«Un Osservatorio per impedire spese folli dei candidati consiglieri alle regionali»

I consiglieri regionali del Pdl Gianni Plinio e Matteo Rosso hanno proposto ai responsabili dei partiti genovesi di aderire alla istituzione di un Osservatorio sulla pubblicità pre-elettorale dei candidati alle prossime elezioni regionali ai fini di un contenimento delle spese e ad una moralizzazione delle iniziative propagandistiche personali.
«Riteniamo giusto e doveroso tentare di moralizzare la campagna pre-elettorale personale già fin da oggi - hanno detto i du esponenti del Pdl -. Con questa iniziativa si intende corrispondere sia alle aspettative della gente comune soprattutto in un frangente economico assai difficile come l’attuale, sia allo stesso monito del cardinale Bagnasco che invoca sobrietà dai politici. Sulla base dell’esperienza pregressa è facile prevedere, già a distanza di più di sei mesi dalle elezioni, una escalation di iniziative pubblicitarie sia murali che mediatiche che di altra natura di tipo "americano" e dai costi esorbitanti che urtano la sensibilità dei nostri concittadini. Un conto è la propaganda dei candidati alla Presidenza che deve essere necessariamente di massima visibilità, altra cosa è quella dei singoli candidati o aspiranti tali. Dal momento che le spese relative al mese di campagna elettorale devono essere rendicontate a termini di legge, l’Osservatorio da noi ipotizzato -di cui potranno far parte i rappresentanti dei partiti sotto la presidenza di un Magistrato della Corte dei Conti- fornirà un codice di comportamento e curerà il monitoraggio e l’informativa all’opinione pubblica di tutte le iniziative pubblicitarie personali antecedenti l’inizio ufficiale della campagna elettorale. Sarebbe assai importante se, attraverso il recepimento della nostra proposta, la Liguria fosse antesignana in Italia di una simile iniziativa».