Draghi predica bene. Ma dica se vuole impegnarsi per la democrazia in Italia

di Massimiliano Salini*

I l coro di consensi che ha accolto il recente intervento di Mario Draghi non può non stupire. L'ex presidente della Bce, infatti, ha posto l'accento su alcuni temi che vanno in controtendenza rispetto alle posizioni di quasi tutti i soggetti politici nostrani: in un'Italia che vira sempre più verso l'assistenzialismo e la ricerca dell'aiuto salvifico dello Stato, Draghi ha ricordato che i sussidi sono solo una parte, e piccola, della risposta ai tanti problemi; e ha ricordato - e su questo gli va reso il giusto merito - che l'istruzione, la formazione, l'economia basata sullo sviluppo delle conoscenze e competenze dei singoli sono i pilastri su cui si fonda una vera ripartenza.

I temi sono più che condivisibili. E mi stupisce che molti abbiano applaudito, visto che poi nella pratica politica quotidiana fanno l'esatto contrario. Il problema è capire quali siano la portata e le conseguenze di un tale intervento. Tutti noi riconosciamo il valore politico del discorso di Draghi. E a lui stesso, che ingenuo non è, non poteva che essere chiaro il fatto che in tali termini le sue parole sarebbero state interpretate. Ma Draghi non è un politico: una constatazione che per lo più oggi può essere considerata come un complimento, ma che qualche problema in termini di funzionamento del nostro sistema democratico deve porlo. Siamo in una fase delicata della nostra democrazia parlamentare. Alle soglie di un referendum sul taglio del numero dei parlamentari. Il semplice richiamo al «taglio dei costi della politica» sembra aizzare il consenso popolare; ma tagliare senza riformare non serve a nulla. Tagliamo i costi della politica, riducendo sempre più la nostra democrazia rappresentativa a un'oligarchia, e lo facciamo sulla spinta di forze politiche che nel frattempo lavorano per aumentare la spesa della macchina dello Stato. Ma che cos'hanno a che fare queste considerazioni con Draghi? C'entrano: l'alternativa oggi sembra essere tra chi cavalca il consenso popolare in modo sbracato e chi invece si affaccia con un certo distacco al mondo della politica senza però sporcarsi le mani con le dinamiche della partecipazione popolare. L'alternativa tra la democrazia diretta e la tecnocrazia è uno scenario di cui dovremmo preoccuparci. Io penso che l'alternativa non sia tra democrazia diretta e tecnocrazia e che si debba ancora lottare e lavorare per una politica partecipata Non so se Draghi vorrà impegnarsi per la rinascita di una vera democrazia partecipata. Mi auguro solo che non ci si trovi di fronte all'ennesimo caso di «risorsa» per la politica che, anziché sporcarsi le mani rimane sull'uscio cercando un modo pulito per sviare il problema.

*Europarlamentare di Fi

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Sab, 22/08/2020 - 10:12

Personalmente non vedo Draghi immerso in questo autentico pollaio composto da soggetti starnazzanti politicanti di mestiere o aspiranti tali. Lo vedo piuttosto a capo di una nuova Repubblica (maiuscola) dove il presidente è anche capo del governo ed eletto direttamente dal popolo. Basta e che sia finita con presidenti da repubblica delle banane eletti dal palazzo

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Sab, 22/08/2020 - 10:27

Ma anche no, se ne resti pure a spasso per l'europa.

jaguar

Sab, 22/08/2020 - 10:29

A parole tutti sono bravi, poi quando servono i fatti non si salva nessuno.

WSINGSING

Sab, 22/08/2020 - 10:29

Dopo una vita di soddisfazioni e di prestigiosi incarichi, scendere in politica per essere offeso, sbeffeggiato e dilegiato dal primo che capita? Non credo gli convenga.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Sab, 22/08/2020 - 10:30

Dopo Monti, Macron, adesso Draghi ... è la dittatura delle banche

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 22/08/2020 - 10:38

Draghi è persona di grande qualità ed è inutile citare le sue elevate capacità in economia, ma ha 73 anni e non lo si vede idoneo ad affacciarsi nella politica attuale.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 22/08/2020 - 11:09

Speriamo che si ritiri in pensione. Ha già dato.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 22/08/2020 - 11:12

Credo che la democrazia in Italia sia stata gravemente compromessa da quando la sinistra e il PD in particolare sono al governo. Draghi se sarà "strumento" della sinistra non potrà fare nessuna differenza.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 22/08/2020 - 11:49

Ma quale Draghi? Quello che ha fatto la sua recita di fronte a "una platea ben addestrata (Paragone)" che, come ha denunciato Paragone stesso, non gli ha fatto la domanda giusta: "i suoi derivati che furono firmati quando lei era direttore generale del Tesoro, quelli sono debito buono o debito cattivo?". Smascherato! Se Draghi aveva qualche nascosta ambizione di andare al Governo o al Quirinale Paragone gli ha sbattuto la porta in faccia. Draghi economista? L'Italia non ha bisogno di "economisti" quando abbiamo Bagnai, Borghi Aquilini, Brunetta, Rinaldi, un poker d'assi da premio Nobel in grado di spezzare le reni ai mercati vivificati come sono dallo spirito di Salvini: "Lo spread fa paura? Io me lo mangio a colazione". Non ci serve un Draghi qualsiasi che, oltretutto, nel suo intervento non ha mai fatto esplicita dichiarazione di adesione ai principi del nazional-sovranismo e non ne ha neppure citato le teorie economiche. Davvero non ci serve!

