L'economia in tempo di Coronavirus: in Campania si rischia di perdere 615,3 milioni di euro

L’analisi è stata effettuata da Unioncamere in collaborazione con il Centro studi delle Camere di commercio Guglielmo Tagliacarne

La regione Campania potrebbe perdere 615, 3 milioni di euro, avendo un ribasso dell0 0,6% rispetto allo scorso anno. Sarebbe questo l’effetto del Coronavirus sull’economia campana, anche se la stima potrebbe peggiorare se il contagio si diffonderà nelle prossime settimane in maniera massiccia. L’analisi è stata effettuata da Unioncamere in collaborazione con il Centro studi delle Camere di commercio Guglielmo Tagliacarne, sulla base dei dati al 2 marzo scorso.

Chiaramente l’impatto negativo sull’economia sarà maggiore nelle regioni dove i focolai di Coronavirus hanno superato i livelli di emergenza, ossia Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, ma anche la Campania subirà un duro contraccolpo. L’Unioncamere – è scritto in una nota diffusa ieri - ha appena costituito una “task force” composta da presidenti di Camere di commercio di diverse aree del Paese, che dovrà monitorare la situazione, individuare le misure più idonee e, al più presto, mettere in campo le azioni più urgenti per sostenere le imprese dei settori più colpiti.

Nel caso in cui l’emergenza sanitaria dovesse proseguire, “nella portata attuale, fino a fine giugno – fa sapere ancora Unioncamere - gli effetti negativi sull’economia italiana per il 2020 potrebbero salire a 37 miliardi di euro, con una riduzione del valore aggiunto del -2,3%”.

Per questo motivo, le misure restrittive per evitare la diffusione del contagio stanno diventando sempre più pressanti. Nel primo pomeriggio di ieri, il presidente della giunta regionale, Vincenzo De Luca, ha voluto ribadire in un nuovo videomessaggio, diffuso tramite la pagina Facebook ufficiale della Regione Campania, la nuova “stretta” contenuta nella nuova ordinanza regionale. Nel video, De Luca, rivolge un altro accorato invito ai cittadini campani dopo quello dell’altro giorno, anche per fare il punto della situazione, dopo l’ordinanza regionale che in mattinata aveva seguito il decreto della Presidenza del Consiglio firmato in nottata dal premier Giuseppe Conte, ma soprattutto per richiamare ancora una volta, con forza ed estrema chiarezza, la popolazione della Campania a tenere comportamenti responsabili, necessari per limitare il più possibile il contagio da Covid-19.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.