Libia, la pacifista Boldrini: "La guerra non serve a nulla"

Lady Boldrini in campo contro la missione Ue, ma appoggia il piano per accogliere gli immigrati

Libia, la pacifista Boldrini: "La guerra non serve a nulla"

Laura Boldrini sventola la bandiera della pace. Mentre in Libia infiammano le violenze, la presidente della Camera si oppone strenuamente all'intervento militare nel Mare Mediterraneo. "L’Italia dovrebbe proporre una conferenza di mediazione internazionale sulla Libia - spiega in una intervista al Fatto Quotidiano - dovrebbe prendere la guida dello sforzo di soluzione della crisi libica a livello politico e diplomatico, organizzare una conferenza di pace che abbia come obiettivo la formazione in Libia d’un governo d’unità nazionale".

La Boldrini critica duramente l'operazione militare che l'Italia dovrà guidare per tentare di porre fine all'emergenza immigrazione. Un'operazione che oggi ha ancora contorni troppo incerti per poterne valutare la fattibilità, l’efficacia, l’impatto. Eppure la Boldrini ci tiene a mettere un freno a qualsiasi tipologia di interevento militare nel Mediterraneo e lungo le coste libiche che mira a ridurre le vittime in mare rendendo inutilizzabili i barconi. "Bisogna prima conoscerne bene i termini operativi e i limiti fissati dalle Nazioni Unite e bisogna essere consapevoli che serve la collaborazione giudiziaria e di polizia delle autorità locali e del lavoro di intelligence che va fatto prima di ogni cosa, in Libia - aggiunge - qualsiasi intervento d’appoggio e di sostegno ha come presupposto che si arrivi a un governo di unità nazionale".

La Boldrini promuove, invece, il piano buonista sui rifugiati: "È stato impostato bene: spero che rappresenti l’inizio di una europeizzazione dell’asilo, che darebbe anche un segnale di ripresa del processo d’integrazione europea". "Qui ognuno gioca una partita e l’importante è non lasciarsi intrappolare - spiega la presidente della Camera - i proclami che arrivano da laggiù, dicendo che i terroristi del Califfato viaggiano sui barconi servono a spingerci verso una decisione muscolare. Noi dovremmo essere abbastanza maturi per capirlo".

Commenti