Oggi Del Neri dice di sì. Ma a chi?

Oggi Del Neri dice di sì. Ma a chi?

Ancora uno sforzo, l'ultimo della stagione per la Sampdoria, poi per la squadra di Del Neri sarà Champions League. Prima però bisognerà battere il Napoli, non una formalità, un po' per la forza della compagine partenopea, un po' perché in panchina c'è l'ex Walter Mazzarri che certamente non regalerà nulla alla sua ex società, con cui i rapporti, alla fine del suo biennio, non erano più idilliaci. Ma la Samp che ha pareggiato con il Palermo e che ha addirittura rischiato di vincere ha anche dimostrato di poter superare l'ostacolo Napoli nei novanta minuti più importanti dell'era Garrone. Ma in questa stagione fenomenale, con la squadra concentrata sul quarto posto, c'è ancora spazio per i rumors di mercato.
Se ieri Edoardo Garrone, vicepresidente della Sampdoria, ha confermato il raggiungimento dell'accordo con il tecnico Del Neri per i prossimi due anni, da Torino sono arrivate voci totalmente contrapposte che vogliono il tecnico come prossimo sulla panchina della Juventus con Beppe Marotta direttore generale, Fabio Paratici diesse ed un ruolo anche per l’attuale direttore sportivo della Samp Salvatore Asmini. Del Neri aveva chiesto un 1,5 milioni per i prossimi 48 mesi e la Sampdoria non ha risposto no all'allenatore che potrebbe entrare nella storia del club: «Con Del Neri siamo d'accordo di rinnovare il contratto, ufficializzandolo a fine campionato. Per carità, nel calcio bisogna essere in due, ma non credo che dovremo passare al piano B quello che prevede un nuovo allenatore». Ora manca il sì dello stesso Del Neri, c’è da capire se le sirene torinesi disturberanno la storia d’amore con la Samp.
Insomma l'organigramma societario, dopo l'addio di Beppe Marotta («Non ho firmato con la Juve. Affronterò l'argomento dopo la partita contro il Napoli. Farò tutto con la massima trasparenza, come ho sempre fatto. Parlerò con il presidente Garrone», ha detto domenica il dg) potrebbe completarsi con la conferma di Del Neri o restare ancora una incognita per la panchina. Nodo che dovrà essere sciolto dal il nuovo direttore generale Sergio Gasparin e dal nuovo direttore sportivo, Doriano Tosi.
Chi si è fatto avanti, invece, è Roberto Donadoni, sponsorizzato da Cassano. Lui direbbe sì alla Samp: «Fra me e Antonio c'è un bellissimo rapporto, ma da qui a scegliermi come allenatore ce ne passa. Peraltro Del Neri sta facendo molto bene. Se va via lui e se la Samp mi chiama? Accetterei molto volentieri, è un club di grande prestigio».
Intanto la Federclubs ha fatto sapere che a breve saranno rimborsati i tifosi che avevano acquistato un biglietto per il volo charter verso Palermo ma che domenica mattina non sono potuti partire a causa della nube.

Commenti