"Nebbie fitte sulle elezioni Usa". La guerra per il dopo Trump

L'assalto al Campidoglio dei sostenitori del presidente Donald Trump ha lasciato sgomento tutto il mondo. Per la rubrica Il Bianco e il Nero abbiamo chiesto l'opinione dei giornalisti Gad Lerner e Maria Giovanna Maglie.

L'assalto al Campidoglio dei sostenitori del presidente Donald Trump ha lasciato sgomento tutto il mondo. Per la rubrica il bianco e il nero abbiamo chiesto l'opinione dei giornalisti Gad Lerner e Maria Giovanna Maglie.

Cosa pensa di quanto accaduto ieri a Capital Hill?

Lerner: "Penso che sia stato un episodio ai limiti del golpismo, di natura certamente eversiva. Come tale concepito, convocato e benedetto dal presidente Trump e ciò conferma la natura spinto-eversiva della sua leadership".

Maglie: "Penso che sia stato un episodio di violenza estrema, frutto di due mesi di esasperazione popolare per delle elezioni che sono avvolte da una fitta ombra di dubbi e che più di metà della popolazione americana ritiene un imbroglio o una truffa".

Ma questi rivoltosi sono dei pericolosi rivoluzionari oppure semplici mitomani e pagliacci?

Lerner: "Anche le camicie nere che marciavano su Roma avevano un aspetto da pagliacci. Anche le camicie verdi che organizzavano le ronde e proclamavano la secessione della Padania dalla Repubblica italiana portavano le corna come qualche delinquente di ieri. È squadrismo quel che la destra liberale, purtroppo colpevolmente, ha cercato di minimizzare come se si trattasse di folklore. Non c'è niente di folkloristico nello squadrismo che abbiamo vito a Capital Hill".

Maglie: "Né l'uno né l'altro. Sono la frangia più esasperata ed estremista di un popolo profondamente deluso dei risultati elettorali che li ritiene frutto di un imbroglio. I più facinorosi hanno capeggiato una marcia di massa e hanno voluto questa forma di degenerazione. Non sono stati particolarmente intelligenti nel farlo perché hanno provocato la reazione del mondo contro l'intero movimento, però era scontato che accadesse. Vorrei ricordare che il 3 novembre sono arrivati circa 100 milioni di voti postali raccolti in deroga alla Costituzione che li prevede solo per casi eccezionali: diplomatici, militari in missione e luoghi nei quali è impervio muoversi per ragioni metereologiche. Il Covid ha fatto sì che alcuni Stati decidessero di estendere a dismisura il voto postale, attingendo i nomi dall'anagrafe e non dai registri elettorali. Questo ha generato una serie di falsi non controllabili".

C'è una narrazione esagerata quando si parla di attacco al cuore dell'America?

Lerner: "Cosa può esserci di meno che attaccare e occupare l'Aula del Parlamento trasformandola in un bivacco di un manipolo di squadristi, come avrebbe detto Mussolini poco meno di un secolo fa? Cosa dovevano fare di più perché si considerasse questo gesto come un attentato supremo e inaccettabile per le regole democratiche?".

Maglie: "La reazione è esagarata per due motivi. Il primo strettamente strumentale e manipolativo: cercare di coprire qualunque dibattito sul modo in cui è avvenuta la vittoria di Biden, addossando tutta la colpa al 'popolo bue', al 'branco di miserabili' come Hillary, a suo tempo, definì il popolo di Trump. La seconda ragione di profonda ignoranza della storia e della struttura degli Stati Uniti d'America è che, tanto col secondo emendamento che dà il diritto di essere armati quanto con la dichiarazione d'indipendenza e nella Costituzione, si prevede la ribellione del popolo contro lo Stato se ci sono elementi di tirannia. E i brogli elettorali sono considerati elementi di tirannia provata".

Secondo lei Trump è colpevole? E se sì, quanto?

Lerner: "Non abbiamo bisogno di giudicarlo noi perché lui, attribuendo la qualifica di patrioti a questa descamisados che sono quasi come una sua truppa irregolare, rivendica di essere una incarnazione moderna del fascismo inteso come potere che si esercita attraverso la forza. Sulle loro bandiere c'era scritto "Trump" e lui, anche dopo aver verificato quel che avevano fatto, li ha chiamati patrioti anziché delinquenti".

