La furia degli attivisti 5S su Travaglio: "Cosa ha fatto..."

A dare spazio alla lamentela e all'integrale della lettera è il Blog delle Stelle, che apre quindi un nuovo fronte polemico con la galassia di riferimento pentastellata

La furia degli attivisti 5S su Travaglio: "Cosa ha fatto..."

Hanno chiesto ospitalità al Blog delle Stelle, l’organo di comunicazione ufficiale della piattaforma Rousseau. Sono ventitré gli attivisti che hanno apposto la loro firma in calce alla lettera inviata al sito per denunciare una presunta censura da parte del Fatto Quotidiano. “Vi scriviamo – spiegano - perché nei giorni scorsi abbiamo inviato una lettera aperta a 'Il Fatto Quotidiano’ per rispondere a una dichiarazione che il suo direttore, Marco Travaglio, aveva rilasciato al programma televisivo Otto e mezzo, in cui asseriva di non conoscere persone senzienti interessate alla difesa della piattaforma Rousseau”. Il problema è che, continuano gli scriventi, “la suddetta lettera ci è stata pubblicata, ma purtroppo presenta numerosi tagli operati dalla redazione che ne hanno modificato e mortificato i contenuti, e soprattutto lo scopo che ci aveva spinto ad idearla”.

A dare spazio alla lamentela e all'integrale della lettera “con le parti tagliate evidenziate in grassetto e le nostre firme” è, dunque il Blog delle Stelle, che apre quindi un nuovo fronte polemico con la galassia di riferimento del Movimento 5 Stelle. “Addirittura – osservano ancora gli estensori del messaggio, in apertura di Blog per inaugurare la rubrica 'Caro Blog ti scrivo’, con la quale l'associazione Rousseau si propone di dare voce ai cittadini che credono nella partecipazione e nella cittadinanza attiva e digitale come occasione per creare valore nella comunità – non compare una citazione del vice direttore del medesimo quotidiano che, in un suo libro, sostiene come la democrazia diretta sia quell'ignoto che fa paura ai potenti”.

Gli attivisti contestano anche la scelta del titolo operata da Il Fatto Quotidiano. “Purtroppo – sottolineano – anche questo non rispecchia il contenuto del nostro messaggio, anzi è fuorviante e si basa invece sulle parole con cui il direttore Travaglio ha voluto risponderci. Siamo sinceramente dispiaciuti per quanto avvenuto e vi chiediamo la possibilità di pubblicare la versione integrale della nostra lettera sul vostro blog per dar voce ai cittadini attivi, che attraverso le architetture della partecipazione possano avere il giusto spazio”.

Intanto, la storia d’amore tra Movimento 5 Stelle e Rousseau sta finendo peggio del previsto. Gli stracci sono volati da tempo, ormai e le schermaglie sono diventate una vera e propria battaglia, politica ma soprattutto di carte bollate. La vicenda è surreale: da almeno un paio di settimane il leader in pectore, Giuseppe Conte, ripete che statuto, carta dei valori e nuova piattaforma del movimento sono pronti. La rifondazione doveva partire ai primi di maggio, poi la data è slittata e la deadline è prevista al massimo entro la fine del mese. Quello che manca è la lista degli iscritti, conservata nei server dell'associazione guidata da Davide Casaleggio. Per questi dati si preannuncia una nuova battaglia, a colpi di carte bollate.