Il Csm "boccia" Greco. Lui attacca il pm Storari: "Slealtà e menzogne"

Dura lettera del procuratore ai sostituti: nel mirino la raccolta firme per il collega indagato

Il Csm "boccia" Greco. Lui attacca il pm Storari: "Slealtà e menzogne"

Milano. La serenità ormai è un miraggio al quarto piano del Palazzo di giustizia di Milano. Con tre pm, su due fronti opposti, nel mirino delle Procura di Brescia e a rischio provvedimento disciplinare del Csm, ora arriva la delibera approvata a larga maggioranza in cui il Consiglio superiore prende atto del progetto organizzativo del procuratore Francesco Greco per il triennio 2017-2019, ma con diversi «rilievi». Non c'è, si legge, «un'analisi dettagliata della realtà criminale nel territorio di competenza, non risulta un'indicazione e un'analisi attuale e dettagliata dei dati relativi alle pendenze e ai flussi di lavoro, non sono stati individuati gli obiettivi organizzativi, di produttività e di repressione criminale». Una carenza che «preclude al Csm una compiuta valutazione delle scelte effettuate».

Il Csm dà ragione alle osservazioni già mosse da 27 pm e dall'ex pg facente funzioni Nunzia Gatto che aveva segnalato in particolare un'apparente «anomalia» tra il numero di magistrati addetti al dipartimento Affari internazionali, quello di Fabio De Pasquale, e assegnati ad altri dipartimenti che pure trattano «reati gravi e delicati». Intanto ieri lo stesso Greco ha inviato una dura mail ai propri sostituti in cui attacca (senza farne il nome) il pm Polo Storari, oggi davanti al Csm per la vicenda dei verbali di Piero Amata consegnati a Piercamillo Davigo. «Altro è difendersi - scrive il capo della Procura -, altro è lanciare gravi e infondate accuse, dopo essere venuti meno ai più elementari principi di lealtà nei confronti di chi ha la responsabilità di dirigere un ufficio, non astenendosi, tra l'altro, da un'indagine su un fatto in cui si è personalmente coinvolti». Ancora: «Le tante menzogne, calunnie e diffamazioni sono e saranno attentamente denunciate».

Greco poi affronta la questione della lettera in sostegno a Storari: «Un documento sottoscritto da molti colleghi dell'Ufficio è stato reso pubblico e ha destato inevitabile clamore. Una cosa è la umana solidarietà nei confronti di un collega in difficoltà, altro è una presa di posizione che non poteva non essere presentata nei media come intervento teso a condizionare una procedura giudiziaria garantita, quale è il procedimento disciplinare». Continua il procuratore: «I valori tutelati in questa procedura sono la credibilità e la fiducia dei cittadini nel regolare andamento di un ufficio giudiziario (...). L'augurio di tutti non può essere altro che sia fatta chiarezza quanto più rapidamente dai giudici competenti sotto i diversi profili coinvolti». E rivendica, «senza timore di smentite che in tutti questi anni, da Procuratore aggiunto e poi da Procuratore, senza mai rinunciare al dovere di rappresentare la mia valutazione in un confronto aperto e leale, ho sempre avuto il massimo rispetto per l'autonomia dei colleghi. Altrettanto rispetto dobbiamo avere tutti per le procedure in corso, la cui definizione è l'unico mezzo per ricostruire appieno la fiducia dei cittadini in questa Procura. Una Procura, che è sempre stata un punto di riferimento in Italia e anche all'estero». Infine: «Avviandomi alla conclusione della mia carriera in magistratura, sono orgoglioso di aver fatto parte della grande storia della Procura di Milano».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti