Golpe contro il Cav, ira delle toghe "smascherate": adesso "processano" Franco

I giudici della Suprema Corte provano a difendersi dalle accuse: "Tutto è avvenuto nel pieno rispetto del giudice naturale precostituito per legge"

I giudici provano a difendersi. Lo scoop de Il Riformista ha fatto rumore: Silvio Berlusconi vittima di un golpe giudiziario. E ora ci sono le prove. Nella serata di ieri, lunedì, sono state rese note le intercettazioni. Il direttore del quotidiano, Piero Sansonetti, ha partecipato alla puntata di Quarta Repubblica, che ha mandato in onda un servizio in cui il magistrato, Amedeo Franco, ora scomparso, diceva: "Berlusconi deve essere condannato a priori perché è un mascalzone! Questa è la realtà, a mio parere è stato trattato ingiustamente e ha subito una grave ingiustizia. L’impressione che tutta questa vicenda sia stata guidata dall’alto".

Boom. Un rumore assordante, come un albero millenario che cade durante una tempesta. Il centrodestra unito ha gridato allo scandalo con Forza Italia impegnata in primo piano per richiedere la configurazione di una commissione parlamentare d’inchiesta su questi fatti. Ora, a quasi 24 ore, arrivano le scuse o meglio la difesa della Corte di Cassazione, protagonista nell’estate del 2013, della sentenza di condanna a Berlusconi per frode fiscale.

"La motivazione della sentenza è stata sottoscritta da tutti e cinque i magistrati componenti del collegio, quali co-estensori della decisione", precisa in una nota la Cassazione, ripercorrendo le tappe del processo Mediaset, che nel 2013 si concluse con la condanna a quattro anni all’ex presidente del Consiglio. "Non risulta che il consigliere Amedeo Franco abbia formalizzato alcuna nota di dissenso".

L’assegnazione del fascicolo del processo Mediaset alla sezione feriale avvenne nel pieno rispetto del giudice naturale precostituito per legge."I ricorsi - si legge nella nota della Suprema Corte - vennero iscritti presso la cancelleria centrale della Corte il 9.7.2013, dopo l’arrivo del relativo carteggio dalla Corte di appello di Milano che in data 8.5.2013 aveva pronunciato la sentenza oggetto di impugnazione". Quindi, "in ragione della rilevata urgenza dovuta all’imminente scadenza del termine di prescrizione dei reati durante il periodo feriale - ricorda la Corte - il processo, in ossequio alle previsioni di cui alla legge n. 742 del 1969 e alle relative previsioni tabellari, venne assegnato alla sezione feriale. E quindi a un collegio già costituito in data anteriore all’arrivo del fascicolo alla Corte di Cassazione".

Interviene sul punto anche l’Anm. I magistrati fanno quadrato. "Affermazioni gravissime che non soltanto attribuiscono gravi reati ai giudici autori della sentenza, ma attaccano violentemente e irresponsabilmente la Suprema Corte di Cassazione, pilastro della giurisdizione della Repubblica, e l’intero ordine giudiziario, accreditato come gruppo che opera fuori dalla legalita". La Giunta dell’Anm parla degli articoli di stampa e servizi televisivi che "hanno oggi fornito all’opinione pubblica una ricostruzione della vicenda processuale, sfociata nella condanna dell’allora senatore Berlusconi, basata su gravi e plurime distorsioni di dati di fatto, oltre che sull’utilizzo della registrazione delle presunte dichiarazioni di un ex magistrato, nel frattempo deceduto".

"Alterando evidenti dati della realtà (la prescrizione era imminente, dal che l’assegnazione del processo alla sezione feriale. La decisione fu unanime e sottoscritta anche dal giudice poi intervistato, come risulta dal comunicato della Corte) - osservano i vertici dell’Anm - si attribuisce alla Corte di Cassazione e alla Magistratura intera un preordinato disegno di persecuzione di un imputato, disegno coerente con ordini superiori, individuati da taluno, in modo del tutto arbitrario, nella regia di componenti del Csm".

