Stranieri, violenze, criminalità: la "kasbah" che terrorizza Napoli

Il quartiere Vasto a Napoli, un tempo salotto buono della città, da anni è sconvolto da violenze di ogni genere e azioni criminali compiute da immigrati. I residenti della zona, stanchi della situazione, hanno dato vita ad un comitato per combattere il degrado dell’area

“Nessuna nuova, buona nuova" sostiene un vecchio detto popolare. Di questo proverbio, però, farebbero volentieri a meno i residenti del quartiere Vasto a Napoli. Le persone che vivono in quello che un tempo era il salotto buono della città partenopea, infatti, da anni invocano un cambiamento radicale che consenta all’intera area di risorgere dal degrado in cui è piombata a causa di scelte “scellerate e dannose effettuate dall’amministrazione comunale e dal prefetto”, come sostengono molti dei residenti nella zona. Speranze finora disattese.

Nel Vasto praticamente ogni giorno si registrano gravi episodi di violenza e azioni criminali di vario genere compiuti da immigrati, per lo più sbandati che si ubriacano e si drogano. L’altissimo numero di stranieri nella zona è dovuta alla presenza di numerosi Cas, i centri di accoglienza straordinaria.

Come spiega Ettore, socio del Vasto- Nolana “Progetto per Napoli”, comitato costituito e in attesa di riconoscimento che ha sede in via Firenze 22, è legato proprio alla concentrazione di migliaia di extracomunitari in una unica area. Il coraggioso cittadino sceso in campo per tentare di migliorare la qualità della vita del quartiere ci tiene a precisare con forza che il razzismo in questa storia non c’entra nulla.

Il Vasto è da sempre l’area di Napoli che ha accolto con grande senso di ospitalità immigrati che, nel tempo si sono integrati alla perfezione e che oggi sono un elemento prezioso della comunità. Oggi la situazione è ben diversa. L’arrivo di migliaia di stranieri giunti qui senza nessun preciso piano sul loro futuro ha sconvolto lo scenario. Molti di loro si dedicato allo spaccio di droga e al commercio di prodotti di dubbia provenienza senza avere licenze. Ciò crea problemi anche ai tanti immigrati perfettamente integrati che desiderano solo vivere in pace, rispettando la legge, e che sentono Napoli come casa propria.

“Il sindaco De Magistris e il prefetto dovrebbero interrogarsi su quanto sta accadendo qui e si dovrebbero assumere le proprie responsabilità perla situazione. Noi siano cittadini come quelli di Chiaia e del Vomero”. Lo stesso Ettore ritiene “necessario rendere la zona più vivibile. Un tempo il Vasto era il cuore pulsante di Napoli. Qui si passeggiava tranquillamente come oggi si cammina in via Toledo. Ci si ritrovava pr trascorrere del tempo, c’erano bar e ristoranti. Era un centro commerciale. Oggi quasi tutti i negozi sono in mano a stranieri”. Perché di questa trasformazione? Ettore un pensiero lo ha. “Il sindaco lo ha fatto apposta perché il quartiere sostanzialmente ha un’anima di destra. È una vendetta”.

I problemi del Vasto non si possono nascondere. Per toccare con mano la realtà, chi scrive ha percorso a piedi le strade situate nei pressi della Stazione Centrale. È praticamente impossibile girare con una telecamera tra le vie del Vasto. Si corre il rischio di essere aggrediti dagli immigrati che non tollerano di essere filmati. Numerose, nel corso del tempo, sono state le violenze contro i giornalisti impegnati a documentare la situazione.

Nelle strade ci sono gruppi di stranieri fermi in strada a parlottare o a gridare frasi incomprensibili. Altri ad oziare sul selciato tra cartacce non raccolte o vicino a negozi come se fossero in attesa di qualcosa. Qualcuno, invece, ha scambiato la via per il soggiorno di casa tanto che si è accomodato su sedie poste sul marciapiede che rendono difficile il passaggio ai pedoni.

I pochi napoletani che vivono qui passano velocemente con la testa abbassata. Di bambini che giocano nelle strade non se ne vedono. In altri tratti si innalza una puzza provocata da chissà quali azioni. Eppure questa è una giornata relativamente tranquilla. Qualcuno segnala che deve essere accaduto qualcosa perché non ci sono auto in doppia fila, tra le vie si vedono meno immigrati del solito e quelli presenti mostrano un atteggiamento calmo.

