Il governo si prepara al lockdown di primavera

Gualtieri: l'extra deficit servirà anche in caso di altri "vincoli". Ristori ancora nel caos

Governo al lavoro sul decreto Ristori, tra mille difficoltà. Mette a punto il rinvio della Cassa integrazione (e relativo rinvio dello stop ai licenziamenti), conferma lo stop ai contributi delle partite Iva. Ma sul fronte degli aiuti alle imprese per ora non trova una quadra, tra pressioni sempre più forti che vengono dal mondo produttivo e paletti europei. Il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha incontrato le associazioni del lavoro autonome e ha annunciato lo stanziamento di 1,5 miliardi per il cosiddetto «anno bianco» dei contributi. E una eventuale estensione dell'Iscro, la cassa integrazione per gli autonomi prevista dall'ultima legge di Bilancio. Per quanto riguarda la Cassa integrazione il decreto Ristori cinque prolungherà di 26 settimane l'assegno in deroga e di 8 quello relativo alla Cig ordinaria. Nella lettera inviata alla Commissione europea per motivare lo scostamento di bilancio, il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, ha spiegato che «il governo desidera disporre di risorse finanziarie sufficienti» anche «per prolungare, se necessario, il regime di integrazione salariale Covid-19 fino all'autunno».

Ma c'è dell'altro. Lo scostamento da 32 miliardi, autorizzato dal Parlamento, ha sottolineato Gualtieri, serve al prossimo decreto Ristori, che nelle previsioni dovrebbe essere l'ultimo. Ma anche «in caso di permanenza di rigidi vincoli alla mobilità e all'attività imprenditoriale durante la primavera».

Dettaglio che rivela la possibilità, per nulla remota, che le misure restrittive vadano oltre marzo. La cassa integrazione estesa fino al prossimo autunno può essere legata agli strascichi della crisi. Quello di Gualtieri sembra molto un annuncio di nuovi lockdown regionali.

Anche l'Europa si sta muovendo verso un'estensione degli aiuti alle imprese. È di due giorni fa una bozza elaborata dalla Commissione europea che propone agli Stati membri la proroga dal 30 giugno al 31 dicembre 2021 del Temporary Framework sugli aiuti di Stato, cioè il regime transitorio che rende più facile l'intervento dello Stato in sostegno alle imprese. Se il resto d'Europa proseguirà a varare piani di aiuto, difficile che l'Italia si fermi.

Le richieste non mancano. Il Turismo batte cassa. Le regioni danneggiate dalla stagione invernale saltata hanno chiesto al governo 5 miliardi di euro. Anche ieri sono proseguite le proteste dei ristoratori. In pressing sui ristori anche gli artigiani. Il governo deve ancora trovare il modo di superare la logica dei codici ateco, che limitano gli aiuti ad alcune categorie.

Attesa anche per il Recovery. Il governo inizierà oggi una serie di incontri con le parti sociali. Confindustria auspica che «le forze di mercato siano i motori dell'allocazione delle risorse e che i fondi pubblici siano investiti in modo proficuo», ha auspicato il presidente della confederazione Carlo Bonomi aprendo il B20 Inception Meeting, il summit del Business legato al G20 a guida italiana. Appuntamento coordinato da Emma Marcegaglia. A lei il compito di raccogliere le proposte del mondo dell'economia da girare ai leder del summit.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

tiromancino

Ven, 22/01/2021 - 10:39

Pure la Pasqua è a rischio, praticamente come il Natale scorso

Ilsabbatico

Ven, 22/01/2021 - 10:47

Ancora rinvio dello stop licenziamenti? ...devono essere sicuri di fare fallire ben bene tutte le imprese.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 22/01/2021 - 11:11

Questi non sanno più come rigirarsi. Stai a vedere che sperano loro nel voto anticipato adesso? Forse per nascondere le loro incapacità e gli immensi danni arrecati?

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 22/01/2021 - 11:21

Temo che abbiano già pronto anche il lockdown per l'estate.

Indifferente

Ven, 22/01/2021 - 12:18

Purtroppo sono stato un facile profeta a prevedere lockdown a macchia di leopardo e a singhiozzo. Per coprire la loro totale incapacità gestionale e proseguire con editti e proclami, ruberanno anche la primavera. Bene. Hanno considerato che il 12 aprile inizia il Ramadam? Prevedono, per codardìa, una dispensa speciale o pensano di educare anche quei fedeli al rispetto degli ordini prodotti dalle commissioni e task force? Riusciranno a aprtorire qualcosa per tempo o la sera del giorno 11 ancora non si saprà nulla (tipo scuola, per intenderci)?

amedeov

Ven, 22/01/2021 - 12:41

Non discuto dei recovery dati a chi, per il virus, ha dovuto chiudere o ridurre drasticamente la propria attività, ma un piccolo recovery ai pensionati, che sono anni che le loro pensioni non vengono adeguate al costo della vita, quando viene dato?

jaguar

Ven, 22/01/2021 - 12:54

Se resta l'attuale esecutivo lo stop ai licenziamenti continuerà fino al 2023, poi saranno problemi di chi subentrerà. Nel frattempo le aziende non potendo licenziare chiudono giustamente i battenti.

Happy1937

Ven, 22/01/2021 - 16:14

Ma loro pensano davvero di poter mangiare la colomba Pasquale?

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 25/01/2021 - 13:17

giustisssimo! Direi dal 27 marzo all'11 aprile!! ACCHHH SOOOO!!!