Maglie: "Trump ha sicuramente istigato una prova di forza popolare perché, dopo aver tentato per due mesi qualunque forma di ricorso legale ed esserselo visto bloccato, anche quando i ricorsi erano del tutto legittimi perché il sistema ha reagito chiudendosi a riccio (anche se non è ancora finito), ha ritenuto che la sua prova di forza nel Paese e nei confronti del Partito Repubblicano andasse tentata fino in fondo. Se la domanda è: 'Trump è colpevole di aver chiamato la piazza?' Sì, lo è. La piazza aveva tutto il diritto di esprimersi? Sì".

Secondo lei Trump come andrebbe defenestrato?

Lerner: "Credo che ci sia una colpa che qualche storico ha già definito la viltà dei moderati nel Partito Repubblicano che per convenienza ne ha subìto un'egemonia totale anche quando Trump contravveniva alle sue tradizioni e la sua cultura politica. È evidente che quest'uomo è pericoloso e non ha diritto di stare alla Casa Bianca. Vuole apparire l'eversore, il goplista e il fascista che è e credo che non so se da qui al 20 gennaio si riesce a mandarlo via, ma sarebbe più che legittimo farlo".

Maglie: "Questa domanda è alquanto peregrina perché Trump, che partecipi oppure no alla trasmissione delle consegne, tra dodici giorni va a casa. Non credo che in dodici giorni possa sovvertire il sistema. Anche i tempi materiali per la scrittura della richiesta di sostituzione con il vice Pence sono burocraticamente superiori ai 12 giorni. Tenteranno di far fuori Trump per via giudiziaria, visto che politicamente è tutt'altro che finito".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Ilsabbatico

Gio, 07/01/2021 - 16:22

Ma tra tutte le persone a cui avreste potuto fare queste domande, dovevate prendere proprio gad Lerner????

Ritratto di HARIES

HARIES

Gio, 07/01/2021 - 16:23

Senza dubbio Gad si troverebbe bene in America con i ricconi. Diversamente, gli conviene stare in Italia, anche qui lui ha trovato l'America.

Calmapiatta

Gio, 07/01/2021 - 16:28

I giudizi sui fatti NON possono essere espressi su base ideologica, siano essi a favore che contro. Trump è cattivo, quindi ha torto, Trump è un eroe quindi ha ragione, sono tesi che nulla hanno a che fare con la realtà. L'unica cosa certa è che le tensioni sociali negli USA cominciano ad emergere pericolosamente, TRump o non Trump.

Nick2

Gio, 07/01/2021 - 16:29

Maglie senza vergogna. Da questi atti bisogna dissociarsi in modo netto. Sempre e comunque. Sono curioso di leggere i commenti dei FASCISTI che bazzicano su questo giornaletto!

Palladino

Gio, 07/01/2021 - 16:34

non me lo sarei mai aspettato: Gad Lerner?

IronHandIronHead

Gio, 07/01/2021 - 16:35

Proprio un ex di Lotta Continua che ci spiega come deve funzionare la Democrazia e che da la patente di "fascista" ad un Presidente degli Stati Uniti, che, pur perdendo le elezioni, ha comunque preso 76 Milioni di Voti. Il signorino Radical Chic è la dimostrazione vivente del perchè in USA qualche esagitato da Appalachian Trail scenda a valle su Capitol Hill. Detto questo, magari tra 5 anni, si scoprirà che anche questa, come la storia del Russiangate, è stata una pantomima. Rimane una domanda: come hanno fatto 4 scalmanati ad entrare al Congresso?

Ritratto di faman

faman

Gio, 07/01/2021 - 16:36

Commentare tutto sarebbe tropo lungo, voglio solo commentare l'affermazione della Maglie: si, Trump ha chiamato la piazza. Se un politico, col potere di Trump, aizza la piazza (con effetti prevedibili, visto il clima) e poi non è capace (o non vuole) di controllarla, è un irresponsabile che va allontanato dalle stanze del potere.

