Il "colpo basso" di Renzi a Oscar Giannino: "Non serve una laurea per capire"

Giannino accusa Renzi: "Il governo ha aumentato le tasse". Il premier se la prende e sferra un colpo basso al giornalista

Il "colpo basso" di Renzi a Oscar Giannino: "Non serve una laurea per capire"

Tasse ed evasione fiscale. Temi che fanno litigare. Se poi in studio ci sono Matteo Renzi e Oscar Giannino il battibecco finisce a colpi bassi. Con il premier che stanga il gioornalista: "Non serve una laurea per capire".

"In questi mille giorni abbiamo ridotto le tasse". Renzi, in piena campagna elettorale per il referendum sulle riforme costituzionali, non fa che ripeterlo. "Allo stesso tempo - dice - è aumentata la lotta all'evasione fiscale: siamo il governo che ha avuto il risultato migliore dal recupero dell'evasione fiscale. Se lo Stato incassa di più è perché ha recuperato di più, non perché aumentano le tasse". Ma, dall'intervista su Radio 24, ne nasce subito un lungo battibecco non appena Giannino spiega come, aldilà della propaganda, di Renzi, il suo governo abbia aumentato ancora una volta la pressione fiscale (guarda il video).

"Siccome ha detto a me che aumentano le tasse - sbotta Renzi non serve avere una laurea per capire questo genere di cose...". "Infatti lo so bene", replica Giannino che, per smontare la popaganda del premier, cita un'analisi di Luca Ricolfi. "La tassazione - controbatte Renzi - non è aumentata in Italia a livello statale, nel primo anno però le addizionali regionali e anche locali hanno continuato a crescere. In questi due anni e mezzo le tasse sono andate giù e dal 2016 abbiamo impedito di alzare le tasse locali. Però perché dobbiamo creare confusione? La clausola di salvaguardia sull'Iva è una cosa diversa: finora l'abbiamo eliminata e faremo di tutto per eliminarla - conclude - l'ultima volta è aumentata nel 2013 con un altro governo".

Commenti