Sanremo 2023

Sanremo, ecco tutte le canzoni che hanno vinto negli ultimi 10 anni

Da "L'essenziale" di Marco Mengoni a "Brividi" del tandem Mahmood-Blanco: dieci anni di successi al teatro Ariston

Sanremo, ecco tutte le canzoni che hanno vinto negli ultimi 10 anni
Tabella dei contenuti

Vittorie ampiamente pronosticate, vittorie a sorpresa, vittorie sconvolgenti. Negli ultimi dieci anni al Festival di Sanremo ne abbiamo viste di tutti i colori. Abbiamo assistito alla consacrazione di talenti con la purezza di un diamante grezzo come i Maneskin, ma anche al successo di progetti estremamente singolari come i duetti Meta-Moro e Mahmood-Blanco. E, a proposito di Mahmood, abbiamo fatto i conti con una delle vittorie più sconvolgenti della storia della kermesse: quella di "Soldi" nel 2019. Andiamo a ripercorrere, e perchè no a riascoltare, le canzoni premiate all'Ariston negli ultimi dieci anni.

2013: "L'essenziale", Marco Mengoni

Quattordici concorrenti in gara al festival di Sanremo 2013, edizione con un'importante novità nel regolamento: ogni artista ha presentato non un solo brano, bensì due; di questi ne è stato selezionato uno con poi cui l'artista ha proseguito la gara. Non una genialata, insomma. "L'essenziale" di Mengoni ha stregato critica e pubblico dal primo ascolto, superando "La canzone mononota" di Elio e le Storie Tese e "Se si potesse non morire" dei Modà.

2014: "Controvento", Arisa

Anche nel 2014 quattordici artisti in gara, ancora doppia canzone. Un cast discretamente amalgamato tra volti noti e giovani promesse, senza canzoni indimenticabili. Ad avere la meglio "Controvento" di Arisa - a testimonianza del livello medio - seguita da "Liberi o no" di Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots e da "Ora" di Renzo Rubino. Quest'ultima avrebbe meritato molta più considerazione.

2015: "Grande amore", Il Volo

Terminata (per fortuna) l'era Fazio, l'edizione 2015 ha posto la parola fine alla doppia canzone. Venti i Campioni individuati da Carlo Conti, un mix vincente considerando anche la qualità media dei brani portati in gara. Come da pronostico, Il Volo ha avuto la meglio con "Grande amore". Niente da fare per la sorprendente "Fatti avanti amore" di Nek e per "Adesso e qui (nostalgico presente)" di Malika Ayane.

2016: "Un giorno mi dirai", Stadio

Sulla stessa lunghezza d'onda del Festival del 2015, Sanremo 2016 ha coniugato nomi illustri del panorama italiano a scommesse audaci. Il podio a dir poco emblematico: trionfo degli Stadio con "Un giorno mi dirai", poi "Nessun grado di separazione" dell'allora esordiente Francesca Michielin e (inspiegabilmente) "Via da qui" del duo Giovanni Caccamo-Deborah Iurato. Vittoria tutto sommato giusta, ma a dir poco incredibile è stato l'elenco dei brani esclusi dalla finalissima: "Semplicemente" dei Bluvertigo, "Sogni e nostalgia" di Neffa e "Di me e di te" degli Zero Assoluto.

2017: "Occidentali's Karma", Francesco Gabbani

Terzo e ultimo Festival diretto e presentato da Conti, Sanremo 2017 è stata un'ottima kermesse. Canzoni di buona fattura e qualche picco, quasi nessun flop. La classifica finale ha sorpreso tutti: "Occidentali's Karma" di Francesco Gabbani canzone vincitrice, superata la favoritissima "Che sia benedetta" di Fiorella Mannoia. Medaglia di bronzo per "Vietato morire" di Ermal Meta.

2018: "Non mi avete fatto niente", Ermal Meta e Fabrizio Moro

Prima edizione diretta e presentata da Claudio Baglioni, Sanremo 2018 non ha presentato grosse sorprese rispetto ai Festival precedenti. Grandi ritorni - Decibel e Facchinetti&Fogli - ma anche giovani di prospettiva. Nessuna sorpresa sulla canzone vincitrice: "Non mi avete fatto niente" di Ermal Meta e Fabrizio Moro, successo assolutamente meritato nonostante la querelle canzone nuova. Secondo posto per "Una vita in vacanza" de Lo Stato Sociale e terzo posto per "Il mondo prima di te" di Annalisa.

2019: "Soldi", Mahmood

L'edizione 2019 del festival di Sanremo ha avuto un grande cast, buonissime canzoni e parecchie polemiche. Contro qualsiasi aspettativa e contro qualsiasi pronostico, "Soldi" di Mahmood ha superato "I tuoi particolari" di Ultimo e "Musica che resta" de Il Volo, senza dimenticare altri brani di spessore come "Abbi cura di me" di Simone Cristicchi e "Argentovivo" di Daniele Silvestri. Un successo clamoroso (e inspiegabile), reso possibile dal voto della critica e non privo di tensioni, basti pensare alla conferenza stampa a dir poco muscolare di Ultimo.

2020: "Fai rumore", Diodato

Ultima edizione pre-Covid, Sanremo 2020 è stato il primo dell'era Amadeus: 24 Big in gara, canzoni mirate al successo radiofonico e qualche chicca. Tutti ricorderanno il caso Bugo-Morgan, ma anche la canzone vincitrice della kermesse: la bellissima "Fai rumore" di Diodato. Niente da fare per "Viceversa" di Francesco Gabbani e "Ringo Starr" dei Pinguini Tattici Nucleari, rispettivamente al secondo e al terzo posto.

2021: "Zitti e buoni", Maneskin

Il festival di Sanremo 2021 passerà alla storia come l'edizione che ha visto nascere la stella dei Maneskin. "Zitti e buoni" ha superato "Chiamami per nome" di Fedez-Michielin e "Un milione di cose da dirti" di Ermal Meta, ma non solo: ha regalato alla band di Damiano David l'Eurovision Song Contest e il relativo successo internazionale. Una vittoria meritatissima, lapalissiano.

2022: "Brividi", Mahmood e Blanco

L'ultima edizione della kermesse canora in programma all'Ariston ha visto protagonisti grandissimi nomi del mondo della musica: tra grandi ritorni e prime volte, uno dei cast più importanti degli ultimi anni. Fin dall'inizio s'è parlato del duello per la vittoria tra "Brividi" di Mahmood e Blanco e "O forse sei tu" di Elisa: un testa a testa che ha visto prevalere i primi, che torneranno a Sanremo nella prima serata come super ospiti.

Commenti