Pezzi del Prg salvati dal Consiglio di Stato

La Regione Lazio, tramite gli avvocati Enrico Lorusso e Sebastiano Capotorto, ha fatto ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar del Lazio che ha annullato parti importanti del nuovo piano regolatore di Roma. Ieri la Quarta Sezione del Consiglio di Stato ha sospeso l’efficacia della sentenza di primo grado di annullamento e ha fissato la discussione del merito all’udienza dell’8 giugno 2010. Lo rendono noto gli avvocati stessi che avevano proposto ricorso «su mandato dell’allora vicepresidente della Regione, Esterino Montino». «Le parti del Prg annullate dal Tar - fanno sapere i legali - sono dunque di nuove in vigore e i vari procedimenti in atto su quelle aree possono riprendere».
«Nell’atto di appello della Regione - continuano i legali, Sebastiano Capotorto ed Enrico Lorusso - si contesta la tesi sostenuta dal Tar del Lazio, secondo la quale non vi sarebbero tra le leggi vigenti norme che autorizzino il Comune a ricercare l’accordo con i privati per ottenere la cessione di aree per sevizi pubblici, o il contributo straordinario per la loro realizzazione, in cambiodella valorizzazione delle aree di proprietà privata. Al contrario, sostiene la Regione nell’atto di appello, la decisione del Tar «collide con almeno 4 fondamentali principi del nostro sistema giuridico, altrettanti pilastri ai quali sono ancorati i meccanismi della Cosiddetta perequazione urbanistica: l’autonomia privata e negoziale che l’ordinamento riconosce a ogni soggetto di diritto, comprese le persone giuridiche pubbliche; la potestà normativa attribuita da norme di valore costituzionale ai comuni; il principio di buona amministrazione, inteso sotto l’aspetto della parità di trattamento nei confronti dei cittadini; infine la disciplina del procedimento amministrativo dettata dalla legge 241 del 1990, che ha innovato i caratteri dell’azione delle pubbliche amministrazioni, riconoscendo lo strumento dell’accordo come criterio di azione che si affianca ai provvedimenti autoritativi della tradizione».
«Esprimo grande soddisfazione - ha detto l’assessore capitolino all’Urbanistica Marco Corsini - . In attesa dell’esito del giudizio di appello promosso dal Comune di Roma, la situazione normativa del Prg resta, quindi, quella originariamente adottata e sulla quale si fonda l’attività fino a oggi compiuta. Non avendo, tuttavia, ancora letto le motivazioni dell’Ordinanza, non posso esprimere ulteriori valutazioni. Si tratta pur sempre - ha concluso il responsabile dell’Urbanistica del Campidoglio - di un provvedimento cautelare e provvisorio, ma il dato comunque positivo è che l’attesa della decisione definitiva di merito non sarà lunga.»
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.