Landini lancia la Fiom: "Progetto alternativo a Troika e renzismo"

Il sindacalista sogna un nuovo partito che riunisca la sinistra italiana: "Va data continuità allo sciopero generale"

Landini lancia la Fiom: "Progetto alternativo a Troika e renzismo"

La sinistra italiana sogna. All'indomani del trionfo di Alexis Tsipras in Grecia, il leader della Fiom Maurizio Landini si esalta tanto da sognare una vittoria della sinistra anche nel Belpaese. Perché questo possa avvenire, però, si deve fare qualcosa di simile a Syriza, porsi l'obiettivo di "cambiare i processi e, contemporaneamente, puntare a governare il paese con un progetto alternativo a quello della Bce e della Troika".

"Quando lo scorso autunno, invitato da Alexis, sono andato ad Atene alla festa di Syriza - racconta Landini in una intervista a Repubblica - mi ha colpito il fatto che quel movimento non è nato con l’idea di dar vita a un nuovo partito, bensì dalla necessità di dare risposte materiali (le cure sanitarie, i pasti quotidiani) alle persone. Questa è la grande novità. Questa è la forza di Syriza ma anche di Podemos in Spagna". Secondo il leader della Fiom anche in Italia la sinistra dovrebbe fare qualcosa di simile, porsi l’obiettivo, dice, di "cambiare i processi" e, "contemporaneamente, puntare a governare il Paese con un progetto alternativo a quello della Bce e della Troika".

Landini sogna un processo che vada "oltre i partiti". La Fiom è pronta a impegnarsi in primissima linea. "Il popolo greco ha scelto una piattaforma che è esattamente opposta a quella del governo italiano - spiega Landini - il governo Renzi sta completando il programma indicato dalla Bce nella famosa lettera dell’agosto 2011 e avviato con il governo Monti. Non c’è stata alcuna discontinuità". Quindi, l'affondo: "D’altra parte Renzi è stato il presidente di turno dell’Europa ma nessuno se n’è accorto". Questo, però, non significa che la Fiom aderirà al nuovo coordinamento che ha lanciato il leader del Sel Nichi Vendola. "Non è questo il punto - incalza - va data continuità allo sciopero generale".

Commenti