Emma Marrone choc: "Sto male, devo curarmi". E sospende gli impegni

Il male l'aveva già colpita 10 anni fa. Tanti i messaggi. De Filippi: «Per te ci sarò sempre»

L' annuncio è arrivato a bruciapelo. Ieri Emma Marrone ha scritto sui social il messaggio che nessuno avrebbe voluto leggere: «Questo non era proprio il momento giusto, ma in certi casi nessun momento lo sarebbe stato. Da lunedì mi devo fermare per affrontare un problema di salute». Apriti cielo. Ancora: «Ve lo dico personalmente e per non creare allarmismi inutili». Poi una citazione di John Lennon: «La vita è ciò che ti accade quando sei tutto intento a fare altri piani».

Il messaggio ha ovviamente scatenato il panico in tutti i suoi fan e anche in chi segue questa cantante non soltanto per i suoi brani ma anche (soprattutto) per il carattere che è riuscita a dimostrare anno dopo anno, vicenda dopo vicenda. Lei scrive: «Adesso chiudo i conti una volta per tutte con questa storia e poi torno da voi. Grazie e state sereni davvero... Andrà tutto bene». In realtà la maggioranza non si è sentita serena, vista la quantità di messaggi di vicinanza e di conforto che in tempo reale si è materializzata sui social. «Che la forza e l'energia siano con te», ha twittato Elisa D'Ospina. Fiorello e Fiorella (Mannoia) hanno riassunto i loro messaggi con gli «emoticon» della forza e del coraggio. D'altronde Emma è molto forte sui social, quindi figurarsi dopo questo annuncio quanto affetto ha raccolto.

Il pensiero di tutti è andato alla battaglia della quale Emma Marrone ha spesso parlato senza nascondersi dietro frasi sibilline o retoriche: il cancro.

«Il ginecologo mi ha detto: tumore, operare con la massima urgenza. La neoplasia mi aveva preso utero e ovaie. Avevo fatto la Tac e la risonanza magnetica. Anche la ricerca dei marker nel sangue confermava la presenza di cellule tumorali. A quel punto non potevo più sfuggire. Il dolore che provavo non era legato alla notizia tragica. Per me non era il cancro il problema. Il mio dolore era dover rinunciare al sogno della musica, ai sacrifici fatti».

La prima volta nel 2009, a 25 anni. La seconda nel 2014. «Vivo sempre sotto controllo: per me gli esami non finiscono mai. Il pensiero della malattia non mi abbandona, fa parte di me. Mi mette ansia, ma mi dà la spinta necessaria per vivere tutto fino in fondo».

La cantante ha reso pubblica questa sua vicenda privata anche per precisare che non sarà al concerto di Radio Italia previsto a Malta il 4 di ottobre: «Inutile dirvi l'immenso dispiacere che provo per tutti quei ragazzi che hanno speso dei soldi in voli e alberghi per venire fino a Malta a sostenermi: non avete idea di quanto mi sarebbe piaciuto essere su quel palco e cantare per tutti voi».

Insomma, anche in questa occasione, Emanuela Marrone detta Emma, nata a Firenze il 25 maggio del 1984, ha confermato di essere autentica e pugnace, una delle poche artiste che sappiano sempre «metterci la faccia» anche quando sarebbe consigliabile oppure facile non farlo.

Anche per questo, Maria De Filippi ha sempre dichiarato di volerle bene e stavolta le ha dedicato una lettera pubblica sulla pagina Facebook di Amici, il programma che Emma ha vinto nel 2010. «Il bene non s perde, i sentimenti, se sono veri, vivono e sopravvivono anche se non ci si vede quotidianamente. Ci sei, ci sei stata e so che ci sarai sempre nella mia vita, me lo hai dimostrato ogni volta che avevo bisogno di te e ti chiamavo». La conduttrice ha poi concluso: «Ti voglio un bene dell'anima davvero, non avere mai paura di nulla perché sei fortissima». Un messaggio toccante che ha scatenato l'applauso social.

Adesso Emma «sparirà» dalle scene per qualche tempo. Intanto è previsto il suo debutto da attrice nel film I migliori anni di Gabriele Muccino, previsto per il 13 febbraio quando tutto questo sarà, si spera, soltanto un ricordo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.