Secondo il sindacato delle toghe, "si commenta da sé un tale metodo, che trascina nella contesa politico-mediatica una persona che non potrà smentire, precisare, spiegare tali pretese dichiarazioni, pur risultando il suo contributo processuale all'adozione della decisione e persino alla sua motivazione, da giudice esperto della materia oggetto del processo".

I togati esprimono profonda vicinanza ai colleghi della Corte di Cassazione e respingono con fermezza attacchi che, ben lontani dall’essere legittime critiche a decisioni giudiziarie, muovono da un evidente intento di delegittimazione della giurisdizione.

Poi continuano: "Il parallelismo col cosiddetto caso Palamara, che non ha evidenziato alcun uso strumentale della giurisdizione, bensì il diverso fenomeno delle indebite interferenze della politica, parlamentare ed associativa, nell’attività consiliare, è del tutto improprio. E risponde alla logica di travolgere ogni vicenda processuale da una generica accusa di parzialità del giudice, sempre più ricorrente in questi giorni proprio sulla base di analoghe, faziose operazioni mediatiche".

Una macchinazione ordita per allontanare il Cav dal Parlamento? Ora arriva la difesa della Cassazione e "l'arrocco" dell'Anm. Ma le parole di Franco pesano come un macigno sulla credibilità di una parte della Giustizia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Antenna54

Mer, 01/07/2020 - 10:11

Tutto è avvenuto secondo legge ... praticamente la loro legge! Sarebbero tutti da licenziare e la Magistratura da rifare da zero con paletti intorno e niente sindacati di categoria.

GINO_59

Mer, 01/07/2020 - 10:17

Solo il POPOLO può e deve Processare i Giudici ed i Politici, altrimenti è tutto un mercimonio.

traianus2

Mer, 01/07/2020 - 10:21

Chi pensava in un pentimento della magistratura evidentemente era fuori strada. Questa classe dominante del potere giudiziario, non solo ha rovinato l’Italia a partire da quell’accozzaglia autodenominatasi Mani Pulite, ma da allora ha continuato imperterrita, sicura dell’immunità, stravolgere la democrazia italiana, con la complicità “dall’alto”. E’ bene e doveroso per il bene comune del Paese che si faccia una commissione che indaghi da Mani Pulite in poi e si rivedano tutti i processi di Berlusconi, per il quale tutti gli italiani sapevano benissimo che erano processi inventati. Basti pensare ai processi Rubi1-2-3-4- 545….

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mer, 01/07/2020 - 10:24

Davvero? Non me lo sarei aspettato! .. ahahahaha ..

Italia_libera

Mer, 01/07/2020 - 10:27

Se c'è una vera giustizia,dove questi magistrati hanno giurato fedelta' alla "Costituzione Italiana" e al nostro presidente che e' la massima istituzione,questi magistrati che rappresentano la Magistratura devono dimettersi.Il magistrato non puo' fare politica teleguidando processi dove mettono a repentaglio il voto del popolo italiano.

batteintesta

Mer, 01/07/2020 - 10:29

Ma codesti signori come sono arrivati lì, chi ce li ha messi, con quali titoli e soprattutto quali meriti... Sembrano la setta dei Catari... Al di sopra di tutti e di tutto, anche del POPOLO?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 01/07/2020 - 10:30

Da buoni comunisti, ognuno accuserà l'alrto e giurerà d iessere innocente a prescindere. Tutti sapevano, tutti dovrebbero essere condannati, compreso chi li comandava, in qualità di responsabile.

leopard73

Mer, 01/07/2020 - 10:38

BASTA pestargli la coda che si RIBELLANO come i SERPENTI a sonagli!!! Tutti sapevano ma bocchie chiuse nel loro interesse!!!!