Al sicuro nella sede del comitato Vasto- Nolana “Progetto per Napoli”, anche altre persone esprimono la loro opinione riguardo il degrado dell’area. Tra questi vi è Luigi che sottolinea come esistano nella zona molte attività commerciali non in regola. È stata anche emessa una ordinanza comunale ma “non viene applicata”. La storia di accoglienza ed ospitalità verso gli immigrati del quartiere è ultra decennale. Negli ultimi anni, però, molti nuovi arrivati si sentono in diritto di fare quello che gli pare. Poi da “Caserta giungono bus con immigrati con questi ultimi che si fermano qui”. Il Vasto è divenuto una sorta di luogo di ritrovo per extracomunitari dove gira droga, si consuma alcol e il fenomeno della prostituzione è sempre più diffuso.

Nell’intera zona vige una sorta di coprifuoco. In inverno, per evitare situazioni poco piacevoli, è necessario rientrare a casa alle 17 mentre in estate l’orario della “ritirata” è intorno alle 19. Quando cala il buio è rischiosissimo circolare in strada. O lo si fa in compagnia o è meglio evitare. Addirittura come spiega un’altra cittadina, anche “per fare 200 metri devo farmi accompagnare in auto”. Di sera, si scatena l’inferno con le vie invase da immigrati sotto gli effetti della droga e in preda ai fumi dell’alcol che danno libero sfogo ai loro istinti.

È la vendita di alcolici a tutte le ore che crea i maggiori problemi. Gli stranieri si ubriacano e danno il via a violente risse anche per i motivi più banali. A riprova di ciò, la mattina i marciapiedi sono coperti da una distesa di bottiglie sulla quale è difficile anche il solo camminare. “Piazza Principe Umberto è una pattumiera a cielo aperto”, riferiscono diversi cittadini.

Adele, altra cittadina che ha aderito al comitato, rimarca con assoluta fermezza che nelle parole di chi combatte per sconfiggere il degrado della zona non c’è razzismo. Anzi, “oggi c’è una tolleranza dell’illegalità”. Agli stranieri viene consentito tutto ciò che agli italiani è negato. “Ci sono case fatiscenti dove vivono anche 20 persone. Agli italiani sarebbe permesso?”. Inoltre, c’è un florido commercio compiuto da ambulanti che vendono anche alimenti. “Non ci sono controlli neanche sul cibo. Ma è sicuro?”.

Senza dimenticare il cosiddetto “mercato della spazzatura”, bancarelle improvvisate dove ci sono gli oggetti più vari che stranieri e rom prendono dai cassonetti dei rifiuti. “Vigili e carabinieri ci sono ma non riescono a fare abbastanza”. La colpa, secondo Adele, è del sindaco De Magistris. “Noi del Vasto siamo napoletani come i vomeresi e i posillipini” ma il primo cittadino non si ricorda di noi. Le autorità “hanno fatto entrare tutti senza controlli”. Se tutto resta così “la situazione potrebbe sfuggire di mano”.

Da dove vengono gli alimenti venduti in strada? Sul mistero cerca di fare luce Assunta, altra cittadina che ha deciso di mettere il suo impegno a sostegno del comitato: “Bisognerebbe effettuare dei controlli nei palazzi perché lì gli immigrati cucinano e poi vendono il cibo in strada in barba a tutte le regole igienico-sanitarie”.

“Il nostro obiettivo è vivere in un quartiere normale, dove possiamo uscire di casa senza problemi”, ha affermato Adelaide Dario, anima dello stesso comitato. “Lancio un appello a sindaco, prefetto e questore visto che siano cittadini onesti e anche noi abbiamo il diritto di vivere nella sicurezza. Non ci vuole l’esercito per certe cose ma solo tanta buona volontà. Speriamo che le nostre parole arrivino al vostro cuore perchè siamo tutti essere umani”, ha detto Adelaide che ha aggiunto come gli onesti cittadini si augurano “che si possa agire presto e con determinazione perché siamo arrivati al limite”.

Pietro, altro membro del comitato, lancia un appello alle istituzioni affinchè vigilino di più o con maggiore incisività su quanto accade nel Vasto. “Ci sono ordinanze ma queste vengono puntualmente violate anche perché c’è assenza di controlli sulle attività che nascono come funghi”. “Non si può parlare di razzismo. Si tratta semplicemente- afferma l’esasperato cittadino- di trovare un compromesso per la vita nostra e di quanti dichiarano di scappare dalle guerre e poi arrivano qui con tablet, iphone e quant’altro e tutti belli palestrati. E noi siamo costretti a sottostare alle loro angherie. Napoli è anche il Vasto. Napoli è anche la periferia e non solo piazza Municipio o Posillipo”.

