Fumo su un treno della Circumvesuviana, passeggeri in fuga sui binari

L’Eav, la società che gestisce il trasporto pubblico su ferro in regione, ha parlato di notizie di panico infondate. Il consigliere regionale Borrelli annuncia question time

Questa mattina un treno della Circumvesuviana si è guastato nel tratto tra le stazioni di Centro Direzionale e Piazza Garibaldi, sulla linea Baiano-Napoli. Il convoglio ha iniziato a sprigionare fumo, mentre a bordo si trovavano centinaia di passeggeri che, in preda all’apprensione, hanno abbandonato frettolosamente i vagoni, procedendo a piedi sui binari. L’Eav, la società che gestisce il trasporto pubblico su ferro in regione, ha diffuso un comunicato in cui sosteneva che le persone a bordo erano state “assistite” dal personale.

Una versione dei fatti che, però, è stata smentita dai passeggeri stessi. “Non c’è stato alcun coordinamento da parte del personale – ha spiegato un viaggiatore che è intervenuto nell’ultima puntata della trasmissione radiofonica “La Radiazza” di Gianni Simioli su Radio Marte – quando abbiamo visto il fumo molte persone sono cadute nel panico. Dopo aver aperto le porte siamo stati costretti a saltare giù dal treno e incamminarci sui binari. Un salto alto più di un metro e alcune persone si sono anche fatte male. Siamo stati costretti a raggiungere la stazione di Piazza Garibaldi a piedi, sui binari, senza che nessuno ci desse assistenza”.

Il treno aveva già iniziato a dare i primi segni di un guasto mentre si trovava nella stazione di Centro Direzionale. Poi era ripartito. Prima di arrivare nella stazione successiva si è definitivamente fermato ed è comparso il fumo. I vagoni erano stracolmi, a bordo c’era tantissima gente trattandosi di un orario di punta. Sull’episodio è intervenuto anche il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, il quale ha annunciato un question time in consiglio sull’accaduto.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.