Giorgio Colomba

Mer, 01/07/2020 - 10:41

Qualcuno rammenti a questi tutori di colleghi beccati con la toga nella marmellata che il tempo delle supercazzole per difendere l'indifendibile sta volgendo al termine.

silvano45

Mer, 01/07/2020 - 10:42

Moltissimi cittadini vengono incarcerati perseguitati spesso per piccoli reati mentre chi ha attentato allo stato violentato la volontà popolare e molti altri reati e licenziarli incarcerarli sarebbe il minimo ma questa supercasta che non tiene vergogna vorrebbe farla franca.

jaguar

Mer, 01/07/2020 - 10:45

È inutile girarci attorno, serve un bel repulisti in grande stile.

billyserrano

Mer, 01/07/2020 - 10:48

Come ho già detto altre volte, l'Italia assomiglia sempre più alle dittature del sud America, dove la corruzione politica e giudiziaria, la fanno da padroni. Sarà difficile riportare le cose nella legalità, a meno di una rivolta popolare violenta, che cambi gli uomini della politica e delle istituzioni, come per esempio la giustizia.

Mborsa

Mer, 01/07/2020 - 10:52

Io penso che ci sia stato un "complotto", però non posso credere che la firma del giudice Franco sulla sentenza sia stata estorta con la forza, che lo stesso giudice non abbia avuto modo e tempo per manifestare e testimoniare pubblicamente le sue accuse dopo la sentenza. Costruire un "processo" su dichiarazioni private di un morto è una assurdità e la magistratura non poteva che affermare quanto sopra. La riabilitazione di Berlusconi deve essere poltica, non certo giudiziaria.

FrancoM

Mer, 01/07/2020 - 10:55

Tempo verrà, e non c'è tanto da aspettare.

SPADINO

Mer, 01/07/2020 - 10:56

IN UNO STATO VERAMENTE DEMOCRATICO QUESTI POTENTI PERSONAGGI SIA POLITICI CHE MAGISTRATI SONO IN DELIRIO DI ONNIPOTENZA E VANNO "ARRESTATI E PROCESSATI E CONDANNATI " PER GOLPE ...PERCHE' HANNO FATTO FUORI CHI HA PRESO MAGGIORI VOTI IN ELEZIONI DEMOCRATICHE, CON LA GIOIA DI TUTTI I COMUNISTI DI ALLORA E DI ADESSO ED ANCHE DI QUELLO CHE NEL 1956 INSIEME A TOGLIATTI ESORTAVA STALIN AD INVADERE L'UNGHERIA. NON E' UNA INVENZIONE MA ESISTE LA LETTERA SCRITTA. QUINDI SI PARLA DI STORIA.

apostrofo

Mer, 01/07/2020 - 11:04

DOMANDA:A CHI FA COMODO QUESTA ITALIA "NON PERFETTA" NELL'UNIONE EUROPEA ?

Albius50

Mer, 01/07/2020 - 11:13

Questi continuano a sperare in un regime STILE KGB gli manca la LUBIANKA, ma ci siamo vicini, in "NOME DEL POPOLO ITALIANO" ormai non esiste nel loro vocabolario.

Duka

Mer, 01/07/2020 - 11:16

Spadino ha ragione e noi ce lo siamo addirittura tenuto sul seggiolone 2 anni in più. Più scemi di così......

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Mer, 01/07/2020 - 11:34

Il giudice naturale precostituito per legge, garanzia di giustizia. Balle. Tutti i giudici sono nat. e precost. per legge. Il sistema "alla Palamara" era già perfetto mezzo secolo fa, quando io -l'ultimo dei praticanti- ricevevo le istruzioni di base sui meccanismi d'assegnazione dei magistrati alle sedi (i giudici del lavoro erano sempre dei comunisti DOC)e su quelli d'assegnazione dei fascicoli a ciascun magistrato, in teoria a rotazione secondo il numero d'iscrizione a ruolo al momento dell'arrivo in cancelleria ma nella pratica maneggiabile a piacimento, in primis dai magistrati che avevano un qualche interessamento a trattare questo o quel fascicolo... Perchè assegnare Tizio ad un ufficio non è per fargli un favore, ma per assicurarsi che le pratiche di quell'ufficio vengano trattate "in un certo" modo. Soprattutto se riguardano il cav.

Ritratto di drazen

drazen

Mer, 01/07/2020 - 11:41

Era più che evidente che si sarebbero difesi con i denti! Però la vergogna resta! La difesa, poi, dell'anm fa francamente ridere, dopo quello che è emerso col Palamara.

babilonia

Mer, 01/07/2020 - 11:42

Sì, sì tutto regolare in quel processo, nei pressi di quel tribunale sono stati visti volare anche gòli asini....

killkoms

Mer, 01/07/2020 - 11:46

giustizia pret a porte'!

savonarola.it

Mer, 01/07/2020 - 11:48

Hanno ragione; tutto in modo conforme alla regola di questo paese che elimina con le sentenze pilotate ogni avversario della sinistra. E prima ancora delle sentenze agiscono i centri sociali e affini, vero braccio armato del PD. Una vera associazione a delinquere. Ma il pdr, cui la magistratura fa capo, perché tace?

Ritratto di apasque

apasque

Mer, 01/07/2020 - 11:52

L'amante dei carri armati in Ungheria nel '56, fu lui che sempre inneggiò all'Unione Sovietica ed alle sue usanze politiche. Fortunati che da noi non esiste più la pena capitale

marcopg

Mer, 01/07/2020 - 11:58

" La Suprema Corte di Cassazione, pilastro della giurisdizione della Repubblica " , " La legge è uguale per tutti" ....e giu' risate!

ArchStanton

Mer, 01/07/2020 - 11:58

Scusate ma... il film "In nome del popolo italiano" l'ho visto solo io? Se le rivelazioni saranno confermate, sono relative a fatti del 2013. Il film è del 1971. E la canzone "In prigione, in prigione"? L'LP è del 1977. Come mai adesso cadiamo tutti quanti dal pero? Sono decenni che queste cose si sanno.

Ritratto di apasque

apasque

Mer, 01/07/2020 - 12:07

Bisogna combattere per condannare IL COLPEVOLE, non lasciare che le sinistre affossino tutto!

ST6

Mer, 01/07/2020 - 12:09

Indagateli tutti. Punto

tosco1

Mer, 01/07/2020 - 12:12

Questi .... (e mi viene in mente il termine che il Manzoni usa per definire la monaca di Monza) non devono processare nessuno. Devono essere tutti messi sotto processo per alto tradimento, in compagnia del primario compare, che definirei non del tutto sconosciuto.Basta sopportazione del nostro popolo sbeffeggiato da questa categoria di persone che e' l'esempio naturale della scorrettezza professionale e del tradimento al proprio paese. Questo e' quello che penso io, ma ,per la verita', io penso anche molto di piu'.

Nes

Mer, 01/07/2020 - 12:23

Riformare al più presto. No più nomine di partito politico ma a sorteggio per tutte le cariche istituzionali e basta con gli amici degli amici. L'Italia va salvata e il popolo va tutelato non con la costituzione più bella del mondo che offre spazi dittatoriali e poteri a palazzi della politica. Una riforma radicale di tutto.

VittorioMar

Mer, 01/07/2020 - 12:24

....fare i nomi dell'Intero Collegio Giudicante...si gradirebbero le DIMISSIONI....che voi sappiate c'e' sempre il PdR ??..alla volte..

cgf

Mer, 01/07/2020 - 12:27

qualcuno se ne va e lascia certi audio, ma come si permette?

Calmapiatta

Mer, 01/07/2020 - 12:39

Il Re è nudo. La casta è ormai allo scoperto, eppure, come tutte le caste, si arrocca sul suo potere. Che Berlusconi sia un "delinquente" come riferito, o un santo, un politico di vaglia o un incompetente, non è rilevante. Di rilevante c'è il fatto che dei burocrati autoriferiti abbiano deciso a tavolino che un uomo politico andava "eliminato" per motivazioni politiche. Questo è gravissimo. E che Berlusconi fosse l'oggetto di tanta cura non diminuisce il vulnus portato alla democrazia di questo povero paese.

rossini

Mer, 01/07/2020 - 12:43

Ma quale giudice precostituito per legge. I giudici che fanno parte delle "Sezioni Feriali" lo fanno "previo interpello" (che significa "ci vuoi andare?") e perciò su base volontaria. Quindi, se io so o prevedo (e prevederlo non è difficile) che un certo processo sarà assegnato alla Sezione Feriale, mi offro come volontario e farò il giudice di quel processo. E questo sarebbe il giudice precostituito per legge?

