Odiate gli sprechi? Ecco i consigli giusti per una vita smart

Il vademecun di E-On per non buttare via soldi e energia. Partendo da una semplice app

Camilla Golzi Saporiti

Un vecchio detto dice che «il risparmio è il miglior guadagno». Sarà vecchio, ma non è superato, anzi diventa più che mai attuale in campo energetico dove, alla luce delle ultime rilevazioni e delle nuove risorse, risparmiare i consumi porta un guadagno in termini ambientali (oltre che economici). E iniziamo a rendercene conto. Secondo i dati relativi all'evoluzione del sistema energetico italiano, nella prima metà di quest'anno i consumi di energia sono scesi dell'1,5% circa rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Qualcosa si sta muovendo nella direzione giusta. E qualcos'altro ancora si potrebbe muovere nella stessa direzione, senza nemmeno richiederci grandi sforzi. Il punto è ridurre il consumo domestico di energia, eliminando gli sprechi inutili. Come? Facendo propri dei semplici accorgimenti.

Utilizzare lampadine ad alta efficienza e non a incandescenza, per esempio, è un buon inizio; come lo è tenerle pulite e spegnerle quando non necessarie: la polvere può ridurre il rendimento fino al 40% e spegnerle può abbassare i consumi dell'illuminazione anche del 30%. Altre accortezze possono essere staccare il carica-batterie dalla presa dopo aver ricaricato il telefono, sostituire i vecchi elettrodomestici con dei modelli nuovi ad alta efficienza energetica, utilizzare gli elettrodomestici a pieno carico, preferire il microonde al forno tradizionale (che consuma circa il doppio). Sempre restando in cucina, conviene mettere il coperchio alle pentole durante la cottura, usare il più possibile pentole a pressione, sbrinare regolarmente il frigo ed evitare di aprirlo e chiuderlo in continuo.

Dalla cucina il risparmio energetico arriva in bagno e coinvolge l'intera casa. È buona norma regolare su temperature moderate boiler e caldaie, e preferire la doccia alla vasca (riempire una vasca richiede il triplo dell'energia richiesta rispetto a una doccia). Se la casa è in fase di ristrutturazione, installare vetri termoisolanti è una scelta intelligente: un miglior isolamento termico si traduce in un considerevole risparmio energetico. Lo stesso vale con l'installazione di un termostato smart che, dotato di sensori in grado di gestire la temperatura interna delle case sulla base delle abitudini di chi ci abita, consente di abbassare la temperatura quando nessuno è in casa e di alzarla quando tutti rientrano. Accanto ad abitudini casalinghe come quelle delineate finora si può, poi, affiancare l'adozione di soluzioni tanto innovative quanto alla portata di chiunque.

A cominciare dall'installazione sul proprio smartphone di app pensate per il monitoraggio dei consumi: con un touch sul display consentono la lettura aggiornata e intuitiva della propria situazione energetica. A volte fare la differenza costa poco ed è più questione di informazione. Come a dire: bastava saperlo. E proprio per questo E-ON, tra i leader nel settore energetico in Italia, in Europa e nel mondo e tra i primi a lasciare le attività di generazione elettrica da fonti convenzionali alla volta di sistemi sostenibili, digitali e ad alto tasso innovativo, ha lanciato #odiamoglisprechi, una campagna di sensibilizzazione che si è trasformata in una filosofia e in un manifesto per aumentare la consapevolezza sull'utilizzo delle risorse, a partire dall'energia, e promuoverne un utilizzo più efficiente. Come ogni anno, E-ON dedica il 13 e il 14 dicembre all'abolizione degli sprechi (presso il Castello Sforzesco di Milano; ingresso aperto al pubblico, gratuito, iscrizioni su www.eventbrite.it/e/biglietti-odiamo-gli-sprechi-82962197165), invitando grandi e piccini a partecipare a laboratori e workshop in cui, chiacchierando e giocando, spiega il processo di produzione di energia pulita e insegna a farne uso con buon senso.