Pdl Scandroglio nominato «Promotore»

Neanche la pioggia torrenziale di ieri mattina a Sestri Levante ha fermato gli irriducibili del Pdl che in barba a tuoni e fulmini dalle 8 alle 13 hanno allestito il gazebo e volantinato per spiegare la bontà della manovra finanziaria e denunciare gli sprechi della giunta Lavarello. «Sorvegliati speciali» dell'on. Michele Scandroglio, in veste sì di coordinatore regionale, ma soprattutto, su nomina diretta del presidente Silvio Berlusconi, in qualità di responsabile per la Liguria dell'attività politica e delle iniziative a livello regionale all'interno dell'organizzazione dei Promotori della Libertà, accanto a nomi del calibro di Giancarlo Galan. Referenti regionali che si uniscono a quelli nazionali, nominati sempre da Berlusconi, come Sandro Bondi, Angelino Alfano, Rocco Crimi e Mario Mantovani. Un parterre d'eccezione cui Berlusconi chiede sostegno per spiegare agli italiani valore e contenuti della legge finanziaria, per «questa campagna di libertà». Un incarico prestigioso per Scandroglio che ieri proprio dalla rossa Sestri s'è mosso nel segno dei Promotori per contestualizzare. Con lui Graziano Stagni, i consiglieri comunali Gianteo Bordero e Marco Conti, il provinciale Mario Maggi e il coordinatore cittadino Gino Pelizzari. L'occasione è ghiotta per zoomare sugli sprechi sestrini con il caso piscine comunali e «la fideiussione da 1 milione di euro che il Comune è pronto a stanziare per consentire l'ingresso di un altro gestore» tuona Conti; e «poi dicono che non hanno i soldi per asfaltare e garantire l'ordinaria amministrazione» dettaglia Pelizzari.
Mica finita che l'elenco è lungo e i gazebo sono a puntate: «La prossima sarà sugli sprechi della gestione di Fondazione Mediaterraneo:-annuncia Bordero-dal '98 al 2005, ci sono 700.000 euro di fondi di dotazione dilapidati; questa amministrazione è inefficace e inefficiente, Sestri ha bisogno di cambiare». Scandroglio regge la svolta e conferma i presupposti di un intervento fondato: «Qui esiste un partito attivo, capace e coraggioso; partiamo dalle piscine per capire come mai l'amministrazione agisce non in favore del cittadino ma a sostegno di un'impresa privata». Intanto per un punto d'incontro virtuale sono raggiungibili all'indirizzo pdlsestri@gmail.com, «ma continueremo a presidiare con la formula della piazza» assicura l'onorevole. C’è il consigliere regionale Gino Garibaldi e con lui arriva anche il collega Roberto Bagnasco che proprio dalla Bimare iniziò la campagna elettorale: «Sestri rappresenta un punto importante nella strategia del Pdl proprio per la composizione sociale che sta mutando, e per noi sarà più facile lavorarci per il futuro».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti