Alla guida senza patente travolge moglie e marito. Lui muore, lei gravissima

Il figlio: "Mi avete rovinato la vita, vi troverò". Il pirata, uno straniero regolare, si costituisce

Alla guida senza patente travolge moglie e marito. Lui muore, lei gravissima

Ha travolto con la propria auto, saltando lo «stop» all'incrocio e a forte velocità, un'altra macchina su cui viaggiava una coppia di 60enni. Poi è fuggito senza prestare soccorso, lasciando sulla strada un morto e un ferito grave. «Mi avete rovinato la vita, ma state tranquilli che vi troverò», ha scritto sui social subito dopo l'incidente il figlio dei coniugi coinvolti. Il pirata della strada si è infine costituito.

L'incidente mortale si è verificato sabato intorno alle 22.30 a Corsico, non lontano da Milano. In via Piave una Bmw che veniva da via Vittorio Veneto ha attraversato l'incrocio senza rispettare lo «stop» e a velocità elevata ha investito una Fiat 600 con alla guida una donna di 59 anni e a fianco il marito di 60, entrambi italiani. L'uomo, Renato Fabbi, è stato portato dal 118 all'ospedale Humanitas di Rozzano dove è morto poco dopo. La moglie è stata accompagnata in codice rosso al Niguarda, è grave ma non in pericolo di vita. A bordo della Bmw c'erano due uomini, che non si sono fermati a dare soccorso. Hanno abbandonato l'auto e sono fuggiti a piedi. A chiamare il numero d'emergenza sono stati alcuni residenti della zona. I carabinieri di Corsico, che hanno subito fatto partire le ricerche del pirata, hanno verificato che nel luogo dell'incidente non ci sono telecamere di sorveglianza.

Nel pomeriggio di ieri però il guidatore della Bmw si è presentato in caserma. È un cittadino marocchino di 32 anni, con regolare permesso di soggiorno ma senza patente. Ha spiegato di essere scappato proprio perché privo del permesso di guida. Il pm di turno lo ha interrogato. È stata aperta a suo carico un'inchiesta con le accuse di omicidio stradale, lesioni personali gravissime e omissione di soccorso. Il 32enne è in stato di fermo.

La coppia travolta stava tornando a casa dopo aver fatto brevemente visita al nipote per il suo compleanno. Sul posto, oltre ai sanitari e ai carabinieri, sono intervenuti anche i vigili del fuoco. «Ha preso in pieno l'auto dei miei genitori a una velocità folle - scrive il figlio delle vittime riferendosi all'uomo che ha causato lo scontro - senza rispettare le segnaletiche, uccidendo il mio papà. Mia mamma è in gravi condizioni, ma la cosa ancora più disumana è che è scappato via insieme al suo amico abbandonando la sua auto lì senza chiamare soccorsi».

Continua il post: «Vedere mio padre lì morto, dopo che avevamo passato una breve serata giusto per fare gli auguri per il compleanno di suo nipote, non è normale tutto questo, l'essere umano fa schifo è un mondo pieno di gente che non merita di starci! Questi due mi hanno portato via mio padre me lo hanno ucciso e ancora non lo realizzo». Poi un messaggio: «State attenti quando guidate, ci vogliono mille riflessi. È un attimo e tutto finisce».