Iacobellig

Sab, 22/08/2020 - 11:53

Draghi deve invece sottoscrivere presso un notaio che la “sovranità” nazionale e l”indipendenza dell’Italia non sono in discussione e saranno sempre salve.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 22/08/2020 - 11:57

è una persona perbene..l'unico problema è che non sia manovrato da tale monti,il rovina famiglie/imprese d'italia

necken

Sab, 22/08/2020 - 12:19

L'Italia avrebbe bisogno veramente di gente come Draghi! tuttavia le persone veramente capaci in Italia si tengono lontano dalla politica ed è questo il ns problema. Le cose & riforme da fare sono note da decenni (PA, Giustizia, Infrastrutture Fisco...)ma nessuno politico ha il coraggio di affrontarle per timore di perdere il consenso elettorale e questo è un handicap non da poco. I ns politici attuali confondono l'irresponsabilità con il coraggio e tendono a sprecare le poche risorse economiche frutto delle tasse o imposte che siano.

Ritratto di Cali85

Cali85

Sab, 22/08/2020 - 12:32

Secondo me, quando una persona arriva a 72 anni (complimenti a Lui perché non li dimostra ) senza aver manifestato nessuna voglia di impegnarsi in politica ma aver raccolto,in giro per il mondo, approvazioni a go go nel suo mestiere di Economista è impossibile che intenda impegolarsi in una politica di incapaci come quella attuale. Non ha fatto il bibitaro all'Olimpico per cui: non ha le credenziali !

Yossi0

Sab, 22/08/2020 - 12:36

la democrazia, termine abusato ... volete raccontarmi che in Italia esiste ? vogliamo parlare per esempio dell'organo supremo che dovrebbe garantirla, la magistratura; non mi esprimo ma leggo le facende del CSM e dovrei aspettare il dottor Draghi per il ripristino ???

lorenzovan

Sab, 22/08/2020 - 12:41

ma Draghi non era un vbostro "nemico" anni fa ?? e improvvisamente lo scoprite un plus valore ?? vi siete accorti che puo' portare voti e cercate di metterci il cappello sopra ?? attenzione ..Draghi e' mica un Briatore o uno Sgarbi...lololololol

agosvac

Sab, 22/08/2020 - 13:22

Non si può chiedere a Draghi di governare una classe politica inesistente e del tutto deficitaria. Gli si diano i mezzi per farlo: nuove elezioni e tante riforme Costituzionali. Non gli si può chiedere di sostituire Conte senza dargli adeguati Ministri oggi del tutto sballati. Il Capo di un Governo deve essere adeguatamente assistito da validi collaboratori e se li deve scegliere lui stesso. Che avrebbe potuto fare Draghi qualora avesse scelto, per esempio, un Savona come suo Ministro per vederselo vietato da Mattarella??? Probabilmente avrebbe detto: signori o me oppure Mattarella!!! E lo avrebbe potuto fare visto del credito di cui gode in campo internazionale.

maxfan74

Sab, 22/08/2020 - 13:36

Non ho percezione di vivere in un paese democratico...quanto alla giustizia è morta e sepolta.

acam

Sab, 22/08/2020 - 14:09

caro draghi ti potrebbero pagare un milardo l'anno se tu con i copiosi risparmi degli italiani riuscissi a riportare il DP sotto i 2000 e aumentare il pil sopra i 2000 in una legislatura di 5 anni saresti costato agli italiani lo 0,2% del bilancio totale ma in italia non trovi i tecnici della BCE ma tipi come gualtieri conte dimaio speranza con mano sotto la panza, li che casca l'asino ne avresti di diversi?

Ritratto di HARIES

HARIES

Sab, 22/08/2020 - 14:09

Monti lo aveva sponsorizzato Berlusconi, Draghi pure... ma allora è Silvio la causa di tutti i danni arrecati agli Italiani?

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Sab, 22/08/2020 - 14:15

Quello che dovreste chiedervi e` (ma solo chi avra` avuto la voglia di ascoltarlo o leggerlo per intero): "Ma a fronte di un discorso e di temi cosi` alti, importanti, fondamentali, (pensate ai punti sull'istruzione o sul capitale umano), quanto e` 'piccolo piccolo', come politico, e come uomo, il povero Salvini del Papeete?"

Ilsabbatico

Sab, 22/08/2020 - 15:28

...oh caspita ... mi era sfuggito che in Italia ci fosse ancora un paese democratico...