I residenti del Vasto sperano nel cambiamento. Troppe volte, però, le loro attese sono state deluse. Ma la battaglia del comitato Vasto- Nolana. Progetto per Napoli” non si arresterà nonostante le enormi difficoltà. Altro che discriminazione. Le parole d’ordine che guidano i coraggiosi cittadini sono legalità e rispetto del vivere civile. Per il bene dei napoletani e degli stranieri che sono perfettamente integrati nella società.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ST6

Gio, 24/10/2019 - 15:30

"il quartiere sostanzialmente ha un’anima di destra" Questa fa ben ridere.

ginobernard

Gio, 24/10/2019 - 15:33

mandateli tutti in Vaticano che li vogliono ... e girate loro il costo per la accoglienza. E' ora di finirla di rubare i soldi degli italiani per importare i disperati del mondo ...

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 24/10/2019 - 15:50

Non preoccupiamoci a napoli c'è il sindaco de magistris quindi..................................tutto risolto.

ginobernard

Gio, 24/10/2019 - 15:52

sembra che i napoletani non ne siano preoccupati ... anzi sono sostenitori della immigrazione Basta vedere il sindaco che si scelgono Si vede che non ne hanno ancora abbastanza ... andiamo avanti così allora che volete farci

ettore10

Gio, 24/10/2019 - 15:52

I napoletani hanno commesso l'errore d'accogliere questi anni fa. Va bene i primi si sono integrati più o meno , non lo credo. Come mai i negozi sono tutti a loro? Auguro successo a questo comitato, spero che non arriva l'ora che per difendersi dovranno armarsi, ma purtroppo questa è la direzione.

ziobeppe1951

Gio, 24/10/2019 - 15:55

ST6...l’anima sarà di destra..ma la delinquenza è di SINISTRA

Pierluigi64

Gio, 24/10/2019 - 15:56

Queste sono le conseguenze nefaste dell'immigrazione selvaggia e senza regole di cui il sindaco di Napoli (ricordate le sue polemiche con Salvini quando era ministro dell'interno?) è, nei fatti, uno dei più accesi sostenitori... Napoletani sveglia, voi e la vostra magnifica città meritate molto di meglio.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Gio, 24/10/2019 - 16:06

Ma non potete raccogliere firme per segnalare la cosa al vostro sindaco voi che abitate in zona? Se non risponde, scendere in piazza a manifestare?

Lucmar

Gio, 24/10/2019 - 16:10

“…rimarca con assoluta fermezza che nelle parole di chi combatte per sconfiggere il degrado della zona non c’è razzismo”. “…tiene a precisare con forza che il razzismo in questa storia non c’entra nulla”. La necessità di fare queste precisazioni, è il segno che partono già sconfitti. Un consiglio agli amici napoletani: vendete (anzi svendete) tutto, fate fagotto, ed emigrate in qualche altra parte d’Italia.

tersicore

Gio, 24/10/2019 - 16:11

Responsabile dell'assurdo omicidio è il PD coi suoi Kompagni di merende, nonché della attuale tragedia etica, etnica ed economica. In giro per la città le uniche persone allegre sono i sedicenti migranti: giocano col telefonino,ascoltano musica, e sono altezzosi perchè non lavorano essendo mantenuti dai sinistrati a nostre spese, e si godono l'eterna vacanza spacciando e delinquendo tranquillamente, consapevoli dell'impunità offerta loro a piene mani dalle zecche rosse, che hanno trasformato l'Italia in un'istituzione di beneficenza per i criminali di tutto il mondo. Per gli italiani, invece, solo tasse,multe, vessazioni, beneficenza coatta per gli invasori alloggiati gratuitamente in hotel, e, se non hanno la casa, a dormire in macchina o sotto il ponte!

vince50

Gio, 24/10/2019 - 16:12

Si potrebbe commentare in ogni direzione,ma ormai è monotono e ripetitivo. Non si risolverà mai nulla con le vie di mezzo.Il fenomeno non potrà che peggiorare,quindi bisognerà accettarlo e subirlo.La soluzione efficace e definitiva ci sarebbe,però non serve neppure parlarne

alex_53

Gio, 24/10/2019 - 16:13

Cari amici napoletani prima di tutto dovreste cacciare il vostro sindaco che è tra quelli che vogliono accogliere tutti i nxxxi che arrivano.