Atlantico

Gio, 07/01/2021 - 16:40

Praticamente la signora Maglie dà per certo che siano avvenuti 'brogli elettorali' e il fatto che nessuna sentenza e/o procedimento li abbia confermati è per lei la prova che i brogli ci siano stati. Per quanto riguarda Trump, ricordo che quattro anni fa qualcuno disse che somigliava a Berlusconi che invece, nella destra italiana, è stato l'unico a non intrupparsi mai con Trump, mentre Salvini si è guadagnato la definizione di "cheer-leader" trumpiana da parte dei giornali americani e l'abbiamo visto tutti andare in giro con mascherine marcate Trump, mentre la Meloni si è 'dimenticata' di attribuire ai discorsi incendiari di Trump negli ultimi due giorni la responsabilità diretta di vedere una banda armata nel parlamento americano e delle quattro vittime. Molti dovrebbero chiedere scusa a Silvio Berlusconi.

xgerico

Gio, 07/01/2021 - 16:44

@Io invece mi lamenterei della Maglie!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 07/01/2021 - 16:45

La Maglie da buona trumpiana ancora in versione cheerleader continua a sostenere tutte le ragioni ed i motivi per i quali Trump ha chiamato i suoi a marciare ed invadere il congresso.Le elezioni sono state falsate e quindi quei rivoltosi hanno ragione a contestare, hanno un tantino esagerato ma hanno ragione e quindi sono dalla parte del giusto.

IronHandIronHead

Gio, 07/01/2021 - 17:00

Cari...Purtroppo prima di parlare di fascisti o dare simil epiteti, bisognerebbe conoscere la Storia. Gli USA sono nati sulla ribellione illegittima ad un Re riconosciuto. Gli USA sono figli di una delle più cruenti guerre fraticide del Pianeta, seconda sola alla guerra delle 2 Rose. Quanto sta succedendo è il figlio spurio della mancanza di prospettiva per la middle class, dell'impoverimento della scuola e delle Università, della continua guerra in nazioni lontane di migliaia di kilometri. Figlia dell'abuso, partendo dalla elite, di sostanze psicotropiche. Trump non è il problema. E' solo la punta dell'iceberg. Biden non sarà certo un nuovo Roosevelt.

ortensia

Gio, 07/01/2021 - 17:04

Brava Maglie. Lerner?! Scelta che non condivido, qualunque altro meglio di lui, persino Friedman Ollio sarebbe stato meglio.

giorgio.pieve

Gio, 07/01/2021 - 17:06

Anche se non si è completamente d'accordo con la Maglie, è sempre un piacere leggere e ascoltare le sue analisi. Ma Gad !!!!!!!!!!!!!!!! nasconditi.

FrancoM

Gio, 07/01/2021 - 17:08

Io direi il rosso e il grigio non di certo bianco e nemmeno nero. Le risposte poi sono scontate, specie le grossolane scicchezze di Gad. Spero solo non lo abbiate pagato ...

Ritratto di napoleonebonaparte

napoleonebonaparte

Gio, 07/01/2021 - 17:10

Gad Lerner!!! Che sorpresa leggerlo sul Giornale.. lo stimo molto. uno senza padroni.

mariobaffo

Gio, 07/01/2021 - 17:12

Nik2 questa è prova di voi rossi tutti quelli che la pensano diversamente sono fascisti ,ma sai almeno il significato della parola?Io non giustifico mai la violenza come fate voi coprendo quella rossa.Tu stesso adesso stai minacciando ,ma siete fatti così.

Iacobellig

Gio, 07/01/2021 - 17:12

Lerner come sempre si è mostrato incapace di ragionare. Gli riesce molto bene dover collocare Trump nelle file fasciste, come accade col PD in Italia. La Maglie molto precisa, sintetica e altrettanto molto chiara e distaccata. Lerner incapace di fotografare la situazione venutasi a creare slegata dalle cause. La Maglie molto incisiva e precisa rispetto a Lerner, avendo inquadrato la vicenda all’interno delle cause che l’hanno generata.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Gio, 07/01/2021 - 17:14

Senza ombra di dubbio i brogli elettorali ci sono stati.Il problema è far luce su tali brogli visto che la magistratura democratica in America si è chiusa a riccio e non permette di far chiarezza. Del resto hanno vinto (per modo di dire) i democratici. In Italia,così, come in tutto il mondo,la magistratura interviene solo in tempi inopportuni.

