FI smonta il decreto di Conte "Il testo non c'è, inesistente"

Nel dl licenziato la scorsa notte non c’è niente di buono per la ripartenza. Tajani: "Servono scelte condivise, per il momento solo annunci da questo governo"

Sotto il vestito, niente. Il governo vara nella tarda notte di ieri il dl Semplificazioni. Sembra una vittoria, eppure la maggioranza al suo interno litiga su tutto. Dentro un documento di oltre cento pagine c’è solo assistenzialismo e confusione. "Settimane di faticosa gestazione, un Consiglio dei ministri notturno durato oltre sei ore, al termine del quale il tanto sbandierato decreto viene approvato con la ridicola formula del salvo intese", queste le parole dell’azzurra Mariastella Gelmini che etichetta così la misura.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, annuncia un grande successo. Ma i numeri dell’economia fanno impallidire in quanto a miseria. Si prevede, infatti, che quest’anno l’area euro perderà in media l’8,7% e l’Europa nel suo complesso l’8,3%, dato reso leggermente migliore dal minore calo di Paesi non appartenenti alla moneta unica come Ungheria e Polonia. Fanalino di coda è destinata ad essere l’Italia che potrebbe perdere fino all’11,2% di Pil rispetto al 2019. Il dato è in netto peggioramento rispetto al -9,5% pronosticato sempre da Bruxelles a fine aprile. Dati da leggere in combinazione con le altrettanto fosche previsioni dell’Ocse, secondo cui la disoccupazione in Italia dovrebbe raggiungere il 12,4% a fine 2020.

Sul tema interviene puntuto il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, nel corso di una conferenza stampa in Senato. Il centrodestra è pronto a smascherare il bluff di Conte e compagni: "Oggi il governo ha presentato il decreto Semplificazioni con una clausola che dimostra che non c’è ancora accordo definitivo. Il testo può essere ancora modificato. Siamo favorevoli alla semplificazione, ma non bastano i titoli dei capitoli per dire che ciò che propone il governo va bene. Spesso sotto le buone intenzioni non c’è alcunché. Vogliamo che il dl Semplificazioni sia effettivamente a sostegno del rilancio della nostra economia", spiega Tajani.

"Prima di votare lo scostamento di bilancio, vogliamo sapere come il governo intende spendere i soldi e per fare cosa. Non possiamo accettare di votare a scatola chiusa", aggiunge. "Se si vuole veramente rilanciare questo Paese servono scelte condivise. Il governo continua a presentare delle decisioni che prende al termine di scontri nella sua maggioranza, pretendendo che tutti siano d’accordo. Con la propaganda non si può affrontare l’emergenza economica. Serve una strategia che il governo non ha, servono i contenuti, e nel dl Semplificazioni ci sono cose che destano preoccupazione".

"Noi vogliamo che il decreto sia effettivamente a sostegno della ripartenza", prosegue. "Non può essere uno strumento destinato a nascondere i ritardi nella Cig, i ritardi nell’implementazione del decreto Liquidità, il ritardo nel decreto Rilancio ancora in discussione alla Camera che verrà approvato con ennesima fiducia. Serve una visione complessiva che il governo non ha, serve una strategia. Se leggiamo il testo del decreto nei contenuti ci sono cose che destano una certa preoccupazione. Il pericolo vero è che risponde a un progetto politico di una sempre maggiore presenza dello stato in economia. Un progetto che a noi non va bene".

Critica anche Anna Maria Bernini: "Oltre al gravissimo ritardo con cui Conte ha presentato il decreto Semplificazioni e il Piano nazionale delle riforme, ci sconcerta il merito e il metodo dei provvedimenti. Questo è un governo che non sa spendere le ingenti risorse messe a disposizione, né le sa chiedere nel modo giusto all’Europa". Quanto al dl Semplificazioni, secondo Bernini, dovrebbe abolire tutti i decreti precedenti: il Cura Italia deciso fuori dal Parlamento e rivelatosi completamente inutile. Nonché il decreto Liquidità che è totalmente illiquido. "Il Pnr poi, che avremmo dovuto già presentare tempo fa insieme al Def perché è un biglietto da visita per ottenere i soldi dell’Europa, dalle bozze che circolano si presenta una somma di mere etichette prive di ogni contenuto".

Sconcerto da parte della Gelmini: "Nell’Italia che corre (il titolo delle slides di Conte) il governo si muove con la velocità dei bradipi. E infatti ci troviamo di nuovo a commentare un decreto di cui ancora manca il testo ufficiale. La verità è che gli unici a correre sono gli italiani, i lavoratori, le imprese, i professionisti che stanno combattendo contro i colpi di una crisi senza precedenti (è di oggi la previsione di una riduzione del Pil per il 2020 superiore all’11%). Mentre, secondo Bankitalia, una famiglia su tre ha risorse solo per i prossimi tre mesi. Non c’è un testo ufficiale: esistono le slides. E Renzi dovrebbe chiedere i diritti a Conte sulla riesumazione di questa nuova fonte normativa che sono le slides di power point".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Mar, 07/07/2020 - 19:17

Non servono misure condivise, serve varare una legge, che OBBLIGA le alte cariche del governo, che hanno tradito la fiducia della popolazione, ad essere giudicate dalla popolazione stessa, """ dal ceto più debole della popolazione, che ha sofferto di più per la loro malapolitica"""!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 07/07/2020 - 19:22

il centrodestra si sta muovendo MOLTO bene! piano piano la pozzanghera del PD-M5S si sta prosciugando, lasciando la strada libera.... :-)

Junger

Mar, 07/07/2020 - 19:45

La "rivoluzionaria" classe politica 5s ha prodotto il più classico esempio di democristiano anni 80. Un presidente del consiglio capace soltanto di centellinare misere elemosine condite da migliaia di pagine in burocratese. E' stato solerte e implacabile soltanto a chiudere tutto sopratutto laddove epidemie non se ne sono viste (centro- sud). Tajani faccia una seriea opposizione che non è il caso di condividere nulla con dei burocrati che di impresa non capiscono nulla.

scurzone

Mar, 07/07/2020 - 19:46

In realtà non esiste un vero progetto e la realtà è che a questo punto non si sa che cosa intende fare questo Governo. Però Azo, secondo lei, il popolo sa veramente che cosa vuole? E quello che vuole è veramente un bene per lo Stato? Le ultime elezioni hanno portato al Governo un Partito pieno di contraddizioni, che ha costretto a fare coalizioni eterogenee e sbagliate. Speriamo che nuove elezioni portino a formare Governi stabili e omogenei.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 07/07/2020 - 19:47

Caro Tajani, cosa si aspetta da questo confuso governo? Un governo misto, con il poco credibile abbraccio fra la sinistra storica e il M5S inventato dal Grillo. Un governo che vuole solo durare, per goderne i vantaggi economici. Un governo di incapaci.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 07/07/2020 - 20:25

poveri babbei comunisti grulli! state messi MOLTISSIMO MALE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Gyunchiglia

Mar, 07/07/2020 - 20:34

FI smonta il decreto di Conte "Il testo non c'è, inesistente" ma poi vogliono andarci al governo insieme

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 08/07/2020 - 11:36

GYUNGHIGLIA lei sogna :-) FI non va al governo con questi babbei! non come alleati perlomeno, ma con la partecipazione di tutti i partiti , anche di opposizione! questi si chiama governo delle larghe intese :-) se poi lei odia berlusconi, se ne faccia una ragione: berlusconi c'è e ci sarà sempre nei libri di storia :-)