Drone a casa di Di Maio: scoppia il giallo

L'apparecchio volante è entrato per 10 minuti nel cortile dell'abitazione del grillino: partita un'inchiesta della Questura di Roma

Scattare delle foto? Cercare di catturare dati sensibili? Filmare ciò che stava accadendo? Rimane un mistero l'intento del drone che ha spiato la casa di Luigi Di Maio. I fatti si sono verificati la scorsa settimana nell'abitazione romana del ministro degli Esteri, in zona Colosseo, dove l'apparecchio è volato nel cortile del palazzo, precisamente all'altezza della casa del grillino. Il tutto per poi cambiare rott e dileguarsi indisturbato. È giallo sul caso: le forze dell'ordine si sono prontamente attivate, dopo che i militari hanno iniziato a capire che qualcosa non stava andando.

Nella notte tra il 10 e l'11 febbraio l'ex capo politico del Movimento 5 Stella non si trovava a Roma poiché era in missione nei Balcani e dunque in quel momento non era nell'abitazione. Tuttavia le indagini sono scattate subito, considerato l'importante e delicato ruolo che ricopre il pentastellato. Nel complesso non solo è stato violato il cordone di sicurezza, ma c'è da sottolineare che i cieli intorno all'appartamento sono no fly zone.

Il giallo

Di Maio è stato poco dopo avvertito mentre si trovava in viaggio: aveva deciso di non informare nessuno, eccezion fatta per quei pochi confidenti privati ai quali ha raccontato la versione minimizzando l'accaduto. Comprensibilmente ha continuato a tenersi informato sugli sviluppi della vicenda. Intanto era partita un'inchiesta della Questura di Roma, che a sua volta aveva provveduto a girare tutte le informazioni sommarie alla Digos. Il caso è finito così su massimi livelli di sicurezza: è stato attivato anche l'Ucigos, l'ufficio per le operazioni speciali.

Non è da escludere che qualche turista possa essersi divertito a far volare il drone per filmare il Colosseo o i Fori romani, per esempio. La sorveglianza comunque non è stata rafforzata: al momento non è ancora chiaro se il proprietario dell'apparecchio volante sia stata individuato e interrogato. Come riportato da La Repubblica, situazioni simili capitano quasi quotidianamente intorno alla Basilica di San Pietro: di giorno è più facile intercettare chi sta manovrando il drone, ma anche di notte non è impossibile. Se è dotato di lucine accese è più visibile; inoltre il ronzio del volo è più avvertibile.

Solitamente scattano multa e sequestro del velivolo. Spesso il proprietario che si accorge di essere finito nel mirino delle forze dell'ordine, cerca riparo in un giardino o in un vicolo per evitare che venga utilizzato un neutralizzatore in grado di interrompe il segnale tra il drone e la consolle di controllo. Ma per quale motivo alle ore 3.00 di notte quel drone si trovava nei pressi dell'abitazione di Di Maio? La polizia è al lavoro per fornire una risposta, ma il giallo resta.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Calipsos

Mar, 18/02/2020 - 10:26

Era la fidanzata, che non ha creduto alla storia del viaggio nei balcani ;-)

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 18/02/2020 - 10:36

non hanno preso la targa?????Ahi,ahiiii,ahhiiiii XD

PassatorCorteseFVG

Mar, 18/02/2020 - 10:57

spiare il nulla per poi trovare il niente lo fa solo chi ha tempo da perdere. mi dispiace per le forza dell" ordine che perdono tempo nel identificare chi vuole trovare il nulla dal niente. ciao a tutti.

oracolodidelfo

Mar, 18/02/2020 - 11:12

Spiarlo di notte? Casomai....spiarlo di giorno!

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mar, 18/02/2020 - 11:15

Era proprio un drone o una sardina con le ali?

MammaCeccoMiTocca

Mar, 18/02/2020 - 11:24

O era un conoscente che approfittava del viaggio di Di Maio nei balcani?

DRAGONI

Mar, 18/02/2020 - 11:52

MA VA LA'!!DOBBIAMO A QUESTO PUNTO PROTEGGERE IL NOSTRO ESIMINO MINISTRO DEGLI ESTERI , EX TROMBATO CAPO/RESPONSABILE POLITICO DEI GRILLINI,CON I MEZZI DI DIFESA ATTIVA E PASSIVA DELLA CASA BIANCA?

Mefisto

Mar, 18/02/2020 - 12:13

Era un suo collega bibitaro che gli riportava 2 lattine invendute...

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 18/02/2020 - 12:14

Spero che lo trovino subito perché un tale idiota che spende tempo e consuma batterie per spiare tale di maio anziché fare cose più utili - ad esempio raddrizzare le gambe ai cani - è pericoloso per sé e per gli altri. Per il suo bene va subito curato.

Ritratto di adl

adl

Mar, 18/02/2020 - 12:15

Sicuramente era un drone amico: DRONE POLTROSTELLARE PD guidato dallo Zinga.

leopard73

Mar, 18/02/2020 - 12:25

Avranno voluto vedere se PINCO PALLINO era a casa!!!!

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 18/02/2020 - 12:36

Srano che non abbia ancora sentito dire che il drone fosse architettato da Salvini!!!

ulio1974

Mar, 18/02/2020 - 12:47

è una montatura per darsi una ultima parvenza d'importanza

jaguar

Mar, 18/02/2020 - 13:03

Magari era un ufo interessato al M5S.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Mar, 18/02/2020 - 13:14

I droni sono troppo pericolosi: prima o poi verranno utilizzati per attentati o , semplicemente, cadranno in testa a qualcuno. Bisogna vietarne la vendita o quantomeno imporre una sorta di "porto d'armi".

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Mar, 18/02/2020 - 13:16

L'importante è che 'o guaglione venga solo spiato perché ci sono dei droni molto più pericolosi... Cosa non si farebbe per un po' di pubblicità.

ulio1974

Mar, 18/02/2020 - 14:05

...pare che quando gli hanno comunicato che c'era un drone a spiarlo, abbia risposto "Drone a chi?!!? Come si permette?"

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 18/02/2020 - 15:09

Probabilmente qualche giovanotto (o giovinetta) che si é divertito a far volare l'oggetto, di cui pare esistono molte varianti. Chiacchiere o desiderio di comparire quale "vittima"? Da ridere.