Agente parte in vacanza con la moglie e il figlio. Nell'auto 7 chili di coca

Fermato per un controllo dai carabinieri. La "neve" in un'intercapedine della vettura

Sudava freddo, ma ha tentato di mostrarsi ugualmente tranquillo, puntando sul fatto che appartenendo alle forze dell'ordine i «colleghi» avrebbero chiuso un occhio ed evitato di controllare la sua auto. Ma al poliziotto in servizio presso il XII Reparto Mobile di Reggio Calabria non è bastato esibire il tesserino ed è finito in manette.

Ad arrestarlo sono stati i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Locri, che lo hanno trovato in possesso, non di una modica quantità di droga, ma di 7 chili e mezzo di cocaina.

È accaduto il 29 luglio ma la notizia è emersa soltanto ieri. Ennesima dimostrazione, purtroppo e come se servisse dopo gli arresti dei carabinieri infedeli della caserma Levante, che ci sono diverse «mele marce» che purtroppo infangano chi indossa la divisa con onore.

Il controllo è scattato lungo la strada di grande comunicazione Jonio-Tirreno che collega Rosarno a Marina di Gioiosa Jonica. Il poliziotto, C.B. di 40 anni, origini siciliane, stava viaggiando in auto con moglie e figlio per raggiungere una località di mare sullo Jonio per passare le vacanze. I militari dell'Arma, che stavano eseguendo controlli di routine, hanno alzato la paletta e lo hanno fermato. «Patente e libretto per favore», gli hanno chiesto, come stavano facendo con tutti gli altri automobilisti, fermi al lato della strada.

L'agente ha esibito una fotocopia del tesserino di riconoscimento. Ma era agitato, nervoso, come se avesse fretta. Si è mostrato insofferente al controllo e questo atteggiamento è stato notato dai carabinieri, a cui è bastato niente per capire che avesse qualcosa da nascondere.

È scattata la perquisizione, alla quale hanno preso parte anche agenti della polizia, chiamati dai militari a partecipare. «Ho mia moglie e mio figlio con me e devo fare molta strada» ha cercato ancora di eludere il controllo. Ma senza successo.

Dentro la macchina sono state trovate sette confezioni plastificate da circa 1 chilo ciascuna, per complessivi 7,5 chili di cocaina. Queste erano state nascoste abilmente all'interno di un doppio fondo ritagliato dietro il vano portaoggetti.

Il poliziotto a quel punto era terrorizzato e ha provato a giustificarsi. «Non ne so nulla, questa non è roba mia, forse qualcuno l'ha messa nella mia automobile per incastrarmi. Sono sorpreso come voi, dovete credermi, lo giuro!», ha cercato ancora di spiegare ai colleghi. Ma non è servito a nulla e, al termine delle formalità di rito, è stato dichiarato in arresto u disposizione dell'autorità giudiziaria.

Nei prossimo giorni è prevista l'udienza di convalida davanti al giudice di Locri al quale dovrà spiegare la provenienza della droga e soprattutto quale era la destinazione finale dell'ingente quantitativo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Sab, 01/08/2020 - 10:25

Ma quante mele marce ,madama dore' , ma quante mele marcee...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 01/08/2020 - 10:47

erano per le spese extra...

Epietro

Sab, 01/08/2020 - 10:52

@Cicciomessere 10:25 - Lei ha perfettamente ragione, ma evidentemente le verifiche ed i controlli che dovrebbero essere fatti dai superiori e dai commilitoni sono insufficienti.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 01/08/2020 - 11:12

La droga era per uso personale, che diamine!

Gio56

Sab, 01/08/2020 - 11:37

tomari,in caso di nuovo lockdown aveva fatto scorta,non si sa mai che per altri tre mesi non si puo uscire

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 01/08/2020 - 12:17

Per me c'è stata una soffiata. Andare a cercare un sottofondo, mi sembra eccessivo se non c'erano già dei sospetti. Comunque, sta di fatto che un agente mi ha denunciato,per offesa, come se loro fossero tutti perfetti perchè ho detto che alcuni non si comportavano come dovevano. Va bene, il processo c'è stato, ho pagato, ed ora sono a posto con la giustizia, ma qui si continua.

DRAGONI

Sab, 01/08/2020 - 12:29

EVIDENTEMENTE NE AVEVA BISOGNO PER IL PERIODO DI VACANZA.

Ritratto di Adespota

Adespota

Sab, 01/08/2020 - 12:31

L'agente sud-ava freddo, mentre il nostro Paese è sempre più sud-america.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 01/08/2020 - 12:40

Servivano per dimagrire in quella settimana di vacanza. 7 chili in 7 giorni.

Santorredisantarosa

Sab, 01/08/2020 - 12:43

DA ALMENO 10 ANNI DICO CHE LE FORZE DELL'ORDINE NON HANNO PIU' DIGNITA' E ONORE COME UNA VOLTA, CERTO CHE LA POLITICA DI SINISTRA HA CONTRIBUITO ED ANCHE MOLTO, ANZI MOLTISSIMO

walter viva

Sab, 01/08/2020 - 12:49

Ha ragione do-ut-des, c'è stata sicuramente una soffiata, lo aspettavano al varco. Il problema è che manca il deterrente. Le condanne, al contrario di chi predica recuperi e ciance varie (da applicarsi solo a determinati e ristretti casi), devono essere pesantissime, e ciò deve valere per tutti i reati gravi. Non deve esserci convenienza a commetterli.

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 01/08/2020 - 13:01

Non ne sa nulla? Io invece penso che il cestino delle mele marce stia diventando un cestone. Povera Italia.

lorenzovan

Sab, 01/08/2020 - 13:12

ma no'..cosa scrivete mai..e' "qualche " mela marcia...si ..si... come no...dvéve essere una persecuzione politico-giudiziaria anche questa...

lorenzovan

Sab, 01/08/2020 - 13:13

do ut des..e' evidente..lol..figuurati che s enon lo avessero saputo per certo .. mai si sarebbero messi a smontargli la macchina !!!!

justic2015

Sab, 01/08/2020 - 13:29

Ma se qualche d'uno gli e la messo nel sotto fondo per incastrare a questo poveretto chi lo sa, e possibile che sta dicendo la verità bisogna vedere come la vede il giudice della zona quando gli faranno un processo e poi ci vogliono prove prove prima che una persona viene accusata.

Malacappa

Sab, 01/08/2020 - 14:10

Adesso va in galera,onore hai carabinieri che l'hanno arrestato facendo il proprio dovere ahhh dimenticavo se fosse un invasore arresti domiciliari e in 2 giorni in piazza a spacciare

poli

Sab, 01/08/2020 - 16:27

Cambiare le norme di reclutamento, alzare gli stipendi, giustamente chi lavora a Milano o altre grosse citta' mi spiegate come fa' a vivere con 1500 euri? quando solo di pigione servono minimo 800 euro mensili?

capi_tan_iglu

Sab, 01/08/2020 - 17:21

È bello vedere come in Italia i tutori dell'ordine e della legge diano il "buon" esempio agli altri...