Bettini: "Alle prossime elezioni ampia alleanza Pd-M5S da schierare contro la destra"

L'ex coordinatore del Pd spiega che occorre anche una classe dirigente audace, che organizzi sul territorio spazi di confronto sulle questioni più importanti per il nostro Paese

Alle prossime elezioni Partito democratico e Movimento 5 Stelle potrebbero creare un’alleanza “ampia e democratica” contro la destra. Si tratta di una sfida intensa ma inevitabile. Il pensiero arriva da Goffredo Bettini, ex coordinatore dei dem, che sono alla vigilia di due importanti appuntamenti come la verifica di governo e il congresso del partito.

L’ex senatore spiega che il Pd intende agire su due livelli. Il primo è un impegno agguerrito nell’esperienza di governo che i democratici stanno portando avanti insieme ai grillini perché secondo Bettini questo esecutivo va considerato “un fondamentale incubatore politico e a tal proposito cita l’accordo ampio che il Pd dovrebbe costituire con i 5 Stelle per opporsi al centrodestra. In secondo luogo, l'ex eurodeputato dice che occorre “ricostruire” il Pd e concorda con l’espressione “partito nuovo” lanciata sabato dal segretario Nicola Zingaretti. “Quando dico cambiare, penso a questioni precise: costituire una classe dirigente plurale ma solidale - continua -, in grado di rielaborare valori per una sinistra moderna. I cittadini non trovano più "forme" dentro le quali sentirsi interiormente a casa".

In un'intervista alla Stampa, Bettini spiega che non c’è bisogno di un generico movimentismo ma serve il carisma di una classe dirigente audace, che organizzi sul territorio spazi di confronto e discussione sulle questioni più importanti per il nostro Paese. E ribadisce che non bisogna guardare alle correnti che hanno fatto il male del partito facendo allontanare molta gente.

Bettini interviene poi sulle sardine e sottolinea che hanno formato un movimento molto importante. “Chiedere loro di più è un madornale errore. La loro forza è un certo silenzio - prosegue - Il rifiuto di strafare. L'estraneità dalla valanga di chiacchiere di gran parte del dibattito politico. Hanno detto: noi ci siamo contro la destra. I nostri corpi ne sono la testimonianza”.

Sulla legge elettorale, l’ex coordinatore del Pd precisa che il partito voleva un maggioritario a doppio turno. E ricorda che su questo in Parlamento non si è raggiunta una maggiorana sufficiente ma il proporzionale con uno sbarramento al 5% produce un notevole effetto di garanzia per la stabilità della maggioranza.

Infine, secondo Bettini le difficoltà del Movimento 5 Stelle incidono sulla solidità dell'esecutivo ma allo stesso tempo è necessario comprendere cosa sta avvenendo al loro interno. "Il bipolarismo che ineluttabilmente avanza, anche se in forme nuove, li costringerà a scegliere - conclude l'ex senatore - O di là o di qua. È questo, per loro stessa natura, è molto ostico".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Brutio63

Lun, 13/01/2020 - 12:18

Vogliono i voti rivoluzionari ed anti sistema dei 5S per mantenere al potere l’ultracasta di sventura degli orfani del PCI già mischiatisi con gli ex dc di sinistra, in 25 anni dal 1992 hanno devastato l’Italia ed ancora non gli basta? Hanno svenduto l’Italia e gli italiani che non hanno mai amato, infatti amavano la bandiera rossa e non il tricolore!

Riflessivo19

Lun, 13/01/2020 - 12:19

La disfatta dell'Umbria dovuta anche all'alleanza PD-M5S non e servita a nulla, chi non vuole più sentire parlare di PD non darà il voto hai 5Stelle sapendo che sono alleati, senza contare che i sostenitori dei 5Stelle diminuiscono giorno dopo giorno

killkoms

Lun, 13/01/2020 - 13:15

fareste l'affare del secolo!

giovanni61

Lun, 13/01/2020 - 13:21

vorrei solo riuscire a capire chi decide chi è democratico? fino ad ora gli unici antidemocratici li trovo nei "sapientoni" per i quali sono antidemocratici coloro che non la pensano come loro. Vogliono un popolo di pecore.

