila euro alla Roma "per avere i suoi sostenitori fatto esplodere una ventina di petardi e acceso tre fumogeni". Ieri i tifosi giallorossi della Curva Sud avevano accompagnato il loro ingresso allo stadio alla mezz'ora del primo tempo - dopo esser rimasti fuori per protesta contro la squadra - dal lancio di alcune bombe carta che avevano provocato attimi di tensione e paura tra gli spettatori dei settori limitrofi. Queste le altre ammende per le società: 4mila euro al Napoli e mille euro all’Inter. Oltre a Mourinho, il giudice sportivo ha squalificato per un turno Conti (Cagliari).

Il Cagliari la fa franca Non è stato adottato invece alcun provvedimento dopo i cori razzisti rivolti dai tifosi del Cagliari a Samuel Eto'o e Mario Balotelli nel corso della partita contro l’Inter. Per due volte ieri, lo speaker dello stadio Sant’Elia ha ricordato ai tifosi la normativa della Figc che prevede anche la sospensione della gara per cori razzisti, ma evidentemente nel referto arbitrale non c’è stato alcun riferimento a quanto accaduto e quindi il giudice non ha preso provvedimenti nei confronti del Cagliari.