Sanremo 2023

Gino Paoli a rischio querela dopo Sanremo: cosa è successo

Dopo l'intervento di Gino Paoli su Little Tony e la moglie, la figlia Cristina Ciacci si dice pronta a querelare il cantautore: "Da lui neppure una scusa"

Gino Paoli a rischio querela dopo Sanremo: cosa è successo

A distanza di giorni dalla sua conclusione, il Festival di Sanremo continua a far discutere, e non solo per la presunta crisi fra i Ferragnez: Cristina Ciacci, figlia di Little Tony, sarebbe pronta a presentare querela nei confronti Gino Paoli dopo certe sue dichiarazioni dal palco dell'Ariston.

"Un'offesa gravissima..."

Hanno fatto a dir poco scalpore alcune affermazioni del cantante 88enne al Festival. Salito sul palco dell'Ariston nella serata finale, Paoli si è lasciato andare a una battuta che ha a dir poco lasciato il segno. "Sono felice di essere qui, anche se è una gabbia di matti", ha dichiarato, "quando Morandi quindicenne mi seguiva ovunque per imparare non si sa cosa e Little Tony mi chiedeva consigli su come trattare una donna che ti tradisce". Parole che non sono andate giù alla figlia di Paoli, Cristina Ciacci, che fin da subito ha espresso il proprio malcontento.

"Gino Paoli ha dato del cornuto a mio padre e della poco di buono a mia madre. Un'offesa bruttissima, fuori luogo, fuori contesto, inopportuna, indelicata e anche ignorante, perché offende la memoria dei miei genitori morti, che non possono replicare in alcun modo", ha dichiarato la donna ai microfoni di Fanpage. "Che mia madre se la siano ripassata tutti, sono sicura che non sia mai successo conoscendo bene com'era fatta. Poi, che nei dodici anni in cui i miei genitori sono stati insieme, si possano essere traditi a vicenda, è probabile ma non nel modo in cui lo ha detto lui. Comunque anche se fosse, non spettava a Gino Paoli dirlo, dopo la morte di mio padre e sul palco dell'Ariston", ha aggiunto.

Un'uscita decisamente indelicata e poco gradita quella di Paoli, che sul palco dell'Ariston ha riportato addirittura dei dettagli. Riferendosi a Little Tony, ha infatti precisato: "È tornato a casa e la moglie, cioè la moglie... la donna che aveva, gli amici li aveva fatti tutti, in casa di Tony. Lui prende, viene a Viareggio dove cantavo, e mi chiede: 'Come si fa, quando una donna ti tradisce?'. Io avevo scritto una canzone, Anche se, e lui mi diceva: tu hai scritto questo, devi sapere come si fa quando una donna ti fa fesso. Venne da me a chiedermi una cosa così".

Da Paoli neanche una scusa

Comprensibilmente risentita, Cristina Ciacci ha dichiarato che dopo una simile uscita a Sanremo il cantautore non si è neppure scusato. Adesso la donna pretende delle scuse pubbliche, perché l'offesa alla famiglia è stata decisamente pubblica.

"Serve una presa di coscienza, avere le palle di dire 'Ho detto una cazzata, ho sbagliato, chiedo scusa'. Se non hai le palle per fare le scuse pubbliche, falle almeno private. Trova il mio numero, chiamami e scusati", ha dichiarato.

Possibili conseguenze legali

Mentre attende le scuse (sempre che arrivino) di Gino Paoli, Cristina Ciacci ha annunciato di essersi già rivolta a un legale per eventuali azioni legali. La figlia di Little Tony starebbe pensando a una querela e ha deciso di prendersi qualche giorno per decidere. La voglia di difendere la memoria dei genitori, tuttavia, è forte.

"Sento la responsabilità di dover difendere due persone che non ci sono più, i miei genitori. Non consento a nessuno di gettare fango su di loro. Questo è certo. Capirò come fare", ha concluso.

Commenti