Elder pentito: "Non mi perdonerò mai"

Il giovane americano in aula: "Quella notte la peggiore della mia vita"

«Voglio chiedere scusa a tutti, alla famiglia Cerciello e ai suoi amici. Al mondo intero. Quella notte è stata la peggiore della mia vita e se potessi tornare indietro per cambiare le cose lo farei ora, ma non posso».

Ha esordito così davanti alla prima Corte d'Assise di Roma, Finnegan Lee Elder, il giovane americano accusato, in concorso con Christian Natale Hjorth, dell'omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri, Mario Cerciello Rega, ucciso a luglio dello scorso anno con undici coltellate nel quartiere romano di Prati. Durante l'udienza di ieri, che si è tenuta nell'aula Occorsio del tribunale di Roma, l'imputato ha chiesto il permesso di poter dire alcune parole.

«Le ho scritte io», ha affermato il ragazzo che ha poi ribadito di non aver parlato prima per «mancanza di coraggio». «In carcere - ha continuato Elder - ho avuto la possibilità e il tempo di riflettere. Non voglio raccontare come si sono svolti gli eventi quella notte, perché già l'ho fatto nel corso degli interrogatori. Ma voglio dire che quella notte è stata la peggiore della mia vita, non perché sono in prigione, lontano da tutti. I motivi sono altri: ho tolto la vita di una persona, ho tolto un marito a sua moglie, ho rotto un legame tra fratelli. E ho tolto un figlio a sua madre». «Non potrò mai perdonarmi tutto questo».

Il giovane ha poi ribadito: «Non sarò mai capace di perdonarmi per questo e non mi aspetto che la famiglia di Cerciello possa farlo oggi, sarà difficile, ma spero che un giorno potrà farlo».

Poi ha proseguito riportando la mente alla notte dell'omicidio. «Molti errori sono stati commessi quella sera. Il mio è stato il più grande - ha proseguito l'americano apparentemente commosso -. Vorrei tornare indietro per cambiare le cose, ma non posso. Tutto ciò che posso dire è che provo del rimorso. Ho dolore per le sofferenze che ho arrecato. Sono dispiaciuto e molto triste per ciò che è successo a Cerciello. Ciò che è successo mi ha cambiato per sempre e prometto di non commettere più questi errori».

Appena un mese e mezzo prima di essere ucciso dal californiano e dal suo amico Christian Natale Hjorth, Cerciello aveva coronato il suo sogno di sposare Rosa Maria Esilio nella chiesa di Santa Croce a Somma Vesuviana, la stessa dove sono poi stati celebrati i funerali.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.