Rugantino49

Gio, 07/01/2021 - 17:16

Mi domando, alla luce di quanto accaduto sul presupposto che si sia dato accesso al voto per posta al di là di quanto previsto come caso eccezionale (ma la situazione col Covid in realtà non si può certo definire ordinaria)cosa sarebbe successo se fosse capitato come in Italia quando dopo le elezioni tenute in base ad una legge che prevedeva le coalizioni, il PdR ha deciso che le stesse coalizioni non contavano niente e di dare l'incarico al partito che, preso singolarmente, aveva ottenuto il maggior numero di voti, cambiando le carte in tavola a giochi ormai fatti. E poi parlano male della destra italiana...

lawless

Gio, 07/01/2021 - 17:18

aspettiamo qualche giorno per capire cosa è successo. Chi ha ucciso la ragazza e perchè? Chi era intenzianato a sfruttare un episodio (sebbene poco opportuno) nato pacificamente tanto è che la gente cercava di farsi selfie coi poliziotti?

Ritratto di Spiderman59

Spiderman59

Gio, 07/01/2021 - 17:19

Sono d'accordo, anzi d'accordissimo, con il commento del lettore Ilsabbatico, ci vuole tanto coraggio, ponendo freno al brivido che corre lungo la schiena, far domande al barbuto.

Valvo Vittorio

Gio, 07/01/2021 - 17:20

Sono stato un convinto sostenitore di Trump e lo scritto del giornalista ha rafforzato questa convinzione. Trump è il più schietto assertore della grandezza degli USA e della libertà dei popoli. Potrei citare innumerevoli esempi, ma basta l'esempio di come ha messo in ridicolo il leader della Corea del nord.

rigampi1951

Gio, 07/01/2021 - 17:20

Brava Maglie, hai asfaltato Gad Lerner, proprio questo personaggio dovevano intervistare

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 07/01/2021 - 17:23

Sono curioso di vedere i commenti dei FASCISTI che bazzicano su questo giornaletto, scrive il TROLL KOMUNISTA di turno oggi!!!!jajajajajaja

Ritratto di nestore55

nestore55

Gio, 07/01/2021 - 17:28

Nick2 Gio, 07/01/2021 - 16:29...Allo stesso modo in cui lei, geneticamente e democraticamente superiore, ha condannato gli attacchi rivolti al senatore Salvini e al Presidente Berlusconi. Non rimedia una gran figura, se lo lasci dire...E.A.

maxxena

Gio, 07/01/2021 - 17:28

Di certo questo per Trump è stato uno scivolone dal quale difficilmente si riprenderà e di cui secondo me dovrebbe rispondere. Atto da condannare? Ai nostri occhi ,per la nostra cultura e in quanto atto violento, assolutamente si. Però una certa percentuale di dubbio sullo svolgimento delle elezioni rimane insieme allo sgomento nel vedere il cuore della capitale di un potente paese, vulnerabile all'attacco di quelle persone guidate in gran parte da un tizio con le corna...

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 07/01/2021 - 17:33

Nick2, però il "giornaletto" continua a leggerlo quotidianamente. Perché non riprende topolino?

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 07/01/2021 - 17:53

La democrazia negli USA traballa già da parecchi anni perché non è più sana, è dettata e controllata dalle grandi famiglie tradizionali che possiedono la Fed, le banche e i media, a seguire le nuove famiglie nate nella silicon valley. Costoro finanziano le nomination di democratici e repubblicani, le loro campagne elettorali e le votazioni. Decidono tutto loro e orientano la scelta del presidente fregandosene del popolo. Trump ha cercato di opporsi a questo potere, anche se in modo rozzo ma sincero, e questo è ciò che piace ai suoi sostenitori. Ormai aveva tutti contro, compreso il suo partito, ma non ci sono dubbi che le votazioni siano poco chiare. Mai nessun presidente eletto ha raggiunto e superato gli 80mln di voti, precedentemente non si era mai superata la soglia dei 70mln e sapendo che probabilmente Trump gli avrebbe superati si è mosso un sistema senza precedenti.

APG

Gio, 07/01/2021 - 18:00

Ma la Boldrini si inginocchierà in parlamento per onorare un'istituzione repubblicana, il Congresso Americano, di un paese amico come gli Stati Uniti, violata da un gruppo di facinorosi sostenitori dell'odiato presidente Trump? Aspetto di vederla!

investigator13

Gio, 07/01/2021 - 18:01

un dialogo tra fascisti e antifascisti, sempre lì si va a finire. la destra fascista e la sinistra antifascista.

