"Giù le mani dal pisolino al lavoro". E gli autisti napoletani fanno sciopero

La protesta per la sospensione di un collega colto in flagrante

Giù le mai dal pisolino, diritto inviolabile del lavoratore, garanzia costituzionale di rinnovata solerzia del dipendente: che tanto più farà bene la sua parte quanto più si sarà riposato a sufficienza. É questa la battaglia che avrebbe visto scendere in sciopero una sessantina di conducenti dell'Anm, l'azienda di trasporti pubblici del Comune di Napoli, mobilitati in difesa di un collega punito per avere esercitato la facoltà di pennichella.

Ad incastrare il dormiglione, secondo quanto riferisce ieri il Corriere del Mezzogiorno, è una indagine interna decisa dai vertici dell'Anm che mandano una squadra di ispettori in uno dei principali depositi di mezzi dell'azienda, il Brin. Qualche voce, pare, aveva segnalato che non tutti gli addetti al deposito, ed in particolare gli autisti del turno di notte, lavoravano con l'alacrità pretesa dall'azienda. E gli ispettori si trovano di fronte alla più vistosa delle conferme: una stanza chiusa a chiave con lucchetto, in cui erano stati piazzati una scrivania, una poltrona, un paio di sedie e soprattutto un divano. L'ideale per una sosta ristoratrice. Un giro per il deposito, ed ecco che gli ispettori individuano un conducente che per una passeggiata nel mondo dei sogni si è accontentato del posto di guida. Lo svegliano, lo denunciano. E arriva la sospensione.

Peccato che l'appisolato non sia un autista qualunque ma un dirigente di un combattivo sindacato di base, molto in vista tra i colleghi. E pochi giorni dopo, sessantatrè colleghi del sospeso non escono per Napoli con i loro automezzi, lasciando a piedi centinaia di rassegnati passeggeri. Gli scioperanti giurano che i motivi della protesta erano altri. Ma autisti intervistati dal quotidiano assicurano: l'obiettivo era salvare il collega sognatore.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 10/01/2020 - 10:22

l'anm di napoli deve essere privatizzata!(come tutte le società pubbliche alla mobilità)ognuno fa quello che può, a napoli dormono in servizio, a roma bruciano i pulman per non lavorare a milano lavorano ma in proprio, infatti vi do una notizia: milano - Stampavano abusivamente biglietti atm per poi rivenderli in nero e intascarsi il guadagno. Questa la frode messa in atto da dieci dipendenti dell'azienda di trasporti milanese, che ha registrato un ammanco di 70mila euro. Dopo la scoperta del commercio abusivo, avvenuta lo scorso gennaio grazie a un'indagine interna della società, gli autori della truffa sono stati sospesi e denunciati, in altre città c'è di peggio!