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Mer, 01/07/2020 - 12:44

Magistrati, coinvolti a vario titolo e con profili diversi, nelle patrie galere no? Mani pulite: una serie di arresti di uomini politici (4525 arresti tra politici e non). Ci sarebbe da ridere, e parecchio,, se solo non ci fosse da piangere e da.....

SemprePiùBasito

Mer, 01/07/2020 - 12:53

Mi dispiace dirlo ma o questa Magistratura viene eliminata e si riparte da ZERO o NON è più credibile. Non guardo in faccia nessuno proprio si dovrebbe fare come Roma con Cartagine ... Cartago delenda est. Ora poi se questi se la prendono con un collega morto allora a maggior ragione comunisti e massoni come sono non posso più rimanere in quei posti.

Ritratto di gbbyron2007

gbbyron2007

Mer, 01/07/2020 - 12:53

Ma Mattarella ha forse un attacco di faringite? Nel suo caso, anche il silenzio è un tradimento della Patria. La Gruber dovrebbe invitare lui e Napolitano nella sua rubrica. Farebbe il boom di ascolti

Ritratto di gbbyron2007

gbbyron2007

Mer, 01/07/2020 - 12:56

Secondo loro, dunque, la giustizia si amministra così? Forconi, forconi, forconi..

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 01/07/2020 - 13:05

Sono terrorizzato. Temo di essere morto e, come insegnava Gautama Budda, a motivo dei miei peccati rinato nell’impero sovietico di Stalin. Non può essere che così: I magistrati accumulano un arretrato da brivido nei processi da svolgere, ma processano e condannano i loro avversari politici e si processano tra di loro. Non sono buddista; se e solo un incubo, per favore qualcuno mi svegli!

Ritratto di Adespota

Adespota

Mer, 01/07/2020 - 13:10

Ricordo di un avvocato che mi disse che una sua causa finita in cassazione contro un avvocato compagno fu decisa prima che il fascicolo fosse inviato a Roma. Ora capisco.

fenix1655

Mer, 01/07/2020 - 14:21

Impressionante la sete di verità e di giustizia che anima questi magistrati !!!!

buonaparte

Mer, 01/07/2020 - 14:37

ci sono giudici onesti ,ma sono la minoranza e sono soggiogati da quelli ammanigliati con la politica che possono decidere i loro destini come destinazioni e scatti di carriera. cosa fareste voi al loro posto? non tutti sono cuor di leone pur dovendo amministrare una cosa cosi alta come la giustizia ..parlino almeno in modo anonimo. si apra un blog dove in completo anonimato possano dire le varie verità e situazioni gravi di cosa avviene nella giustizia italiana - solo azzerando il csm e le altre organizzazioni dei giudici si potranno avere delle testimonianze vere dai giudici altrimenti saranno costretti a tacere o dire cose non vere ..

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 01/07/2020 - 16:07

ora ci racconteranno che tutto era sacrosanto frutto di un una condanna assolutamente giustificata sofferta e meditata in ore ed ore di camera di consiglio.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 01/07/2020 - 16:08

dobbiamo quindi chiederci quando sara organizzato il processo a Franco che ha osato inventarsi la verita

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 01/07/2020 - 16:12

@buonaparte (Mer, 01/07/2020 - 14:37) – Per come vanno le cose, temo che ormai i magistrati non allineati alla giustizia democratica staliniana, siano tutti, o quasi, intercettati di continuo con i famigerati troian. Tra i delitti orrendi di cui si è macchiato il Cavaliere del lavoro Silvio Berlusconi, c’è l’aver creato grandi aziende che danno lavoro a migliaia di persone, l’aver dato voce, nei notiziari TV, non allineata alla Rai ormai in mano ai rossi. Ciò che non gli hanno mai perdonato, però, è la batosta elettorale data a Occhetto, dopo che “mani (sinistre) pulite” ave creato il deserto tra i partiti che avrebbero potuto contendere la vittoria al PCI. Né va dimenticata la sua insistenza sulla separazione delle carriere tra inquirenti e giudicanti.

Giorgio5819

Mer, 01/07/2020 - 16:31

Sarebbe sufficiente avere un presidente della Repubblica...