Elezioni in Sicilia, bene il centrodestra. Flop 5S: perse Bagheria e Gela

Battuta d'arresto per il M5s in Sicilia: perde Bagheria e Gela. A Caltanissetta va al ballottaggio da sfavorito: se la vedrà con la Lega

Elezioni in Sicilia, bene il centrodestra. Flop 5S: perse Bagheria e Gela

Il centro destra tiene testa nella tornata elettorale delle amministrative in Sicilia. Assordante la nuova battuta d'arresto dei Cinque Stelle che perdono a Gela e Bagheria dove avevavo vinto cinque anni fa. Il centrodestra unito va al ballottaggio a Caltanissetta, mentre la Lega resta in corsa a Gela e a Mazara del Vallo. Il Pd, invece, non sfonda il 17% a Castelvetrano, unicà città al voto col simbolo dem e nella quale ha fatto campagna elettorale il segretario nazionale Nicola Zingaretti.

Il voto di ieri ha interessato 34 Comuni della Sicilia. Alle urne è andato il 58,42% degli aventi diritto. Fa eccezione la provincia di Messina che si è attestata ben oltre la media con il 68,34%, mentre quella di Agrigento è il fanalino di coda con il 44,43%. Per fare un bilancio definitivo, però, bisognerà attendere altre due settimane quanto la maggior parte dei Comuni che hanno votato ieri affronteranno i ballottaggi. Qualche considerazione, però, può essere già tratta. Innanzitutto l'ennesima sconfitta del Movimento 5 Stelle che si vede portar via due grossi centri come Bagheria e Gela. Nella prima vince, infatti, al primo turno Filippo Tripoli che, sostenuto dal centrosinistra, incassa il 46% e sbaraglia Patrizi Cinque, eletto cinque anni fa con il M5S ma poi autosospeso dopo i problemi giudiziari. Il candidato del centrodestra Gino Di Stefano si ferma al 30%.

Per i grillini stessa scena anche a Gela. La Lega è riuscita a mandare al ballottaggio il suo candidato, Giuseppe Spata, che, grazie anche al sostegno di Fratelli d'Italia e Udc, dovrà sfidare Lucio Greco, sostenuto dal Partito democratico e da Forza Italia. Anche a Caltanissetta il partito di Luigi Di Maio non può certo gioire perché, pur agguantando il ballottaggio ci va da sfavorito. A condurre le danze è, infatti, il candidato del centrodestra Michele Giarratana col 37% che, oltre a distanziare di gran lunga il grillino Roberto Gambino (20%), sbaraglia Salvatore Messana, il candidato riconducibile al Pd che non ha presentato simbolo è, l'uomo della Lega, Oscar Aiello, che incassa comunque il 12%.

A conti fatti, il Carroccio cresce in Sicilia, ma forse non come molti analisti si aspettavano. Oltre che a Gela va al ballottaggio a Mazara del Vallo. "I siciliani mi hanno e si sono regalati la voglia di cambiamento - ha commentato Matteo Salvini a Rtl 102.5 - solo parlare di una scelta del genere qualche anno fa sarebbe stato fantascienza, vuol dire che al governo stiamo lavorando bene". Nonostante il flop dal quartier generale dei Cinque Stelle non mancano di far presente la propria "soddisfazione" perché "la Lega è stata battuta ovunque, a dimostrazione del fatto che quando non corre con il centrodestra è sempre dietro l'alleato". Una magra soddisfazione che non tiene conto del risultato finale.

"Il M5S se lo conosci lo eviti, perdono e non vanno nemmeno al ballottaggio laddove hanno governato negli ultimi cinque anni", commenta il dem Davide Faraone che non perde l'occasione per attaccare anche Salvini. "Piazze piene, urne vuote - tuona - è venuto in Sicilia a fare il gradasso e torna in Padania con qualche selfie ma a mani vuote". In realtà il Pd non ha granché da gioire. Castelvetrano è, infatti, l'unico dei 34 Comuni al voto in Sicilia in cui si è presentato con il simbolo del partito. E per il suo candidato Pasquale Calamia non è affatta andata bene. Al ballottaggio andranno, infatti, il centrista Calogero Martire e il grillino Enzo Alfano.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti