Politica

Sea Watch, i costi dell'equipaggio: buonisti a 2mila euro al mese

I capitani e gli equipaggi a bordo delle navi delle ong non fanno volontariato. Ma hanno uno stipendio: ecco quanto guadagnano

Sea Watch, i costi dell'equipaggio: buonisti a 2mila euro al mese

Non chiamatelo volontariato. Perché quella delle Ong che fanno politica con gli immigrati è tutt'altro che semplice solidarietà. Fiumi di denaro scorrono nelle casse di tutte queste organizzazioni che vanno in tivù a predicare l'accoglienza e a sbraitare contro Matteo Salvini. Tutti ci guadagnano, anche il capitano e l'equipaggio delle imbarcazioni che pattugliano il Mediterraneo in cerca di disperati da portare sulle nostre coste. Spulciando tra i conti pubblicati su internet, si scopre infatti che il personale (di terra e di mare) arriva a prendere fino a 2mila euro al mese.

"La mia vita è stata facile, ho potuto frequentare tre università, a 23 anni mi sono laureata...". Carola Rackete è il capitano della Sea Watch 3. È stata lei a prendere la decisione di forzare il blocco imposto da Salvini e a portare la nave davanti al porti di Lampedusa. Ha detto di averlo fatto per i migranti. E per la stessa ragione ha raccontato di essersi imbarcata con l'ong tedesca. "Sono bianca, tedesca, nata in un Paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto, ho sentito l'obbligo morale di aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità". Come lei anche altri ultrà dell'accoglienza cercano di spacciare la vulgata del volontariato. Tra questi, per esempio, ci sono anche gli antagonisti guidati dall'ex tuta bianca Luca Casarini che hanno messo in piedi la "Mediterraneo Saving Humans" per aggirare il blocco del Viminale alle ong internazionali. In realtà tutti questi "volontari" sono tutti lautamente stipendiati. Le buste paga, come spiega QN, "variano da caso a caso" e "da mansione a mansione, ma ballano tra i 1.500 e i 2mila euro".

Queste cifre trovano conferma nei conti della stessa Sea Watch. Stando ai registri, che l'ong ha pubblicato su internet e che risalgono fino all'ottobre del 2018, il team di terra e gli uffici di Berlino e Amburgo sono costati in totale 304.069,65 euro. Di questi, 230.060,08 sono serviti a coprire i costi del personale. Il "camp Malta" è costato altri 55mila e il team italiano ben 62mila, di cui 26.388,68 euro sono serviti a coprire gli stipendi del personale. Per quanto riguarda la nave, l'organizzazione non governativa non indica nello specifico il personalkosten (costo dell'equipaggio) come avviene, invece, per altre voci di spesa. Tuttavia, 102.172,57 euro sono segnati come externe dienstleister, ovvero "fornitori di servizi esterni". Di cosa si tratti di preciso, non è dato saperlo. Ma nel bilancio del team italiano, la stessa voce "externe dienstleister" è specificata come "costo del personale". È quindi plausibile che lo stesso valga per la Sea Watch 3, che avrebbe dunque sborsato oltre 102mila euro per stipendiare chi governa l'imbarcazione. Non poco rispetto all'1,7 milioni di euro raccolti l'anno scorso grazie alle donazioni.

Che l'equipaggio e il capitano siano un costo ingente lo mette nero su bianco la stessa ong tedesca. "Con la messa in servizio di Sea Watch 3 - si legge nel documento consultato dal Giornale.it - la maggiore professionalizzazione e le nostre operazioni SAR vanno di pari passo, anche se vengono un po’ “schiacciate” dai costi. Il motivo? "La nave - si legge ancora - essendo grande ha bisogno di personale (capitani, meccanici, nostromi) addestrato con specifiche certificazioni e che venga assunto e pagato da noi almeno per la durata dell’intervento". Con simili spese si trovano a dover fare i conti tutti gli ultrà dell'immigrazione che hanno deciso di mettere in mare una nave per andare a recuperare i migranti fin davanti alle coste libiche. Stesso discorso vale, per esempio, anche per la Mare Jonio, l'imbarcazione della Mediterranea Saving Humans. Qui solo gli stipendi dell'equipaggio marittimo sono costati 81.177,13 euro, a cui poi vanno ad aggiungersi 30.880,61 euro per la logistica e i trasferimenti dello stesso equipaggio e 32.899,98 euro per coprire consulenze professionali di "legali, ingegneri, periti nautici, consulenti del lavoro e tecnici ambientali, per la sicurezza del lavoro e alimentari".

Una montagna di denaro. Sapientemente utilizzata per far pressione sull'Italia e sbarcare immigrati sulle coste nostrane.
Commenti