Ora la lista di nozze si fa anche nelle agenzie di viaggio

Il matrimonio è un evento importante. Così, nonostante la crisi economica, si cerca di non rinunciare a un viaggio di nozze come si deve. E visto che le disponibilità della coppia (e magari dei loro genitori) possono anche scarseggiare, per fare un viaggio di nozze degno di questo nome ci si aiuta spesso sia con le collette di parenti ed amici, sia con la lista di nozze.
Secondo l’associazione delle agenzie di viaggio, presenti sul territorio laziale, il 35 per cento degli sposi romani sceglie di fare la lista di nozze in agenzia di viaggi, anche perché cresce la percentuale delle coppie che decidono di sposarsi dopo un periodo di convivenza e, quindi, con la casa già dotata del necessario per la vita a due. Le mete più richieste sono la Polinesia e le Maldive per i soggiorni al mare e Rajasthan, Messico e Sud Africa per i tour organizzati. In media per un viaggio di nozze i clienti spendono circa 4000 euro a persona prestando grande attenzione alle strutture e alla tipologia della camera; il viaggio di nozze generalmente varia dai 7 ai 5 giorni se gli sposi si spostano nell’area del Mediterraneo, mentre va da 15 a più giorni per le destinazioni a lungo raggio. Aumentano anche le coppie che decidono di sposarsi all’estero, nella località scelta per la luna di miele: dalle isole caraibiche alla Polinesia Francese, passando per Messico e Mauritius, le agenzie di viaggio e i tour operator promettono romantiche cerimonie con i piedi nella sabbia. Il matrimonio celebrato all’estero, per essere valido anche in Italia, deve essere trascritto presso il comune competente e, prima della partenza, gli sposi devono richiedere al comune di residenza le pubblicazioni di matrimonio. Il tour operator «Viaggi dell’Elefante», per esempio, ogni anno cura in media mille viaggi di nozze, considerando anche le coppie che decidono di sposarsi all’estero.
Il sistema della lista nozze è nato negli Usa all’inizio del Novecento e si è diffuso in Italia agli inizi degli anni Settanta. Ma, è da pochi anni che l’idea di inserire una lista di nozze all’interno di una agenzia di viaggio ha preso piede da noi, diventando in poco tempo una tendenza. Ecco allora che molte coppie romane oggi ricorrono alla lista di nozze o in alternativa alla busta col denaro. Ultimamente anche nel nostro paese si presenta il modello spagnolo; in Spagna esiste l’usanza che gli sposi fanno stampare sugli inviti, anche le coordinate bancarie sulle quali versare direttamente il regalo. Gli amici e parenti possono quindi versare una quota direttamente all’agenzia come regalo per gli sposi, contribuendo a realizzare il loro sogno. In caso che gli importi versati superino le spese previste del viaggio, di solito l’agenzia provvede a versarle agli sposi al loro rientro.