Mordechai

Gio, 07/01/2021 - 18:01

@lawless: episodio "poco opportuno"? Quattro morti e il Congresso assaltato sono "inopportuni"?

federico61

Gio, 07/01/2021 - 18:03

nei libri di storia mi pare si dica che l'assalto al Palazzo di Inverno fu compiuto contro il potere costituito da un manipolo di rivoluzionari rivelatesi poi dei dittatori sanguinari: un vero colpo di stato

tormalinaner

Gio, 07/01/2021 - 18:05

Gad Lerner dimentica i milioni di morti nei lager sovietici, in Cambogia con Pol Pot e nelle foibe. Il comunismo e la sinistra sono veramente malefici e golpisti altro che la destra.

Ritratto di napoleonebonaparte

napoleonebonaparte

Gio, 07/01/2021 - 18:07

Gad Lerner, lo stimo moltissimo. Condivido tutto ciò che ha riportato.

dare 54

Gio, 07/01/2021 - 18:09

Splendida Maglie! obiettiva ed equilibrata, cerca le cause e gli effetti. Il suo orizzonte è ampio, non è limitato a camicie nere, verdi, rosse. Non cerca di ricondurre sempre il discorso alla demonizzazione degli avversari politici. Anzi, al contrario lo evita accuratamente. Brava!

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Gio, 07/01/2021 - 18:10

2) Con quanto detto nel primo commento non si giustificano gli atti di violenza e l'ingresso dentro il parlamento. I manifestanti potevano e dovevano restare fuori per continuare il loro disappunto. Chiedere verità non è reato. Anche le corti dei vari stati e quella suprema hanno rigettato frettolosamente ogni rivalsa senza muovere un dito. Potevano tranquillamente fare delle verifiche e poi dire che era tutto regolare. La violenza si istiga non solo con le parole dell'ex presidente ma anche in fatti pubblici e nel comportamento delle istituzioni e dei suoi rappresentanti. L'azione dello speaker della camera Nancy Pelosi quando ha strappato di fronte alle TV di tutto il mondo il discorso del presidente in carica non è dammeno nell'istigare odio. Anche il rispetto delle istituzioni sembra aver abbandonato quella che fu la più grande democrazia del pianeta.

ST6

Gio, 07/01/2021 - 18:16

IronHandIronHead: "Rimane una domanda: come hanno fatto 4 scalmanati ad entrare al Congresso?". Gli U.S. non aprono il fuoco e abbattono centinaia di *cittadini americani* senza pensarci su. Tutto qui. Difficile da capire? No. Pericolosissimo come precedente? Asssolutamente SI.

APG

Gio, 07/01/2021 - 18:17

@Jiusmel - Esatto!! E' proprio così! La censura dei social networks, stampa, TV, media etc. orientano qualsiasi scelta. Non ce n'è per nessuno. I vari Zuckerberg, Pichai, Dorsey, Soros, Rothschild, Rockefeller, Gates, ..., che fatturano miliardi di miliardi di dollari controllano il MONDO! Altro che Trump e Congresso e Senato americano ... Se ti girano la prua contro, ti affondano!

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 07/01/2021 - 18:17

Il commento pacato e corretto di Lerner. Hahahahaha. Proprio a lui dovevate chiedere il commento. Giá sapevate quante corbellerie avrebbe profferito.

Ritratto di Gius1

Gius1

Gio, 07/01/2021 - 18:31

Nick2 Gio, 07/01/2021 - 16:29 La vera dittatura e´il tuo pensiero. Non hai niente di democratico. Per te i nemici sono da abbattere a qualsiasi costo e non vincerli con onesta- Come purtroppo anche da noi in Italia. La storia ci insegna.

Ritratto di TechTrade

TechTrade

Gio, 07/01/2021 - 18:34

Anche questa passerà, ma adesso che i dem sono di nuovo in cattedra aspettiamoci altre guerre. War is business.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 07/01/2021 - 18:57

Quanti sinistri a difendere il più scarso. Lo ritengono vicino a loro, scarsi anch'essi.

Savoiardo

Gio, 07/01/2021 - 19:15

É statisticamente impossibile che l'85% dei voti postali fossero a favore di Biden stante la distribuzione statistica dei voti in presenza nei vari collegi elettorali.É matematica.