La commissione Segre? È il "codice Boldrini" per silenziare i nemici

Il neonato organo è solo la fotocopia di quello voluto dall'ex presidente, istituito per censurare chi non è allineato

La commissione Segre? È il "codice Boldrini" per silenziare i nemici

La commissione contro il razzismo, l'antisemitismo e l'odio voluta dalla senatrice a vita Liliana Segre non è altro che la fotocopia di quella istituita nel maggio 2016 e coordinata dall'allora presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini. Una commissione allora intitolata a Jo Cox, deputata della Camera dei Comuni del Regno Unito uccisa da un esponente del movimento neonazista dopo che la stessa si era dichiarata contraria alla Brexit. I risultati portarono, nel luglio 2017, all'individuazione di quella che fu definita «La piramide dell'odio». In sostanza, furono classificate quattro sezioni della piramide: crimini d'odio (ovvero atti di violenza, fino all'omicidio, perpetrati contro persone in base a qualche caratteristica come il sesso, l'orientamento sessuale, l'etnia, il colore della pelle o la religione), il linguaggio di odio (minacce e/o incitamento alla denigrazione o alla violenza), le discriminazioni (lavoro, alloggio, scuola, relazioni sociali) e stereotipi e false rappresentazioni (stereotipi negativi, rappresentazioni false o fuorvianti, linguaggio ostile).

Nella relazione finale si parlava di odio verso migranti e gitani, della violenza sulle donne, del bullismo, nei confronti di genere (lgbt) e per motivi religiosi. Vi erano inserite, insomma, tutte le singole categorie, eccetto una: quella legata all'odio verso chi non è di sinistra. Il fenomeno si sta accentuando infatti sui social. Su Twitter o Facebook, dove se sei un esponente di centrodestra o un giornalista che lavora per giornali non di sinistra, vieni censurato, ti viene cancellato il profilo o vieni tacciato di essere «fascista». Un esempio sono gli innumerevoli attacchi al leader della Lega Matteo Salvini, a cui spesso arrivano minacce di morte. Perché questo avviene? A spiegarlo la giornalista e scrittrice Francesca Totolo, che puntualizza come «le associazioni chiamate come consulenti per la Commissione all'epoca presieduta dalla Boldrini fossero tutte finanziate da Open Society Foundation di George Soros», ovvero del soggetto che da sempre dispensa risorse a chi porta migranti in Italia. Tra queste ci sono Amnesty International, Arci, Associazione 21 luglio, Associazione Lunaria, Cospe, Fidr, Human Rights Watch e Carta di Roma. «E a proposito di quest'ultima - prosegue Totolo - nel 2008 l'associazione Carta di Roma stilò la famosa Carta che i giornalisti italiani devono seguire e che impone l'uso di certi termini quando si parla di migranti, ad esempio. Insomma, l'imposizione della neolingua per obbligare al buonismo».

Della commissione della Boldrini non si parlò molto all'epoca, ma di quella della Segre, che ha certamente un peso maggiore vista la storia del personaggio, si fa un caso nazionale. La verità è che da tempo si tenta di escludere da ciò che è consentito, tutto ciò che è di centrodestra e non si omologa al pensiero comune, quello che ci vorrebbe tutti perbenisti, buonisti e senza alcuna opinione personale. Insomma, il disegno della Commissione Segre viene da lontano ed è ben chiaro: chi non usa certi termini e alza un po' i toni sia nella vita che sui social sarà un giorno punibile con le leggi che le caste dei potenti e le lobby a livello mondiale impongono grazie al dio denaro. Tutto il resto sarà bollato come «fascismo» e sarà eradicato.