Le 5 migliori gag del cinema trash

Organizzare il proprio pensiero in liste è un tic che ha fatto la fortuna di film, siti e libri. Abbiamo deciso di proporvi una nostra personale selezione

Le 5 migliori gag del cinema trash

1 Non una semplice presa per i fondelli, ma qualcosa di decisamente più doloroso. Lino Banfi, alias Oronzo Canà, viene sollevato di peso e portato in trionfo (prima foto a sinistra). Lui urla: «Mi avete preso per un coglione...». E suoi fan rispondono: «No, sei il nostro eroe!». E Oronzo precisa: «Mi avete preso per un coglione... sotto la mano... mi fa male!».

2 Christian De Sica, dal neorealismo dell'illustre padre al realismo corporale: «Senti che robba... Ma che te lavi i piedi caa saponetta ar pecorino?».

3 La classe immortale di Totò quando mette in chiaro il suo rango: «Signori si nasce! E io lo nacqui, modestamente».

4 Un giovane Diego Abatantuono, grande attore, ma anche cantante provetto quando intona il seguente motivetto: «Son diabolico nell'amplesso, sprupurziunato per quel che riguarda le dimensioni del sesso, e se trovo la donna giusta, me la ciuccio come un'aragosta...».

5 L'elogio funebre di Alberto Sordi a un collega appena scomparso: «Ti ricorderò sempre nello sketch della telefonata , quando io ti dicevo “pronto, pronto chi parla?“ E tu mi rispondevi “Sto c...!“»

6 Paolo Villaggio-Fantozzi meriterebbe una lista a sé. Ma come dimenticare: «La corazzata Potemkin è una cacata pazzesca»

7 Un classico per chiudere: ancora Sordi, americano a Roma: «Maccherò, m'hai provocato? E io me te magno...gnam»

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti