Follia Sicilia: i centri per l'impiego assumono direttamente i disoccupati

Altro che trovarlo agli altri: i senza lavoro arruolati nei Cpi

«Sul reddito di cittadinanza siamo pronti, possiamo farlo partire nei primi tre mesi del 2019» assicura il vicepremier Luigi Di Maio. La premessa per poter far funzionare il sussidio pubblico grillino è riformare completamente i Centri per l'impiego (Cpi), i vecchi uffici di collocamento che non collocano praticamente nessuno (neppure il 3% di chi fa richiesta, dato Anpal). I Cinque stelle sono convinti di poterli riformare nel giro di tre mesi, una tempistica che sarebbe credibile forse in Svizzera, difficilmente in Italia, considerato lo stato dei 552 Cpi soprattutto nelle aree del paese dove si concentra la disoccupazione, e quindi dove servirebbero di più.

Come la Sicilia, un caso emblematico del malfunzionamento dei centri per l'impiego che secondo il governo dovrebbe risolvere il problema della disoccupazione italiana. In Sicilia in effetti i 33 Cpi sparsi per l'isola sono serviti a creare occupazione, ma solo per quelli che ci lavorano, nel senso che hanno assunto direttamente nuovi dipendenti. Su 1.824 impiegati (organico triplo rispetto alla Lombardia) i centri per l'impiego siciliani hanno un 40% di ex disoccupati a cui hanno trovato un lavoro proprio assumendoli nel centro per l'impiego. Si tratta di persone che non avendo un lavoro sono state inquadrate nell'amministrazione regionale come Lavoratori socialmente utili (Lsu), piazzati nei Centri per l'impiego a partire dal 1996 e alla fine stabilizzati con il profilo di inquadramento più basso. Per questo, come spiega IlSole24Ore, non hanno le competenze necessarie per aiutare altri nella ricerca di lavoro, non solo, non possono erogare servizi diretti agli utenti dei Cpi nè firmare i patti di servizio per evitare il contenzioso. Insomma, quasi la metà degli addetti dei centri per l'impiego siciliani non ha nessuna utilità per la ricerca del lavoro dei disoccupati siciliani. L'unico problema di lavoro che hanno risolto è il proprio.

Una situazione che in Sicilia (patria del parassitismo pubblico e dei bilanci regionali da default) raggiunge livelli record, ma che è simile in tutto il sud. I centri per l'impiego funzionano male ovunque, ma un po' meglio al nord, dove c'è meno disoccupazione. Malissimo al sud dove invece la percentuale di gente senza lavoro è tripla. Il personale dei Centri per l'impiego, scarsamente qualificato, spesso anziano e con bassa competenza informatica, non è attrezzato per trovare lavoro a chi lo cerca. Però, nel progetto M5s, dovrebbero diventare una macchina capace di sfornare ben tre offerte di lavoro per ogni disoccupato, tra l'altro vicino a casa sua (massimo 80 km). Un'impresa ardua. A meno di non assumerli tutti direttamente nei Cpi, Sicilia docet.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di LongJohn

LongJohn

Gio, 18/10/2018 - 08:37

Ma no.... il governo non solo é in grado di pagare 800€ al mese, ma soprattutto di trovare un lavoro per chi non lo ha ed addirittura ti darà la possibilità di poter scegliere ...... ma non ho capito bene, dove viviamo in Germania? Ma perché continuano a prenderci in giro? Ma Salvini crede veramente in loro? Ma lo sa che i 5stalle voleva fare un governo con il pd prima di loro? Ma come fate a fidarvi di chi non ha mai lavorato e come prima cosa ha piazzato tutti i suoi amichetti appena arrivato a Roma....

Giorgio5819

Gio, 18/10/2018 - 08:44

Tipico esempio di parassitismo meridionale. Poi si strappano le vesti se dici che sono dei mantenuti ! Solo i 5comunistitravestiti potevano partorire il reddito di fancazzismo, e solo i meridionali potevano dargli un voto . Trattasi di semplice voto di scambio comunista a spese degli italiani che lavorano.

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 18/10/2018 - 08:59

Era ovvio che succedesse così. Prima bisognerebbe preparare gli italiani a capire che devono istruirsi adeguatamente per lavorare bene, con la voglia di fare bene e le competenze giuste, attuali, sia per fare gli imprenditori, sia dirigenti nel pubblico, sia per essere impiegati, nel privato o nel pubblico. E per questo ci vogliono almeno dieci anni di riforme e sollecitazioni, per ottenere qualcosa. Poi, i Centri per l'impiego, o Agenzie del lavoro che siano, potranno contribuire a mettere in contatto domanda e offerta di lavoro, sempreché non siano più efficaci i contatti personali via internet e le Agenzie interinali. Solo a questo punto, quando l'offerta di lavoro sarà aumentata, con riforme scolastiche e l'incrocio fra offerta e domanda di lavoro comincerà a dare frutti, allora si potranno convincere i ritrosi dandogli un po' di soldi, purché poi accettino di lavorare. Questi folli, invece, hanno rovesciato il percorso: soldi subito e poi si vedrà.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 18/10/2018 - 09:32

Come avevo pronosticato. Una spesa per dei semplici impiegati che serviranno a niente solo per aver trovato a loro un impiego, per consegnare un lavoro che non ci sarà. Aggiungo che in meridione e soprattutto in Sicilia questi dipendenti diventeranno un esercito come i forestali. I un ufficio, che si limiteranno ad offrire qualche posto di lavoro ed il resto del tempo a girare i pollici e i cittadini italiani a lavorare sul serio per pagare anche questi "asistiti".

EMANUELET.

Gio, 18/10/2018 - 09:53

E'peraltro opportuno che si sappia che per raggiungere questi brillantissimi risultati i fondi saranno tratti dgli INVESTIMENTI e dall'esercizio per il settore Difesa (a carico di Mindife e MISE) per circa 1,5 mld €; avete capito bene UN MILIARDO E MEZZO. In questo modo si distrugge, ripeto si distrugge, l'industria della Difesa-per inciso l'unico e ultimo settore strategico dove si fa ricerca e tecnologia avanzata ,come ovvio- e si manderanno in cassa integrazione interi settori della medesima .In pratica si azzoppa il PIL, si perde un settore strategico che verrà mangiato da USA, GB e Francia e si CREA volontariamente CIG laddove invece si lavorava.E senza che nessuno provi a fiatare. Ah già ma sono sovranisti e fanno gli interessi del paese...

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 18/10/2018 - 10:18

Salvini, chiudi questa storia coi 5* al più presto. Mattarella sarà costretto a dare l'incarico al cdx, finalmente, perché l'alternativa di 5* con la sinistra non c'è, ora meno di prima.

Ritratto di niki 75

niki 75

Gio, 18/10/2018 - 10:31

Qualsiasi persona dotata di un minimo di buon senso capisce che ristrutturare e potenziare i Centri per l'impiego servirà solo a far assumere amici degli amici. Non si facciano paragoni con altri Paesi, in particolare la Germania, perché li, al contrario che da noi, il lavoro c'è e ,quindi, detti Centri possono concretamente operare.

basterebbeunpod...

Gio, 18/10/2018 - 11:25

Si qualsiasi persona di buon senso lo capirebbe ma salvini e la lega che guida senza alcun dissenso non sono tra questi... ed il peggio è che il loro elettorato "storico" sicuramente,spero, non lo capisca... vabbè adesso è al 22% nei sondaggi in Sicilia

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Gio, 18/10/2018 - 12:09

La verità a volte non è "politicamente corretta", ma la verità è che la Sicilia non è e non è mai stata Italia. Klemens von Metternich aveva ragione: "l'Italia è una espressione geografica"