ClioBer

Gio, 24/10/2019 - 16:14

Gli immigrati? Oltre ad essere il modello da seguire, sono una ricchezza e il futuro del paese. Boldrini docet.

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 24/10/2019 - 16:22

Vietato lamentarsi! Mo dovete subire. Votate pd,votate

Ritratto di tox-23

tox-23

Gio, 24/10/2019 - 16:26

State tranquilli che ora con i porti aperti ne arriveranno un bel po' di immigrati e quando saranno abbastanza, gli autoctoni saranno costretti a sloggiare. D'altra parte in quei luoghi dell'accoglienza ne fanno un vanto, quindi... Contenti loro...

Libertà75

Gio, 24/10/2019 - 16:28

scusate, ma chissenefrega di quello che vogliono i napoletani, vogliamo sapere se gli immigrati si trovano bene, se sono serviti e se riescono ad arricchirsi a sufficienza per pagarci la pensione e il rdc a chi non vuole lavorare...

NonMolliamo

Gio, 24/10/2019 - 16:32

Ma il sindaco di Napoli è troppo impegnato con le ONG, con la capitana, con infamare Salvini. Mica può stare dietro alla sua città per combattere degrado, violenze e criminalità. A questo ci penserà quando riesce a trovare del tempo utile. Cosa volete che sia un intero quartiere lasciato a se stesso.....Stesso pensiero per il suo amicone e sindaco di Palermo.

Ritratto di .risorsediTaGlia

.risorsediTaGlia

Gio, 24/10/2019 - 16:33

non bastava la camorra ora arriva la mafia nigeriana, kabul a confronto è un posticino tranquillo

lorenzovan

Gio, 24/10/2019 - 16:47

elezioni in vista....se c'era al governo il capitone..te lo sognavi sto articolo...lololol

indipendente2

Gio, 24/10/2019 - 16:55

i napoletani hanno scelto de magistris sindaco e de luca governatore, ci hanno messo molto del loro, chi è male dei suoi guai, pianga se stesso.

jenab

Gio, 24/10/2019 - 16:57

illusi!! siete oltre il punto di non ritorno, il problema è, che in molte parti d'italia, si sta verificando la stessa situazione

gonggong

Gio, 24/10/2019 - 16:58

bloccate le strade ...fate casino...CHIAMATE LE JENE...REPORT...ANDATE FUORI al municipio..andate a Roma davanti al PARLAMENTO...FATEVI SENTIREEEEEEE

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 24/10/2019 - 17:05

Unàltra (l'ennesima) ENCLAVE che avete ormai in Italia e che aumentano sempre di piu,in proporzione all'aumento delle RISORSE IMPORTATE per pagarci le PENSIONI!!!! jajajajajajajaja

steacanessa

Gio, 24/10/2019 - 17:05

Hanno eletto un sindaco assolutamente inetto, se lo godano.

27Adriano

Gio, 24/10/2019 - 17:09

Ringraziamo de magistris...anche di questo.

giovanni951

Gio, 24/10/2019 - 17:14

che dice giggino? quello che voleva una flotta per andare a recuperare clandestini? povera Italia.....

savonarola.it

Gio, 24/10/2019 - 17:17

Non c'è ormai città in questo povero paese che no abbia problemi di questo genere. Venite a Torino, andate a porta Palazzo, barriera di Milano, San Salvario e poi non saprete dire se vi trovate in italia o in nord Africa o medo oriente. Dove questi galantuomini arrivano non rimane che sloggiare.

giolio

Gio, 24/10/2019 - 17:18

Da 6 anni ho venduto (svenduto) tutto vivo all‘estero sono felicissimo .A voi che abitate in Italia vi auguro tempi migliori

VittorioMar

Gio, 24/10/2019 - 17:47

..come dire : QUANDO C'ERA LUI al..VIMINALE vi era iniziata ....PIU' SICUREZZA e LEGALITA'!!...SI AVVERTE LA MANCANZA...!!!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 24/10/2019 - 17:55

Cara Adelaide del video (minuti 03:04), il Prefetto e il Questore vi sono stati imposti, ma il Sindaco ve lo siete scelto voi. Chi è causa del proprio male pianga sé stesso!

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 24/10/2019 - 18:10

Napoletani onesti,andate in municipio e scaraventate fuori dalla finestra giggino. Il tempo delle parole è finito.

michpsich

Gio, 24/10/2019 - 18:21

un "comitato" paragonabile a quello per la "terra dei fuochi". INTELLIGENTI PAUCA...

