Giuliani senza freni sui brogli. Ma negli Usa è incubo Covid

Mentre l'avvocato di Trump contesta il riconteggio in Georgia, gli Stati Uniti superano i 250mila morti

New York. Continua la battaglia legale di Donald Trump mentre gli Usa ripiombano nell'incubo coronavirus. In queste ore verrà comunicato ufficialmente il risultato del riconteggio in Georgia e ci si attende che lo stato rimanga assegnato a Joe Biden, ma con un margine di vantaggio molto risicato. Per il legale del presidente, Rudy Giuliani, il riconteggio «non è legittimo perché i funzionari hanno ricontato voti semplicemente illegali». E in Michigan la campagna elettorale del tycoon ha ritirato l'azione legale: «Abbiamo raggiunto quello che volevamo, ovvero fermare l'autorizzazione prematura dei voti nella contea di Wayne prima che ogni scheda legale fosse contata e ogni scheda illegale fosse scartata», ha spiegato Giuliani.

Intanto, negli Stati Uniti il numero dei decessi a causa del Covid ha superato quota 250mila, secondo i dati della Johns Hopkins University. E dall'inizio della pandemia i contagi sono stati 11 milioni e 485mila. Trump continua a rifiutare la concessione della vittoria di Biden, rallentando la transizione verso la nuova amministrazione, e il presidente eletto ha avvertito che «se non agiamo subito si perderanno settimane, se non mesi, anche sul fronte della distribuzione del vaccino. E ci saranno molti più morti».

Biden avrebbe già pronto un severo piano di direttive federali obbligatorie per tutti gli Usa: mascherine obbligatorie ovunque, distanziamento sociale, restrizioni mirate delle attività con la possibilità di veri e propri lockdown, evitando il più possibile gli spostamenti tra stato e stato. Inoltre, si prepara a dare il benservito ai funzionari più legati alla gestione Trump della pandemia: la prima vittima potrebbe essere la responsabile della task force della Casa Bianca, Deborah Birx, considerata «politicizzata».

Ma in realtà è probabile che la nuova amministrazione sostituisca quasi tutta la leadership del gruppo, salvando solo il virologo Anthony Fauci. The Donald, da parte sua, ha twittato che «i vaccini arriveranno rapidamente, i medicinali ora a disposizione sono fantastici, e il tasso di mortalità è in calo dell'85 per cento». Le imminenti vacanze legate alla Festa del Ringraziamento, quando di solito milioni di americani si spostano da una parte all'altra del Paese, vengono però vissute dagli esperti come un incubo. Tanto che i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) hanno fortemente raccomandato alla gente di non viaggiare. Gli stati più colpiti in questa fase sono quelli del Midwest e della regione delle Grandi Pianure, come South e North Dakota, Oklahoma, Kentucky.

La paura tuttavia sta tornando anche a New York, dove il sindaco Bill de Blasio ha ordinato da ieri la chiusura delle scuole pubbliche (mentre molte di quelle private restano aperte). Le previsioni sull'andamento dei casi non sono buone, e il governatore dello stato Andrew Cuomo ha previsto un balzo dei casi dopo il Thanksgiving, che cade giovedì prossimo. De Blasio, invece, ha avvertito che presto i ristoranti potrebbero essere obbligati a interrompere il servizio all'interno (consentito sinora solo al 25 per cento della capienza e con chiusura alle 22): «È solo una questione di tempo». A Los Angeles da oggi ristoranti, negozi e altre attività non essenziali dovranno chiudere alle 22, e se i casi continueranno a crescere sono pronte misure più restrittive.

New Orleans invece ha già cancellato le parate di carnevale (Mardi Gras) al fine di evitare assembramenti, in Illinois i ristoranti potranno offrire servizio solo all'esterno, Massachusetts e Rhode Island consigliano ai loro residenti di stare a casa e di spostarsi sono per necessità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di salrandazzo

salrandazzo

Ven, 20/11/2020 - 12:43

Giuliani è un combattente fenomenale, come il suo capo. Entrambi dimostrano un eroico sprezzo del ridicolo. Certo, non sono riusciti a ribaltare neanche un risultato, ma si battono come leoni. Siamo sempre in attesa che almeno in uno stato il risultato venga ribaltato....

lorenzovan

Ven, 20/11/2020 - 13:52

anche la tinta nei suoi capelli era senza freno nel colargli sulle guancje.....e' diventata la scenetta piu' clickata negli USA

lorenzovan

Ven, 20/11/2020 - 13:54

fosse solo questione di ridicolo..stanno continuando ad allargare la frattura nella societa' americana..tra citta' e campagne..tra boanchio e neri..tra progressisti cittadini e conservatori campagnoli..legati alla trebbiatrice e al fucile..stile far west fine 800--... Ai tempi antichi l'avrebbero bollato con la damnatio memoriae

ortensia

Ven, 20/11/2020 - 14:14

Giuliani parla di accuse fondate di frode elettorale,(documentate con centinaia di affidavit),di legami tra il Dominion voting system e smartmatic voting technology,con potenze come Venezuela,Soros e i clinton.Lo dice Giuliani e il suo team. Come mai dedicate solo 9 righe? Vediamo se questo mio secondo post lo pubblicate.

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 20/11/2020 - 15:15

almeno fategli cambiare la tintura dei capelli

ortensia

Ven, 20/11/2020 - 15:18

"Whatever it is, it's probably not hair dye" scrive persino il New York Times. Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito.

ortensia

Ven, 20/11/2020 - 15:43

lorenzovan. L"America e' gia' divisa in due e non sara' il vecchio joe, cocco dei media, a rimediare ad una spaccatura acuita da elezioni da Repubblica delle banane. I brogli ci sono sempre in tutte le elezioni ma stavolta hanno esagerato superando persino noi. la Harris metterà il vecchietto sotto un plaid e comandera' lei come vuole schwarz che ha cambiato cognome ma non il resto.