Nuovo colpo ai Casalesi: in manette Schiavone jr, figlio del boss Sandokan

Duro colpo ai Casalesi: arrestato a Casal di Principe Nicola Schiavone, figlio di "Sandokan" uno dei capi storici del clan dei Casalesi, ritenuto ancora a capo di uno dei clan camorristici

Caserta - Duro colpo ai Casalesi. Gli agenti della squadra mobile di Caserta hanno arrestato a Casal di Principe Nicola Schiavone, figlio di Francesco, detto "Sandokan", uno dei capi storici del clan dei Casalesi, ritenuto ancora a capo di uno dei gruppi dell'organizzazione camorristica. Nicola Schiavone, considerato dagli investigatori attuale reggente della fazione della cosca, è accusato di essere il mandante del triplice omicidio di Francesco Buonanno, Modestino Minutolo e Giovan Battista Papa, tre affiliati al clan uccisi per uno "sgarro" a Villa di Briano.

La soddisfazione di Alfano "La cattura di Nicola Schiavone rappresenta un durissimo colpo, anche psicologico, inferto dalla squadra Stato al clan dei casalesi e all’intera organizzazione camorristica". In partenza per gli Stati Uniti, il ministro della Giustizia Angelino Alfano commenta con soddisfazione la notizia dell’arresto del figlio del boss di Casal di Principe. "Ho appena sentito il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, e il capo della procura della Repubblica di Napoli, Giovandomenico Lepore, al quale ho espresso le mie congratulazioni per il blitz che ha consentito - precisa Alfano - di assicurare alla giustizia un pericoloso criminale e, più in generale, il mio ringraziamento per i brillanti risultati che i magistrati dell’ufficio da lui diretto stanno conseguendo con straordinaria assiduità contro le organizzazioni camorristiche. Lo stesso plauso - ha concluso il Guardasigilli - che voglio esprimere agli agenti della Squadra Mobile di Caserta per l’impegno e il coraggio dimostrato con l’operazione di oggi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.