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 13/01/2020 - 14:08

Poveri illusi. Questi sinistrati hanno una visione politica ormai che rasenta lo zero. Verrete presto spazzati via, sia voi pidioti che i grullini.

Libertà75

Lun, 13/01/2020 - 14:17

democrazia e PD sono 2 cose molte diverse

Capricorno29

Lun, 13/01/2020 - 15:17

si alleatevi anche con il diavolo,cambiate nome prendetevi sardine e sardone tanto la disfatta del vostro PD non ve la toglie nessuno avete stramazzato i maroni

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 13/01/2020 - 15:29

Chiacchiere, solo chiacchiere, rette solo dalla speranza. La parola ormai spetta agli elettori, in Emilia Romagna, dove la sinistra trema, come mai in precedenza.

krgferr

Lun, 13/01/2020 - 15:31

Con tutto il rispetto per il dramma progressista, resta il fatto che, appena letto l'articolo ho avuto un flash della mia purtroppo lontana infanzia, allorché mia mamma mi portava, tempo di carnevale, in Piazza Vittorio a Torino per vedere i "Baracconi"; c'era allora un imbonitore di uno di questi che, penso scherzosamente, urlava al popolo: "Entrate, entrate, più gente entra più bestie si vedono". Saluti. Piero

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 13/01/2020 - 17:27

Si sono insultati fra di loro per 10 anni, ora si mettono insieme solo per la cadrega e rischiano ugualmente di perderla. saranno mai credibili? I loro elettori credono alle balle che dicevano l'un dell'altro dieci anni fa e fino allo scorso, oppure alle balle che raccontano ora?

cgf

Lun, 13/01/2020 - 19:11

MEGLIO RICORDARE LORO IL SIGNIFICATO DI dignità /di·gni·tà/ sostantivo femminile 1. Rispetto che l'uomo, conscio del proprio valore sul piano morale, deve sentire nei confronti di sé stesso e tradurre in un comportamento e in un contegno adeguati. "tutelare la propria d." Decoro, rispettabilità: la d. accademica; la d. della cattedra; la d. della propria missione; la d. dell'edificio e di chi lo abita. Aspetto di grave e composta nobiltà. "la d. di un volto, di un'architettura" 2. Alto ufficio, civile o ecclesiastico, grado gerarchico elevato. "raggiungere le più alte d. nel governo" al pl. ( non com. ). Le persone che detengono tali uffici o gradi, le autorità. Origine Dal lat. dignĭtas -atis, der. di dignus ‘degno’ seconda metà sec. XII.

Sadalmelik758

Lun, 13/01/2020 - 23:39

bettini chi era costui?

Popi46

Mar, 14/01/2020 - 06:50

Magariiii! Così gli italiani raziocinanti faranno Bingo, prendendo due piccioni con una fava, affondando quel relitto del PD che ha accolto il circo 5* Barnum

giuseppegrasso

Mar, 14/01/2020 - 17:32

Il chiodo fisso della sinistra è quello di battere la destra. Ma non è maggioranza al governo? E allora la smetta con questo chiodo fisso e cerchi di governare anziché perdere tempo in questa eterna battaglia. Di figure meschine ne ha accumulate , in tutti i campi mi pare. Lavorino serenamente ai problemi del governo.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 15/01/2020 - 07:44

... creare un'alleanza "ampia e democratica" ... se se lo chiedono or ora che cosa era prima? Mi sovviene che era tutta una farsa ... ovvero retorica da "storico balcone" in salsa Hotel Lubjanka.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 15/01/2020 - 08:47

La disfatta dell'Umbria,signor Bettini,docet!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 15/01/2020 - 08:48

giuseppegrasso Mar, 14/01/2020 - 17:32 Santissime parole:condivido appieno!

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 15/01/2020 - 13:58

si alleeranno anche con Hamas ed i maoisti naxaliti dell'India?