Berlusconi in Calabria: "Vi hanno abbandonato"

Il leader di Forza Italia alla folla: "Dateci fiducia. Non ci possiamo rassegnare al disastro causato dalle classi dirigenti"

"Vi hanno abbandonati". A dirlo a gran voce è Silvio Berlusconi che, dopo essere stato in Emilia Romagna, è atterrato in Calabria, per il tour elettorale, in vista delle Regionali del 26 gennaio 2020. "Appena arrivato a Tropea: una accoglienza fantastica e tanta voglia di cambiare", ha scritto su Twitter il leader di Forza Italia che, dopo Tropea, è atteso a Lamezia Terme per una conferenza stampa alle 17.30.

In un'intervista, pubblicata sulla Gazzetta del Sud, Silvio Berlusconi invita i calabresi a dare fiducia al centrodestra: candidata alle Regionali è Jole Santelli, "che conosco da 26 anni. L'ho avuta anche nei miei governi. Ha capacità di individuare le persone capaci ed esperte nel dare soluzioni". E anticipa: "Cambierà la Calabria".

I due temi principali su cui intende concentrarsi Forza Italia saranno sanità e occupazione: "Per quanto riguarda la realizzazione di infrastrutture, per attrarre investimenti in Calabria, deve affiancarsi una fiscalità di vantaggio e uno sgravio contributivo per chi assume- spiega il Cav- Proponiamo, anche utilizzando i fondi europei, di non far pagare per i primi tre anni nessuna tassa e nessun contributo alle aziende che assumono stabilmente un giovane disoccupato". Per quanto riguarda il sistema sanitario, invece, l'obiettivo è la "valorizzazione della professionalità di medici e infermieri, taglio delle liste d'attesa, uso degli strumenti informatici, dell'automazione, della robotica, assistenza di prossimità essenziale in un territorio spesso impervio e mal collegato come quello calabrese, sblocco della costruzione di nuovi ospedali, anche per arrestare il doloroso fenomeno della migrazione sanitaria verso le regioni del nord".

L'ex premier chiede fiducia, assicurando di voler "cambiare la realtà della Calabria, ma anche la sua immagine", perché "questa regione ha potenzialità enormi, ha una natura, una cultura, una storia che sono straordinarie, ha delle eccellenze che purtroppo convivono con contraddizioni profonde". Ma, ad oggi, "è un deserto occupazionale" e spesso i lureati lasciano la regione: "Fa male al cuore". Ma Berlusconi sottolinea: "Non ci possiamo rassegnare al disastro al quale la Calabria e i calabresi sono stati consegnati dalle loro classi dirigenti".

Infine, il Cav annuncia: "La vittoria in Calabria ed Emilia dovrà portare alle dimissioni di questo governo oppure non siamo più una democrazia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

necken

Gio, 23/01/2020 - 17:11

Politicamente il Sud cerca da sempre di salire sul carro dei vincitori e mungere soldi allo stato nazionale; la malavita organizzata questo lo sa fare benissimo. Meno male che Nicola Gratteri c'è!