Mutu perde il ricorso: deve pagare 17,1 milioni

Il tribunale svizzero ha respinto il ricorso dell'attaccante della Fiorentina, condannato dal Tas a pagare 17,1 milioni di euro al Chelsea dopo che era stato trovato positivo alla cocaina. Quest'anno il giocatore è stato squalificato per doping fino al 29 ottobre

Mutu perde il ricorso: 
deve pagare 17,1 milioni

Losanna - Brutte notizie per Adrian Mutu: respinto al mittente il ricorso contro la multa inflittagli per l'uso di cocaina ai tempi del Chelsea nel 2004. L’attaccante della Fiorentina, che era stato condannato dal Tribunale Arbitrale per lo Sport a pagare 17,1 milioni di euro al suo ex club inglese "per violazione del contratto di lavoro", si è così visto confermare la sanzione record dal tribunale federale svizzero che ha sede a Losanna. Mutu era stato condannato dal Tas anche ad una sospensione di sette mesi ed era stata licenziato dal Chelsea.

Il ricorso Sperando di poter cancellare la sanzione, il giocatore si era prima rivolto al TAS, che aveva respinto il suo ricorso nel luglio 2009, per poi ricorrere anche al Tribunale federale svizzero. Nella sua dichiarazione il Tribunale federale spiega "d’aver prima di tutto respinto gli argomenti con i quali il calciatore aveva messo in dubbio l’imparzialità di due dei tre arbitri che hanno emesso la sentenza del TAS". Il Tribunale federale sottolinea inoltre che il suo ruolo non era di giudicare il caso, ma di "riconsiderare se l’importo del risarcimento da riconoscere al club londinese violasse il valori fondamentali che ogni ordinamento giuridico dovrebbe osservare".

Precisazioni della Corte La giustizia elvetica ha così concluso che il ricorso del fantasista romeno non era fondato. Nella sua sentenza, il Tribunale federale precisa inoltre che i danni che Mutu deve pagare al Chelsea non vanno contro il diritto del lavoro e non costituiscono un "ostacolo inammissibile al suo futuro economico".

Sospeso per doping Quest’anno, Mutu è stato anche sospeso per doping. Lo scorso gennaio l’attaccante 31enne è infatti risultato positivo alla Sibutramina nelle partite contro la Lazio e il Bari, match nei quali il romeno aveva rispettivamente segnato uno e due gol. Il giocatore viola è stato così condannato a nove mesi di sospensione da parte Tribunale Nazionale Antidoping del Coni. La squalifica scadrà il 29 ottobre 2010: il giocatore viola infatti era stato sospeso il 29 gennaio dopo i test positivi susseguenti alle gare della Fiorentina contro il Bari (10 gennaio, campionato) e la Lazio (20 gennaio, Coppa Italia).

L'avvocato: nuovo processo "Aspettiamo che la sentenza del Tribunale federale svizzero ci venga notificata poi parleremo e decideremo con i legali di Mutu come muoverci. Non è escluso che si apra un altro processo alla Corte Europea". Lo ha dichiarato ai media rumeni Victor Becali, uno dei manager di Mutu, dopo aver appreso la notizia della decisione del Tribunale svizzero.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti