Eurodeputati fedeli a Dibba lasciano M5S, che perde ancora pezzi

Quattro dei quattordici rappresentanti grillini pronti a veleggiare verso l'eurogruppo dei Verdi per proseguire la politica ambientalista un tempo portata avanti anche dal Movimento

Proseguono le fratture all'interno del Movimento CinqueStelle (M5S), che tra allontanamenti volontari ed espulsioni forzate vede le file dei suoi rappresentanti assottigliarsi sempre più in ogni assemblea in cui risulta ancora presente.

L'ultima in ordine cronologico a registrare una scissione è quella dell'Europarlamento, con quattro deputati pronti a spiegare le vele verso il gruppo dei Verdi, ufficialmente per contrasti con le posizioni assunte di recente dal Movimento a Bruxelles rispetto a quelle originarie. Non c'è un attimo di pace per i grillini, che solo nella giornata di ieri avevano anche dovuto incassare una lettera firmata da un nutrito gruppo di dissidenti (17 senatori e 52 deputati), i quali hanno voluto ricordare alla propria dirigenza le posizioni di contrasto al Mes, vero e proprio punto cardine del partito.

I tormenti grillini si rinnovano quest'oggi a Bruxelles, dove gli eurodeputati Ignazio Corrao, Piernicola Pedicini, Eleonora Evi e Rosa D'Amato si dicono pronti a cercare un'altra destinazione e pronti ad accasarsi, con grande probabilità, nel gruppo dei Verdi, più vicini alle loro posizioni fortemente ambientaliste. I quattro, i quali comunque hanno voluto smentire immediatamente questa voce, sono ritenuti personaggi politici molto vicini ad Alessandro Di Battista, il che ha fatto nascere qualche sospetto sulle motivazioni di fondo della scissione.

"La frangia ambientalista del M5S al Parlamento Europeo, costituita da Piernicola Pedicini, Rosa D’Amato, Ignazio Corrao ed Eleonora Evi, si separa formalmente dalla delegazione pentastellata presente in Europa per proseguire un percorso politico autonomo", ha scritto in una nota ufficiale proprio Pedicini, annunciando le intenzioni del gruppetto.

"È una decisione squisitamente 'europea', non legata alle dinamiche nazionali. Questo malumore va avanti da diversi mesi", spiegano quindi gli europarlamentari su AdnKronos. Con l'addio al gruppo grillino, questi ultimi puntano a rinnovare "il proprio impegno a favore delle battaglie di cui sono stati portavoce in questi anni, mettendo al primo posto la difesa del pianeta e la tutela della salute dei cittadini".

Una decisione sofferta ma che era da tempo nell'aria, "resa necessaria dall’impossibilità di portare avanti con coerenza la difesa di questi temi, all’interno della delegazione del M5S, il cui operato oggi diverge irrimediabilmente sia dall’impegno preso con gli elettori che dalle aspirazioni originarie del Movimento". Pesante la perdita per il gruppo, dato che abbandonano la nave in 4 su 14, coi Verdi che paiono la scelta più probabile. Proprio con questa compagine, infatti, gli oramai fuoriusciti dal Movimento avevano combattuto diverse battaglie, tra cui quella sulla Politica agricola comune, a costo di assumere una posizione avversa rispetto a quella indicata dalla dirigenza grillina. "Alea jacta est", era ovvio che si dovesse quindi arrivare allo scontro col "cuore" del Movimento. Nonostante quanto specificato dai quattro, infatti ("È una decisione squisitamente 'europea', non legata alle dinamiche nazionali"), le conseguenze del gesto arriveranno ben presto con una oramai certa espulsione. Impossibile non pensare a ripercussioni anche a livello nazionale.

Di Battista, a detta dei "ribelli", non sarebbe dietro questo gesto: i quattro parlano infatti di una decisione "autonoma" che non ha "nulla a che fare con l'ex deputato". "La rottura è dettata dall’impossibilità di far rispettare il nostro programma elettorale. Siamo fermi, non possiamo lottare contro i mulini a vento", spiegano ancora gli europarlamentari, come riferisce "Il Corriere". "Rilevo un atteggiamento politico del M5S capovolto rispetto all’anno prima, una continua genuflessione verso il PD, Forza Italia, i grandi potenti e il sistema", affonda ancora Eleonora Evi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di COVìPPìDì...

COVìPPìDì...

Gio, 03/12/2020 - 13:30

Di Battista COSA ASPETTI ANCORA?

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 03/12/2020 - 13:33

ho capito: se non è zuppa è pan bagnato..... sempre sinistri sono e sinistri rimangono.... dov'è la differenza nella sostanza?

Ritratto di gianni-2

gianni-2

Gio, 03/12/2020 - 13:44

Speriamo che abbiano testa ed entrino nella Destra altrimenti x loro sarà la fine

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 03/12/2020 - 13:50

Ma non diciamo sciocchezze, quelli che volevano aprire il parlamento come una scatola di sardine sono diventati dei tonni. Capirai se quelli mollano la poltrona ora che l'hanno provata, fossero matti, come si muove tutti in fila come i pecoroni. Questo sono diventati i 5 stelle

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 03/12/2020 - 13:51

sempre zecche rosse sono

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 03/12/2020 - 13:51

poveri idioti votati da loro simili

ItaliaSvegliati

Gio, 03/12/2020 - 13:51

In arrivo l'armata BRANCALEONE...