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 24/10/2019 - 19:02

La schifezza targata de magistris

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 24/10/2019 - 19:16

Strano, che, nei comuni dove la LEGA ha la maggioranza, c`è più sicurezza, nel paese o citta c`è più pulizia ed anche i migranti che ci abitano, sono più diligenti e quasi tutti lavorano??? """NON VI SEMBRA STRANO"""???

cecco61

Gio, 24/10/2019 - 19:49

Ringraziate Giggino che vuole il porto di Napoli aperto a tutte le navi del Mediterraneo, e senza dimenticare i suoi amici dei centri sociali.

giovanni951

Gio, 24/10/2019 - 20:05

comunque il problema maggiore é data dalle leggi e e dalla magistratura che interpreta le leggi come meglio crede. Tanto nessuno puó dire loro nulla. Va messa sotto tutela.

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 24/10/2019 - 20:07

Portiamoli sotto casa di Giuseppi

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 24/10/2019 - 20:52

Il solo fatto che per proteggere la propria vita si sia costretti a dire PRIMA che non c'entra il razzismo fa capire a che punto di non ritorno siamo arrivati. il Politicamente Corretto come un enorme piovra velenosa ha ormai il controllo del corpo e dell'anima di tutti.

mimmo1960

Gio, 24/10/2019 - 21:26

Tutto questo non è normale. Questo non è piu' un paese, è solo un pezzo di terra da colonizzare.

Maura S.

Gio, 24/10/2019 - 22:14

Siete voi che avete scelto il sindaco, quello che si è offerto di ricevere tutti i clandestini possibili. Ormai anche questo soggetto è in fase calante senza possibilità di rinsavire.

gianni59

Gio, 24/10/2019 - 22:40

ma un articolo sulla mafia no? Ah è vero il problema della Sicilia (e ora di tutta Italia) è ...IL TRAFFICO!!!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 25/10/2019 - 02:26

Il problema non sono gli immigrati ma la "civitas" dei napoletani, la napolinità originale che si è disintegrata e la "simil Caporetto" delle istituzioni che non si prodigano a difendere il "cuore" della cittadinanza ovvero l'ordine sociale e l'interesse comune lasciando la stura all'illegalità, la sopraffazione e in ultima analisi alla auto distruzione.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 25/10/2019 - 02:33

@ST6 15.30: troppo semplicistico definire le varie suburre delle nostre ex civili città come zone guelfe o ghibelline mi sovviene che l'anima di molti italioti sia di "fazione squinternata". Ossequi.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 25/10/2019 - 08:19

Ho letto bene?....un tempo era il salotto buono della città partenopea? Questo è quello che ho pensato da tempo, ne sono proprio convinto, la sx vuole il degrado della classe sociale media, dove c'è benessere bisogna portare la miseria, lo squallore. Questa è invidia pura.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 25/10/2019 - 08:48

CLASSIFICA DELLE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE D'ITALIA:LO SCUDETTO LO PRENDE MILANO(NEL CALCIO NON GLI RIESCE MA NELLE FETENZIE SI!)2° CLASSIFICATA(CHAMPINS)RIMINI,3° BOLOGNA(CHAMPIONS)4° TORINO(CAMPIONS)5° ROMA (EUROPA LEAGUE)6° GENOVA (EUROPA LEAGUE)7° FIRENZE, 8°RAVENNA, 9°LUCCA, 10° PRATO.VI DO ANCHE L'ELENCO DEI QUARTIERI PIU' MALFAMATI D'ITALIA(CHE SONO OVVIAMENTE QUELLI DI MILANO ECCOLI: LAMBRATE, MECENATE, QUARTO OGGIARO,SCALO ROMANA, CORVETTO, BARONA E BAGGIO(non è che tutti gli altri quartieri di milano siano sicuri)

gianni59

Ven, 25/10/2019 - 16:05

@giovinap...presa dove questa classifica?!?

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 25/10/2019 - 16:26

gianca59, "il sole 24 ore" che l'ha compilata con i dati del ministero degli interni!

Italianocattolico2

Sab, 26/10/2019 - 10:43

Andatelo a raccontare al sindaco arcobaleno che ha dichiarato il porto di Napoli aperto a tutte le carrette delle ONG, in stretto accordo con il PD che deve recuperare i soldi persi con Salvini. Adesso avete anche il reddito di cittadinanza che vi paga il bibitaro, di cosa vi lamentate ??