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 03/12/2020 - 14:00

Il movimento 5* sta andando in 5 pezzi. Triste declino di un movimento fasullo che non doveva mai nascere.

necken

Gio, 03/12/2020 - 14:28

Dibba & Friends: meglio perderli che trovarli

Calmapiatta

Gio, 03/12/2020 - 14:31

Ma di cosa parlate? Il M5s non esiste più da un pezzo.....

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 03/12/2020 - 14:33

"...hanno voluto ricordare alla propria dirigenza le posizioni di contrasto al Mes...". I più voraci mangiatori di rospi: quanti ne hanno dovuti ingoiare e quanti ne ingoieranno ancora! Che vergogna, non hanno un minimo di pudore, perché se ne avessero la mattina davanti allo specchio al solo guardarsi non resisterebbero ai conati di vomito...

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 03/12/2020 - 14:36

gianni-2 13:44 - Io sono di destra e non sarei affatto contento se questa gentaglia decidesse di fare il salto per venire dalla nostra parte. Rimangano lì dove sono, tanto non li rivoterà mai più nessuno...

Klotz1960

Gio, 03/12/2020 - 14:41

Eh certo, quando su piazza gira uno statista come Di Battista....

francois61

Gio, 03/12/2020 - 14:50

E' sempre cosi'!!!! Prima si promettono agli elettori agende e filosofie di partito , chi condivide vota e se si vince si ritrovano al governo.Quando ci siede sulle comode poltrone d'oro del governo con stipendi ricchi e fissi, oltre tutti i benefits possibili, e' difficile tornare indietro , pur di non farlo e perdere la potrona si accettano anche le linee di partiti contrapposti e odiati in campagna elettorale sappiate che gli elettori non sono stubidi ingannati una volta, sicuramente non si faranno ingannare la seconda

lorenzovan

Gio, 03/12/2020 - 14:55

altro partitino con altro ducetto in vista..con dote del 2..o 3 virgola 20...lolol..quando potere e soldi si incontrano..come si incontrano nella politica italiana..se potessero..gli italioti farebbero un trenta milioni di partiti

lorenzovan

Gio, 03/12/2020 - 14:58

moshe tra i 5 stelle e i salvioti ..poca differenza ..entrambi hanno un guru che sa solo gridare e questionare in maniera demagogica e apparentemente condivisibile...ma quando si tratta di approfondire i problemi e governare seriamente ..va al papeete...La Meloni al contrario sa esattamente quello che vuole e come governerebbe..alla Orban e alla Lukaschenko...ma almeno LEI e' coerente e non spaccia bufale per verita'

mcm3

Gio, 03/12/2020 - 15:24

Persone serie che rifiutano ogni tipo di avvicinamento a Forza Italia, ai poteri forti, allo schifi che hanno sempre combattuto

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 03/12/2020 - 15:58

lorenzovan - Se non vedi la differenza ti consiglio un ottimo oculista. Quello dei 5stelle vuole la fine di quel poco di Italia che è rimasto. Quello della Lega tenta disperatamente di salvarlo dalle loro grinfie...

Lugar

Gio, 03/12/2020 - 16:01

I senatori grillini non si muovono, perchè riescono con pochi senatori a guidare tutto il movimento e di conseguenza il governo, sono cioè l'ago della bilancia. E' palese che questo governo è pieno di contraddizioni e troppo debole per governare.

Ritratto di ateius

ateius

Ven, 04/12/2020 - 10:23

abbiamo i nuovi eroi che intendono salvare il mondo.. ma che dico il PIANETA.. ma non solo. la galassia.. dai disastri ambientali che gli “umani” provocano nella continua ricerca del progresso industriale economico sociale civile.. volto al benessere collettivo.- abbiamo i “buonisti”.. che evocano l’arrivo dei barconi sulla nostre coste che diano loro un senso riempiendogli i portafogli coi finanziamenti pubblici.- abbiamo gli “ecologisti”.. un pò no-vax.. un pò vegetariani un pò vegani, talvolta fruttariani crudisti suddivisi in vari gruppi.- e poi abbiamo i contrari ai microchip installati nel cervello, su cui vigila il nostro europarlamentare 5stelle Paolo Bernini.- una schiera di guardiani che salvaguardano il Pianeta.. ma che dico. l’UNIVERSO.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 04/12/2020 - 10:57

4 grillini che ritornano all'ovile dell'estrema sinistra. Dalla padella alla brace. Voteranno solo tasse e benefit per gli amici.

Ritratto di ateius

ateius

Ven, 04/12/2020 - 12:03

Lorenzovan.. due suoi commenti. in entrami evoca un ducetto poi un Salvini e una Meloni.- voi sinistri vivete di FOBIE risalenti a traumi dell’infanzia nei confronti di una ben nota autorità che non avete superato.- non entro nei dettagli.. ma è inutile cercare adesso una riscossa. dovreste andare in terapia.. stareste meglio voi.- evitereste di Distruggere il PAESE.